Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

Le informazioni privilegiate,  fattispecie penale ed amministrativa

Di Francesco  Guariniello

26 marzo 2007

 

Indice

 

1.         Introduzione

2.         Le informazioni privilegiate

2.1.      L’informazione privilegiata fattispecie di reato: la nozione

2.2.      La provenienza: l’insider primario, art 184, 1° comma T.u.f.

2.3.      Le condotte vietate: art 184, 1° comma T.u.f.

3.         L’illecito amministrativo: il c.d. doppio binario  

4          Conclusioni : Le questioni ancora aperte

 

 

 

1.         Introduzione

 

 

Affrontare lo studio della disciplina degli Abusi di mercato è evidentemente argomento quanto mai di attualità[1] che merita, per gli interessi coinvolti, un ‘attenzione molto particolare non solo dagli addetti ai lavori, ma credo anche dai milioni di risparmiatori/investitori che quotidianamente contribuiscono con il loro denaro ad alimentare il mercato finanziario il quale è importante non solo perché “maneggia denaro, ma anche e soprattutto perché maneggia informazioni”[2].

 Il mercato finanziario infatti  prima di essere un luogo di scambio di valori economici è innanzi tutto un luogo ove si scambiano informazioni poiché gli operatori finanziari basano le proprie scelte di mercato sulle informazioni in proprio possesso[3]; e condizioni necessarie  in grado di garantire l'efficienza del mercato, ovvero la capacità dell'ambiente operativo di riflettere rapidamente i prezzi e le informazioni riguardanti i titoli quotati in esso sono, dalla dottrina economica, individuati nella concorrenza perfetta tra gli operatori, nella diffusione immediata e gratuita delle informazioni, nel rapido adeguamento dei prezzi in occasione    di nuove   informazioni [4].

Si può affermare senza dubbio che "l'informazione è potere e quindi la libertà della sua acquisizione, da parte dei cittadini, significa libertà di apprensione e di partecipazione al potere"[5] anche economico. Essere informati significa non solo acquisire una serie di dati e notizie, ma soprattutto conoscere e gestire il patrimonio informativo acquisito operando delle scelte libere, che solo per citare uno dei tanti casi societari di questi ultimi anni, avrebbe forse impedito agli investitori dell Gruppo  Giacomelli di rimanere con il cosiddetto cerino acceso in mano[6].

L'interesse all'informazione inerisce, in generale, all'ambito di tutta la sfera decisionale dell’uomo, tanto più dell’uomo quale operatore economico, al punto che la sua garanzia, è sancita e costituzionalmente. Si consideri infatti  nello specifico, il settore economico: dalla libertà d'iniziativa economica (art. 41, primo comma Cost.) che garantisce le scelte dell'imprenditore e quindi la sua esigenza d'informazione, alla programmazione economica (art. 41, terzo comma Cost.) che esige la pubblicità delle direttive economiche dello Stato, alla tutela del  risparmio ed al suo libero accesso (art. 47 Cost.) che presuppongono la conoscenza del mercato e la trasparenza delle condizioni, affinché l'utente possa valutare la convenienza di ogni singola proposta anche rispetto alle alternative d'investimento offerte da istituzioni e mercati in concorrenza tra loro: una vera concorrenza richiede ed impone la conoscenza di dati e notizie. In conseguenza di ciò è stata individuata nella stessa trasparenza una delle caratteristiche tipiche del mercato efficiente giungendo a ritenere l'informazione una precondizione del corretto funzionamento del mercato stesso, una sua connotazione: la concorrenza può svolgersi correttamente solo ove gli operatori possano compiere le proprie scelte comportamentali in base a dati oggettivi e comparabili, oltretutto  uno dei motivi che rendono l’informazione più importante di quanto non sia in altri mercati,  è la tipicità dei beni scambiati:  i prodotti finanziari, sono prodotti la cui definizione ed il cui contenuto si esauriscono in una serie di situazioni giuridiche,. “le caratteristiche del bene sono interamente determinate dal contratto e non dalla realtà merceologica del bene stesso"[7].

Orbene se si considera  il mercato finanziario come l'insieme di "tutte le negoziazioni aventi ad oggetto attività e passività finanziarie, indipendentemente dalle caratteristiche di queste ultime,  e riconducendo nell'ambito delle operazioni dello stesso tutte le operazioni che sono poste in essere per trasferire e trasformare mezzi finanziari dai settori in avanzo ai settori in disavanzo"[8], rileva ictu oculi il ruolo di protagonista rivestito dall'informazione, e l'esigenza di informazione per la competitività.

In Italia con il recepimento  della direttiva 2003/6/CE attraverso la L. n 62/2005 sembra che si sia intrapresa apparentemente una nuova stagione per i reati finanziari: il legislatore ha predisposto per la repressione degli abusi di mercato “ un arsenale a disposizione degli inquirenti”[9]; infatti oggi per quel che qui ci interessa, cioè  affrontare lo studio dell’insider trading,  pur a dispetto di una giurisprudenza ancora scarna, non solo la disciplina strettamente riguardante gli abusi di mercati è stata inasprita almeno dal punto di vista sanzionatorio, ma anche norme che ruotao intorno agli abusi di mercato: ad esempio le stesse società emittenti sono stati  sottoposti ad obblighi più onerosi; i modelli organizzativi delle società necessariamente si dovranno adeguare alle disposizioni dettate dalla disciplina sul market abuse che prevede sanzioni a carico degli enti che dalla commissione degli illeciti da parte dei propri dipendenti hanno tratto vantaggio.  

Ed ancora uno dei punti fondamentali, che esula dalla disciplina strettamente regolamentata nel T.u.f. dagli artt. 184 e ss., risiede  nelle modificazioni apportate al nuovo art.114 del T.u.f. che disciplina gli obblighi informativi nei confronti del pubblico, degli emittenti e degli altri emittenti ivi indicati nei confronti delle informazioni privilegiate. Infatti se nel primo comma sostanzialmente le novità sono marginali, l’oggetto dell’ obbligo informativo ora individuato tout court nelle informazioni privilegiate di cui all’art. 181 del T.u.f., ben più rilevanti sono le modificazioni apportate nei commi successivi.

Si stabilisce che gli emittenti ed i soggetti che li controllano possono ritardare la comunicazione al pubblico dell’informazione privilegiata alla condizioni ed in ipotesi che Consob indicherà in apposito regolamento sempre che ciò non induca in errore gli investitori e gli emittenti possano garantirne la riservatezza (art 114 co.3).

Il comma successivo dell’art.114 ricalca l’art 6 co.3 della direttiva europea statuendo che qualora i soggetti di cui all’art.1 (emittenti quotati o i soggetti che li controllano) “forniscano  nel normale esercizio  del lavoro, della professione o dell’ufficio” informazioni privilegiate “ad un terzo che non sia soggetto ad un obbligo di riservatezza legale, regolamentare,  statutario o contrattuale”  essi sono tenuti a darne “integrale divulgazione al pubblico, simultaneamente in caso di divulgazione intenzionale e senza indugio in caso di divulgazione non intenzionale”.   

Merita un cenno poi il comma 7 dell’art.114 del T.u.f. (insider dealing) che recependo la disciplina prevista dall’art 6 co. 4 della Direttiva 2003/6/CE, stabilisce i doveri dei soggetti che abbiano regolare  accesso ad informazioni privilegiate o detenga azioni in misura pari almeno al 10% del capitale sociale o che comunque controlli  l’emittente quotato (soggetti rilevanti). Costoro  sono obbligati a comunicare alla Consob  ed al pubblico le “operazioni aventi ad oggetto azioni emessi dall’emittente o altri strumenti finanziaria ad esse collegati., da loro effettuate anche per interposta persona. Obblighi che coinvolgono anche persone a loro strettamente  legate quali ad esempio  il coniuge non separato legalmente o i figli. Un ulteriore segno della direzione in cui si muove la novella: ampliamento della portata della disciplina rispetto alla previgente e rappresenta altresì il consolidarsi in disposizioni legislative di regole in precedenza affidate all’autodisciplina di mercato (vedi Regolamento di Borsa)[10].

A  completare il quadro vi è la previsione dell’art 115 bis, innovativa per certi versi ed ignota nella legislazione europea, in quanto al massimo, sistemi come quello previsto dal suddetto articolo, li ritroviamo nella tradizione della best practice degli intermediari: in pratica ora vi è una disposizione che stabilisce un obbligo funzionale al controllo della circolazione dell’informazione privilegiata prima che essa circoli pubblicamente: un obbligo di tenuta di appositi registri indicanti i nomi delle persone che  dispongano, in ragione delle loro funzioni, di informazioni privilegiate[11]. Sembrerà ovvio ma rientra tra i soggetti ritenuti insiders anche colui a cui verrà affidata la tenuta del “registro”, così come l’esatta osservanza della disposizione prescritta dall’art 115-bis sarà un parametro per la valutazione di responsabilità dell’ente così come stabilisce l’art 187 del T.u.f. quinquies.

 

 

 

2.         Le informazioni privilegiate

 

 

Esaminiamo  la definizione di informazione privilegiata  contenuta inserita nell’art. 1 della Direttiva 2003/6/CE[12] . Essa, oltre ad essere simile a quella fornita nella  Direttiva n°89/592/CEE sull’ insider trading ( allargando  tuttavia l’ambito di applicazione dai valori mobiliari agli strumenti finanziari, compresi derivati), benchè il metodo o lo scopo sono differenti, è composta da quattro elementi che ne illustrano la ratio del divieto di abuso di informazioni. 

a) L’art.1, in primo luogo definisce  l’informazione privilegiata  “precisa” e cioè tale che “ la situazione o l’evento a cui l’informazione si riferisce sono veri o esiste una ragionevole aspettativa che diventino veri in futuro”[13]. Il primo pensiero corre subito a quella “ridda di voci” o psueudo-informazioni finanziarie meglio conosciute come “ rumors” che non sono ricompresi proprio perché cagionevoli della specificità dell’accuratezza. Ma proprio il combinato disposto delle disposizioni della Direttiva 2003/6/CE e della Direttiva 2003/124/CE chiarisce il quadro del significato del carattere preciso dell’informazione  e cioè essa da una parte “deve riguardare un complesso di circostanze esistenti o delle quali si possa ragionevolmente ritenere che verranno ad esistenza”,[14] dall’altra essa deve essere “sufficientemente  specifica da consentire di trarre conclusioni sul possibile effetto di detto complesso di circostanze o di detto evento sui prezzi di strumenti finanziari o di strumenti finanziari derivati connessi[15]”.

b) L’informazione non deve essere stata resa pubblica il che potrebbe lasciar intendere che non è stata comunicata al pubblico o che non è stata resa pubblica. Quest’ultima interpretazione appare preferibile[16]; è bene, l’informazione deve essere diffusa in modo tale che gli investitori ne siano in possesso prima degli insiders[17], posto che l’ipotesi di mercati efficienti prevede che i prezzi degli strumenti finanziari incorporino le informazioni. Per quanto riguarda la tempistica, la norma chiede che le informazioni siano comunicate al pubblico al più presto possibile, salvo che una comunicazione così repentina possa danneggiare gli interessi degli emettenti, in tal caso è concesso all’emittente sotto la propria responsabilità di ritardare il flusso informativo purché ciò non possa fuorviare il pubblico (art. 6, co. 2).

c) L’informazione privilegiata concerne direttamente  uno o più strumenti finanziari o emittenti di strumenti finanziari ma anche indirettamente come nel caso di reports, o raccomandazioni della agenzie di rating relativi al valore degli strumenti finanziari. Giova solo ricordare per questi ultimi soggetti come la Direttiva 2003/125/CE abbia sancito dettagliatamente come debbano comportarsi  gli analisti finanziari o tutti quei soggetti che diffondono raccomandazioni circa l’investimenti di taluni strumenti finanziari: è palese la preoccupazione del legislatore comunitario di evitare l’ingenerarsi situazioni in conflitto di interessi dove chi “raccomanda” un investimento abbia un proprio interesse nello stesso e pertanto viene posto l’obbligo per i soggetti che diffondono informazioni quali studi, ricerche, raccomandazioni di operare con diligenza e di presentare con correttezza le indicazioni di eventuali propri interessi (art 6, co.5).

d) Infine l’informazione deve  avere quel grado di probabilità, tale che   se resa pubblica, possa influire in modo sensibile sul prezzo degli strumenti finanziari e la valutazione,  stabilisce  il CESR, deve essere fatta ex ante[18] valutando cioè se fosse probabile un “sensibile”  movimento del prezzo alla pubblicazione dell’informazione; giudizio ex ante vuol dire che l’accertamento ex post di un certo comportamento degli investitori può non essere di per sé decisivo perché ciò che conta non è ciò che effettivamente sia avvenuto ma ciò che era ragionevolmente prevedibile. Si tratta insomma di un giudizio prospettico basato inevitabilmente su previsioni.[19]

Nell’effettuare tale analisi, occorre considerare vari elementi: l’impatto dell’informazione alla luce dell’attività complessiva dell’emettente considerato, l’attendibilità della fonte di informazione, nonché ogni altra variabile di mercato che possa influire sullo strumento finanziario coinvolto[20]. Dunque perché si abbia un’informazione price-sensitive vi deve essere, per un investitore ragionevole, il “presupposto genetico che essa sia in grado di fondare esigenze di investimento originandole o influenzandole”[21]: deve trattarsi di un’informazione “ che presumibilmente un investitore ragionevole utilizzerebbe come uno degli elementi su cui fondare le proprie decisioni di investimento” (art. 1 Direttiva 2003/124/CE).

Ma chi sono gli insiders per la normativa comunitaria? Dal punto di vista teorico  le definizioni degli insiders rispecchiano la teoria già conosciuta negli Stati Uniti “della parità di accesso” (equal access theory)[22] cioè gli insiders sono identificati in base o all’accesso alle informazioni privilegiate in forza di posizioni ricoperte (amministratori, direttori. azionisti...) o al possesso di informazioni ricevute delle quali conoscono  o dovrebbero conoscere il carattere privilegiato pur differenziandosi dal diritto statunitense in quanto non si menziona la violazione del dovere fiduciario nei confronti della società.

Ebbene una prima distinzione menzionata nei lavori preparatori della Direttiva sull’insider trading del 1989, e fatta propria dagli interpreti malgrado poi scompaia nella stesura della stessa, è tra  insiders primari e secondari. Ai primi appartengono coloro che per professione o qualifica sono vicini alla fonte dell’informazione, mentre ai secondi appartengono tutti coloro che ricevono la stessa informazione dai membri del primo gruppo[23].

Orbene, la Direttiva vigente fa propria la qualificazione degli insiders primari contemplata dalla Direttiva sull’insider trading (si prevedevano tre categorie: quelli della società come gli amministratori, gli azionisti che detenevano quote rilevanti e quelli professionali), infatti l’art. 2, paragrafo 1 prevede un divieto di abuso di informazioni privilegiate in capo a tutte le persone che ne dispongono a causa di un qualifica, professione o attività, aggiungendo però tutti coloro che ne dispongono a causa di proprie attività criminali e fa divieto di utilizzare tali informazioni per acquisire, cedere o cercare di acquisire o cedere per conto proprio o terzi, direttemene o indirettamente gli strumenti finanziari cui l’informazioni si riferiscono. Inoltre è vietato anche “ comunicare informazioni privilegiate ad un’ altra persona se non nell’ambito del normale esercizio del loro lavoro…” (art.3 lett. a)

L’art 4 della direttiva sull’abuso di mercato prevede i divieti per gli insiders secondari e cioè coloro che siano  in possesso di informazioni privilegiate pur  non appartenendo  ai cosiddetti insiders primari ma che tuttavia hanno la consapevolezza della provenienza di tale informazione. E’ prevista l’applicabilità dei divieti imposti dagli art. 2 e 3 estendendo in tal modo ciò che era previsto come attività di “non facere” nella previgente normativa (infatti agli insiders secondari era vietato solo la negoziazione). In virtù di ciò è vietato anche il tipping ed il tuyautage (entrambi vietati nella previgente normativa solo agli insiders primari) rispettivamente il solo comunicare informazioni privilegiate ad una altra persona (il tippee) al di fuori del normale ambito lavorativo, e questi ne usufruisca o venga indotto a farlo per acquistare o vendere gli strumenti finanziari, ed il  raccomandare l’acquisto o vendita di strumenti finanziari sulla base di informazioni privilegiate[24].

A ben veder quindi, la combinazione dei divieti posti sull’insider primario con i divieti posti sull’insider secondario, diventa un generale divieto di negoziare, comunicare e raccomandare applicabile a chiunque si trovi in possesso di una informazione privilegiata, in posizione di asimmetria informativa di vantaggio rispetto al mercato: si persegue l’illecito dell’insider trading, nel senso di tutelare la parità di accesso alle informazioni riservate per chi partecipa al mercato finanziario ( posizione come vedremo accolta dal nostro legislatore, ma ben diversa rispetto a quella adottata dagli Stati Uniti, da sempre impostata invece sulla sanzione del comportamento fraudolento che ha indotto e consentito il possesso ( e l’utilizzo ) dell’informazione riservata[25].

Può essere utile confrontare la norma comunitaria con quella che comunemente regola il mercato finanziario più evoluto al mondo cioè quello americano. E’ bene, paradossalmente nell’ordinamento statunitense manca una norma che  individua e specifica l’insider trading. L’illecito è sì sanzionato, ma solo in base ad una norma regolamentare emanata dalla autorità di vigilanza, la Sec, la quale attua il disposto della Section 10-b del Securities Exchang Act del 1934; concretamente è stata poi la giurisprudenza delle Corti ad identificare e sviscerare i criteri del comportamento illecito. Possiamo concludere questo breve confronto con il diritto americano, affermando che, mentre la norma europea  sanzione il dislivello informativo sul mercato, sottendendo l’intrinseca ingiustizia di un mercato che vede contrapposi posizioni non paritarie, l’approccio americano al fenomeno dell’insider trading intende offrire tutela rispetto alla disonestà nella condotta del mercato e sanziona chi utilizza mezzi fraudolenti  nell’avvalersi dell’informazione privilegiata (è illecito quindi per un amministratore che ha a disposizione una informazione riservata, negoziare titoli emessi dalla stessa società, in quanto verrebbe leso il suo dovere fiduciario nei confronti della società e dei soci che gli impone di non utilizzare a suo vantaggio le informazioni di cui entra in possesso nell’esercizio delle sue funzioni così come il comportamento dell’avvocato che attraverso un suo collega entra in possesso di informazioni di una società loro cliente che sta per lanciare un OPA su un’altra società ed acquista titoli della società target.

Infine per prevenire il fenomeno dell’insider dealing, l’art 6 co. 4 della Direttiva europea richiede alle persone con responsabilità di direzione (ed alle persone ad esse strettamente collegate) di notificare all’Autorità di l’esistenza di operazioni effettuate su strumenti finanziari emessi dall’emittente. 

 

 

 

2.1.      L’informazione privilegiata fattispecie di reato: la nozione

 

 

 

A seguito degli inattesi dissesti di gruppi imprenditoriali che occupavano un ruolo rilevante sul piano nazionale ed internazionale, è noto che la passata legislatura aveva messo in cantiere un ambizioso progetto legislativo allo scopo dichiarato di apprestare efficienti mezzi di tutela del pubblico risparmio. 

Orbene, è altrettanto noto come  l’iter parlamentare di questo progetto sia stato travagliato e così se in un primo momento in questo corpus normativo, volendo essere una riforma organica, doveva trovar recepimento anche la direttiva comunitaria in materia di abuso di mercato, le difficoltà incontrate hanno suggerito al Governo l’opportunità di anticipare la parte concernente gli abusi di mercato in occasione della promulgazione della legge di recepimento delle direttive comunitarie.

Con l’art 9  della legge 18.04.2005, n° 62 (legge comunitaria 2004) sono state così recepite in Italia la direttiva  n° 2003/6/CE sugli abusi di mercato e le relative disposizioni di attuazione comunitarie; bisogna subito precisare che le disposizioni esaminano oltre che la disciplina degli abusi di mercato in modo significativo, anche una serie di modificazioni del Testo unico della finanza prevalentemente funzionali che non esaminerò in questa sede il   ruolo assunto dalla Consob,  merita  tuttavia un breve approfondimento prima di esaminare la disciplina dell’insider trading.

“Il legislatore nazionale si è sostanzialmente adeguato al dettato del legislatore comunitario, attribuendo all’autorità amministrativa non soltanto poteri d’inchiesta meglio adeguati alle effettive esigenze investigative necessarie per indagare appropriatamente sugli illeciti in materia di abusi di mercato, ma anche ampliando le attribuzioni della Consob, ora chiamata a svolgere funzioni di regolamentazioni di mercato  (con annessi poteri “paragiurisdizionali” o “quasi giustiziali” di risoluzione delle controversie) di accertamento degli illeciti e di inflizione delle sanzioni, scelta quest’ultima che comporta per quanto attiene ai profili sanzionatori, l’esigenza di un quadro normativo in grado di assicurare sufficienti garanzie ai soggetti coinvolti”[26]. E così, ora accanto ai  poteri stabiliti dall’art 115 (ante riforma) che sostanzialmente sono rimasti intatti (vi è sta in realtà  una modifica della lett. b dell’art 115 prevista dall’art 14 della legge n. 262/2005), sono ora attribuiti dall’art 115, co. 1 lett. c) –bis i poteri previsti dall’art 187 octies “ Poteri della Consob”[27].

Spunti di riflessioni sul ruolo ritenuto  per qualche  autore “ambiguo[28]”potrebbero esserei punti contorversi dei limiti temporali del procedimento[29], così come il ruolo del Presidente della Consob chiamato ad intervenire sia in fase istruttoria che in quella decisoria, il tenere all’oscuro i mercati dal momento della fine dell’istruttoria per quanto concerne le procedure intraprese dalla Commissione depotenziando il ruolo di moral suasion che l’Autorità dovrebbe avere.

Gli iter procedimentali amministrativi e penali si snodano paralleli ed autonomi, il legislatore si interessa di garantire una efficace collaborazione tra la Consob-inquirente e l’autorità giudiziaria-inquirente durante la fase delle indagini. Nel giudizio, l’autonomia è assoluta  l’art. 187-duodecies esclude l’obbligo di sospensione del procedimento amministrativo o quello civile di opposizione a sanzione amministrativa in pendenza del procedimento penale, precludendo in radice ogni possibile applicazione dell’art 24 della L. 689/81 che devolve al giudice penale la cognizione delle infrazioni amministrative dal cui accertamento dipenda l’accertamento del reato. E così non si può  escludere di   trovarsi di fronte a giudicati contrastanti che darebbero adito all’impugnazione per revocazione ex art 395, n. 5 c.p.c.. Novità non ultima concernente sempre il ruolo ed i poteri della Consob, è poi la disposizione dell’art 187 undecies, co.2, che attribuisce alla Consob la possibilità di costituirsi parte civile, acquisendo un ruolo molto più attivo e di rilievo nell’economia del processo, al fine di richiedere utilità patrimoniali per la lesione che il reato ha cagionato all’integrità del mercato (una previsione originale di ristoro patrimoniale per un fatto sì lesivo ma non certo del suo specifico patrimonio, qualche autore rileva il riecheggiare dei “danni punitivi” del diritto nordamericano).[30]      

Terminato questo breve accenno all’importante ruolo dell’Authority , esaminiamo le disposizioni recanti la nuova disciplina dell’abuso di informazioni privilegiate e manipolazione di mercato - il nuovo Titolo I-bis costituito dagli artt.180 a 187 quaterdecies -   che  sostituiscono  il Capo IV parte V del T.u.f. e cioè i previgenti artt. da 180 a 187-bis

Qui ad una prima sezione dedicata alle disposizioni generali, dove viene fornita anche una dettagliata descrizione di cosa si intenda per informazione privilegiata, seguono due Capi relativi alle sanzioni penali ed amministrative. Chiude il Titoli I – bis il Capo IV e V dedicati rispettivamente ai nuovi poteri della Consob ed ai rapporti tra procedimento penale d amministrativo.

“Modificazioni all’apparenza quasi impercettibili e tuttavia significative nella sostanza, inserimenti di previsioni nuove, eliminazione di fattispecie dall’ambito del penalmente rilevante così come cambiamenti immediatamente riconoscibili ma non altrettanto egualmente consistenti sul versante contenutistico mutano la fattispecie d’incriminazione ora contenuto nell’art.184  del d.lgs 58/1998  ed impegnano l’interprete in una lettura del reato di abuso di informazioni privilegiate non agevole, destinata a misurarsi con doverosi collegamenti sistematici e con scelte sintattiche non sempre perspicue”[31].  

La struttura essenziale del fatto punibile risale all’emanazione delle disposizioni dell’art. 2 della legge del 17 maggio del 1991 n. 157   sostituito in seguito dall’art. 180 del d.lgs n. 58/1998: così come nella previgente normativa, la  tutela dell’integrità del mercato è il bene presidiato attraverso il divieto di effettuare operazioni di qualunque genere sfruttando informazioni privilegiate, di comunicare a terzi l’informazione privilegiata e di raccomandare o indurre taluno a compiere operazioni sulla base della suddetta informazione.

Il bene giuridico da tutelare mediante la repressione dell’insider trading è ravvisato dalla dottrina maggioritaria, nell’importanza di costruire una tutela al risparmio, bene di rilevanza costituzionale previsto dall’art. 47 Cost[32]. La ratio della norma incriminatrice è rappresentata dalla necessità di tutelare i mercati finanziari[33], sotto il profilo della trasparenza e del corretto funzionamento, onde evitare una condotta che se diffusa potrebbe provocare una sfiducia dei risparmiatori[34]

Una prima novità introdotta dalla legge n. 62/2005 riguarda l’inasprimento sanzionatorio, triplicato nel massimo (recluisione da uno a sei anni) e con un minimo di un anno, posto a carico degli insiders c.d. primari (cioè di coloro che sono in possesso di informazioni privilegiate in ragione della qualità di membro di organi dell’emittente, della partecipazione al capitale dell’emittente ovvero dell’esercizio di un’attività lavorativa, di una professione, di una funzione o di un ufficio) che tra l’altro comporterà in sede processuale la celebrazione dell’udienza preliminare.

Orbene, le condotte criminose di questi soggetti, individuate nelle tre tradizionali forme alterative del compimento di operazioni su strumenti finanziari utilizzando le informazioni privilegiate (c.d. trading:  nuovo art. 184 T.u.f, rubricato “Abuso di informazioni privilegiate”, lett. a), della comunicazione delle informazioni di cui sopra ad altri, (c.d. tipping: art 184, lett. b) e del consigliare ad altri sulla base delle medesime informazioni al compimento di operazioni c.d. tuyautage: art. 184, lett. c), sono punite con reclusione da uno a sei anni e con la multa da ventimila euro fino a 3 milioni; vi è inoltre la previsione all’art.184, co. 3 di triplicare la multa o fino al maggiore importo di dieci volte il prodotto o il profitto conseguito dal reato, da parte del giudice in casi specifici (inoltre ai sensi dell’art 39, co. 1 della legge n.262/05 le pene previste nel Capo II del T.u.f. sono raddoppiate entro i limiti posti a ciascun tipo di pena dal Libro I, Titolo II, Capo II del codice penale).

Posto che questo innalzamento dei livelli sanzionatori segnano  un’inversione di tendenza rispetto ai più recenti interventi normativi, dettata probabilmente da logiche di emergenza connesse agli ultimi scandali finanziari ed  è scelta condivisibile come segno di una doverosa presa di coscienza della gravità del fatto e che ancora una volta mostrano come l’elemento caratterizzante l’integrità del mercato sia qui  colto assumendo ad interesse meritevole di tutela, l’appetibilità del mercato, dal quale il legislatore tende ad escludere operatori che agiscono in posizioni di vantaggio informativo ed  assume una valenza simbolica nell’ottica di un’opera di moralizzazione degli operatori del mercato,  discutibile appare la scelta se confrontata sia con la misura della sanzione stabilita dal delitto di manipolazione del mercato che sicuramente contempla condotte più profondamente lesive, presentando un disvalore più accentuato in considerazione del turbamento arrecato al valore sul mercato, sia  in ordine alla coerenza sistematica ed al rispetto del principio di uguaglianza all’interno del diritto penale societario: penso per esempio alle figure delle false comunicazioni sociali, ridotte da un lato ad una contravvenzione poco più che bagattellare o, nell’ipotesi più grave, ad un delitto punito con un massimo inferiore comunque a quello dell’insider trading[35].

Novità ulteriore prevista dal legislatore (riprendendo la Direttiva 2003/6/CE), accanto alle due famiglie di insider (c.d. anche corporate insider e temporary insider), è la tipologia invidiata dal nuovo art 184, co. 2 del T.u.f, del criminal insider   , cioè di coloro che vengano in possesso di informazioni privilegiate in ragione della preparazione o esecuzione di attività delittuose. Inoltre nel nuovo sistema sanzionatorio penalistico perdono rilevanza le condotte di tippee trading[36] sanzionate ora esclusivamente a livello ammnistrativo[37].

Infine è da segnalare che l’ultimo comma dell’art. 184 estende ora la nozione di “strumenti finanziari ai fini del presente articolo” alla estesa tipologia elencata all’art 1, co. 2 del T.u.f. con la specificazione che si prenderanno in considerazione ai fini della incriminazione ex art 184, soltanto quelli il cui valore dipende da uno strumento ammesso alla negoziazione o è stata presentata domanda di ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato italiano o di altro Paese dell’Unione europea.

E’ bene, prima di esaminare nel dettaglio ciò che il nuovo art 184 del T.u.f. vieta, bisogna fermarsi a descrivere ciò che caratterizza la nozione di informazione privilegiata ai sensi dell’art. 181 del T.u.f. . Non può sfuggire il fatto che la norma definitoria recepisce tutta l’elaborazione dottrinaria e giurisprudenziale che si è venuta formando non solo nel nostro paese[38] ed il primo comma dell’art.181 del T.u.f. ribadisce il concetto già espresso nel comma 3 dell’art. 2 della L. n. 157 del 1991 e del comma 3 dell’art.181 T.u.f (ante modifica), pertanto la definizione in linea generale di informazione privilegiata non cambia anche se nel prosieguo del nuovo art 181 del T.u.f. il legislatore sembra voler dettagliare i termini principali impiegati nella definizione onde vincolare in modo  l’interprete ad una lettura più rigida.

In particolare, il comma 3 ed il comma 4 analizzano l’informazione privilegiata sotto il duplice profilo sia del suo “carattere preciso” sia del valore della locuzione “se resa pubblica” legato al concetto di “price sensitive”.

Quanto al primo aspetto, il richiamo contenuto nell’ art 181, co. 3 lett. a) al collegamento tra informazione e “complesso di circostanze esistente” stabilisce che oggetto dell’informazione  deve essere un fatto o una serie di fatti storicamente determinati, o fatti o serie di fatti che sono destinati a verificarsi nel futuro; eventi che tuttavia trovano nel presente o passato una liaison tanto che, come la disposizione normativa suggerisce, si possano ragionevolmente prevedere che si verificheranno (con esclusione quindi di qualunque notizia che abbiano carattere di valutazione o studio)[39], fermo restando i dubbi interpretativi che può suscitare l’avverbio “ragionevolemte”[40]. Altro elemento caratterizzante un’informazione “precisa” è la sufficiente “specificità” della notizia art.181 co. 3 lett. b). Ciò vale quindi ad individuare come tipiche quelle informazioni che consentano di trarre conclusioni circa il possibile effetto (positivo o negativo) delle circostanze o dell’evento di cui sopra e che costituiscono l’oggetto dell’informazione sui prezzi degli strumenti finanziari. Tali dettagli valgono ad escludere normativamente dal novero di informazione privilegiata, le voci o i rumors.

Quanto al secondo profilo, l’art 181 co. 4 sembrerebbe voler rendere la clausola normativa della sensibilità della notizia, più rigida: “per informazione che, se resa pubblica, potrebbe influire in modo sensibile sui prezzi di strumenti finanziari, si intende una informazione che presumibilmente un investitore ragionevole utilizzerebbe come uno degli elementi su cui fondare le proprie decisioni di investimento”. Una specificazione che richiama concettualmente elaborazioni dottrinarie e giurisprudenziali  di matrice anglosassone ed americana; in sostanza si richiede, per considerare una informazione come price-sensitive, qualora resa pubblica, la probabilità che un investitore ragionevole la usi come elemento su cui fondare le proprie decisioni di investimento. Una disposizione che richiama il requisito americano di rilevanza (materialità),  secondo il quale ad un insider è proibito l’utilizzo di informazioni non pubbliche se “rilevanti”, cioè se esiste una sostanziale probabilità che un investitore ragionevole consideri il fatto omesso così importante per la sua decisione di investimento. Inoltre, alla luce della decisione raggiunta negli Stati Uniti nel caso Texas Gulf Sulphur[41], l’informazione deve essere divulgata in modo tale che il pubblico degli investitori ne sia in possesso prima che gli insiders possano operare in base ad essa.[42]. Ma l’uso da parte del nostro legislatore del termine “ investitore ragionevole” è come detto oltremodo ambigua. Si può prospettare un’alternativa tra il considerare la nozione suddetta come concetto astratto, sul cui contenuto chiunque può congetturare ( e ciò vorrebbe dire tra l’altro che la definizione verrebbe rimessa alla discrezionalità delle corti ), oppure una nozione che va riempita tenendo in giusto conto le reali modalità con cui gli investitore prendono le  loro decisioni  di investimento una valutazione ex ante , un giudizio prospettico basato su previsioni. Ed allora ciò detto, bisognerebbe stabilire cosa  esattamente si deve tentare di prevedere se non il concreto comportamento degli investitori: dato empirico che conta per quel che può contare attraverso un giudizio  ex ante anziché effettuato a posteriori e quindi con tutta l’elasticità del caso. Ci può aiutare a comprendere meglio quanto stiamo analizzando, lo studio condotto sul c.d. “investitore medio” criticato ed abbandonato[43] per essere sostituito con il test sull’investitore ragionevole interpretato comunque  come equivalente al test sull’investitore medio. Ebbene se l’interpretazione di investitore ragionevole è quella di colui che prenda in considerazione solo le informazioni considerate rilevanti dall’investitore medio (il 50% degli investitori?) ci dobbiamo chiedere allora come debba essere interpretata la nozione in esame quando abbiamo a che fare con investitori che si comportano in modi diversi ciascuno convinto di agire in modo razionale; vale a dire, anche le informazioni considerate rilevanti solo da una parte qualificata di investitori possono essere in grado di influire sui prezzi ed allora il test dell’investitore ragionevole interpretato come equivalente al test dell’investitore medio entra in conflitto con la regola principale secondo cui le informazioni che possono avere incidenza sui prezzi devono essere rese pubbliche[44]. E’ patrimonio di tutti coloro che hanno un po’ di conoscenza di mercati finanziari, che affinché vi possa essere una variazione di prezzo, non è necessario che la percentuale di investitori che ritengono una informazione rilevante sia il cinquanta percento di tutti gli investitori, anzi è ben noto che una percentuale molto bassa può avere comunque  un impatto sul mercato; ed allora come intendere una informazione privilegiata? Non considerandola quando invece vi è una minoranza che la ritiene rilevante mentre per l’investitore medio ragionevole è irrilevante pur quando ha la capacità di influenzare i prezzi degli strumenti finanziari, o considerare una informazione tipica ai sensi dell’art 181 T.u.f. qualunque informazione presa in considerazione da un numero di investitori le cui decisioni sono in grado di influenzare i prezzi? Ebbene lo standard di investitore medio-ragionevole può servire al fine di stabilire una prima presunzione relativamente al tipo di informazioni che devono essere pubblicate  insomma il test dell’investitore ragionevole è di ausilio se proposto nel senso di semplice presunzione di irrilevanza di una informazione che non è presa in considerazione da un investitore medio. Tuttavia,  se si ha la prova di un numero sufficiente di investitori che decide di compiere operazioni su strumenti finanziari di una certa società dopo aver preso in considerazioni un certo tipo di informazioni, queste non posso essere considerate  irrilevanti ritenendo che un investitore ragionevole (identificandolo con investitore medio ) non le prenderebbe in considerazione; una presunzione di irrilevanza sulla base di investitore razionale deve essere modificata in base alla constatazione che anche certe informazioni prese in considerazioni da un certo numero di investitori possono condurre ad una significativa incidenza sui prezzi. Una soluzione che trova motivazione anche nella sostanziale coincidenza nella legislazione europea, e a fortiori, nel nostro ordinamento dell’obbligo di comunicare previsto ex art 114 del T.u.f. e della prevenzione dell’insider trading.    

Appare utile ricordare, a termine di questa analisi sull’interpretazione di investitore ragionevole, che il legislatore europeo, e naturalmente, quello nazionale, assumendo di scegliere come riferimento  principale il dato oggettivo della potenziale incidenza sul prezzo, crea un contesto molto più disposto a recepire la rilevanza delle informazioni non finanziarie a dispetto di ciò che accade nel diritto statunitense dove vi è una scarsa apertura della non “financial disclosure”[45].

Tornando ad esaminare la nuova disposizione dell’art. 181 del T.u.f  e precisamente il comma 4, ebbene in primo luogo in realtà risulta dopo quanto detto, alquanto ampia la definizione ivi presente dovuta all’avverbio “presumibilmente” e all’aggettivo “ragionevole” inoltre “il riferimento alla circostanza che l’estremo  della sensibilità è integrato quando l’informazione costituisca uno fra i molteplici elementi fondanti il giudizio dell’investitore, senza alcuna particolare caratterizzazione in termini di rilevanza, non appare scelta perspicua. Si consideri infatti che se così non fosse, si sarebbe addirittura al di fuori della fattispecie della notizia privilegiata,  pacifico essendo che una informazione inidonea ad essere anche soltanto uno dei fattori della scelta, non può per altro verso integrare l’estremo di fattispecie descritto con il gerundio “utilizzando”, che implica la valenza della notizia nel processo motivazionale nell’agente[46].

E’ difficile sicuramente dire se la definizione legislativa di informazione privilegiata risponda a quei criteri di effettiva  precisione e certezze  definitorie tendenti  a soddisfare l’auspicio espresso oltretutto dalla Corte Costituzionale che con la sentenza n. 382/2004 ha dichiarato inammissibile la questione di legittimità costituzionale sollevata in relazione al previgente reato di insider trading , criteri pertanto miranti ad evitare censure di illegittimità costituzionale in riferimento quindi al principio di determinatezza e di tassatività della fattispecie penale.

Ma la sentenza  382/2004 della  Corte Costituzionale, che  ha dichiarato inammissibile la questione che ha per oggetto l’illegittimità costituzionale dell’art 180, 3 co. T.u.f. (ante riforma) per violazione dl principio di determinatezza della legge penale ex art 25, 2 co. Cost sollevata dal Tribunale di Siracusa e di Roma, in realtà omette di affrontare il rispetto del principio di determinatezza, in ordine ad una fattispecie sulla quale  una parte della dottrina si è espressa in modo molto critico, ponendo in evidenza l’inafferrabilità del bene giuridico tutelato e della fattispecie che ne disciplina l’offesa[47]: quando vengono presi in considerazioni interessi di tipo economico, l’offesa si diluisce si fa sfuggente.  Secondo i giudici a quibus la formula normativa individuata dall’art 180 co. 3 (ante riforma ) del T.u.f. non individuerebbe in modo preciso la  fattispecie criminosa astratta “…in quanto non definisce in modo preciso che cosa significhi provocare < una sensibile > alterazione del prezzo; di conseguenza sarebbe eccessivo il margine di discrezionalità affidato al giudice nello stabilire, nel caso concreto, l’effettiva portata di tale espressione….Secondo alcuni[48] occorre operare una distinzione tra principio di determinatezza e tassatività della legge penale, inquadrabili nell’ambito del principio di legalità, intendendo il primo come affermazione del dovere del legislatore di formulare la norma in modo chiaro ed intelligibile, ed il secondo come espressione del divieto di analogia in materia penale; esso è sancito dall’art.1 c.p. Il fondamento costituzionale del principio di determinatezza[49], la cui ratio è da individuare nell’esigenza di tutelare il cittadino dagli abusi del potere giudiziario, si fonda su di una interpretazione dell’art 25 2 co. Cost., che sancisce espressamente i principi di riserva di legge e di irretroattività, alla luce di altri principi di rango costituzionale. L’esigenza di determinatezza discende dal carattere frammentario del diritto penale, in quanto, se la rilevanza penale deve essere limitata ad alcune forme di offesa dei beni tutelati, si pone l’esigenza di specificarne in modo preciso i contenuti. Inoltre la determinatezza si pone a garanzia del favor libertatis, in quanto ne assicura la certezza del diritto. Nel caso in esame la Corte ha rigettato la questione di legittimità costituzionale senza esprimersi in ordine al principio di determinatezza, né riproponendo il suo indirizzo più risalente, il più rigoroso – il principio in virtù del quale nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente preveduto come reato dalla legge (art 1, c.p.), non è attuato dalla legislazione penale seguendo sempre un criterio di rigorosa descrizione del fatto[50] -,  né riaffermando il concetto secondo cui < il principio di legalità si attua non soltanto con la rigorosa e tassativa descrizione di una fattispecie, ma in alcune ipotesi, con l’uso di espressioni sufficienti per individuare con certezza il precetto e per giudicare se una determinata condotta lo abbia o meno violato > , per cui è ammissibile < il ricorso a nozioni proprie del linguaggio e dell’intelligenza comuni >[51] bensì affermando, da un lato che l’operazione di riempimento - unica strada possibile da seguire, secondo la Corte, nell’ipotesi di accoglimento della questione - <si palesa comunque estranea, per il suo carattere apertamente creativo, ai suoi poteri, < rimanendo eventualmente affidata alla discrezionalità del legislatore >, dall’altro auspicando l’intervento del legislatore[52].

La Corte Costituzionale inoltre, con riferimento alla nozione di informazione privilegiata, pone in evidenza l’art 1 della Direttiva 2003/124/CE, identificando in esso un ruolo specifico atto ad < accrescere la certezza del diritto dei partecipanti al mercato > in quanto contiene “ indicazioni complementari intese a puntualizzare la definizione suddetta, sia per quanto attiene al < carattere preciso > della notizia sia per quanto riguarda il requisito < dell’importanza del suo impatto potenziale sui prezzi degli strumenti finanziari o degli strumenti derivasti connessi >.     

Il nuovo art 181 co. 4 del T.u.f ., che come abbiamo già sottolineato pone componenti valutative alquanto ampie, sarà valutato in definitiva dall’esperienza applicativa che potrà chiarire se, malgrado la presenza di più parametri elastici, la definizione di informazione privilegiata risponda a criteri di precisione e certezza. Ebbene a parere di qualche autore non ci si può esimere dal notare che la nozione di informazione price sensitive sembra “eccessivamente ampia nella parte in cui si fa riferimento ad uno solo degli < elementi su cui fondare le proprie decisioni di investimento >, senza richiedere che quell’unico elemento abbia alcuna significativa rilevanza agli occhi dell’investitore ragionevole”[53].

Probabilmente è questione tutt’altro che definita la discussione sorta sulla eventuale lesione del principio di determintatezza, anzi essa assume una certa rilevanza ancor più per quei reati  di pericolo[54] come nel caso in esame, dove l’anticipazione della tutela penale, conseguenza tipica, esige una determinatezza  che altrimenti potrebbe portare a conseguenze pregiudizievoli per la sicurezza dei consociati e per la certezza del diritto ma che tuttavia neanche la giurisprudenza di legittimità sembra voler affrontare in modo univoco (le pronunce di accoglimento per i casi di violazione del principio di determinatezza sono sporadiche).

Non è facile quindi, l’accertamento del nesso causale, complicato dal fatto che spesso si verifica un concorso di cause che possono contribuire ad innalzare il prezzo degli strumenti finanziari; pertanto il giudizio di idoneità ad “influire sensibilmente sui prezzi” qualora l’informazione sia resa pubblica deve essere, come più volte qui detto, compiuto ex ante, prescindendo da tutte  le circostanze conosciute a posteriori e prendendo in esame tutte quelle conoscibili: dottrina e giurisprudenza sono concordi nel ritenere che si tratti di un giudizio prognostico, per un reato di pericolo concreto, che accerti se l’evento avrebbe potuto verificarsi in termini di probabilità[55], il cui elemento soggettivo è rappresentato dal dolo generico, in quanto non si richiede  uno sfruttamento speculativo dell’informazione tale da ricavarne un profitto (dolo specifico) ma la coscienza e volontà di “utilizzare” informazioni privilegiate per compiere talune operazioni : “viene richiesto un collegamento motivazionale tra la conoscenza dell’informazione e la decisione di effettuare l’operazione”  [56].

In definitiva per considerare un’informazione price –sensitive vi deve essere la probabilità che un investitore medio (recte ragionevole) la usi come elemento su cui fondare le proprie decisioni di investimento al fine di ottimizzarne gli interessi, ma non è esclusa la sua responsabilità per il solo fatto che “l’influenza sensibile” sul mercato non si sia verificata, una volta resa pubblica l’informazione originariamente riservata, o si sia verificata in senso opposto a quello ipotizzabile.

Particolare significativa per certi versi è la definizione prevista dall’art 181, co. 2 del T.u.f. laddove specifica che per informazione privilegiata è da considerarsi anche quelle che i partecipanti ai mercati nei quali i derivati vengono trattati ricevono secondo prassi di mercato ammesse. Orbene si tratta di significativa precisazione dal momento che nelle contrattazioni su strumenti derivati talune informazioni ammesse da  prassi di mercato sono la base informativa per gli operatori e né tuttavia il richiamo a “prassi ammesse” possono far sorgere dubbi sul versante costituzionale in quanto richiamo di fonte giuridica sub-legislativa per un elemento costitutivo (l’informazione privilegiata prevista dall’ art 181 T.u.f.) della fattispecie incriminatrice prevista dall’art 184 del T.u.f., in quanto  rappresenta “un estremo del fatto, valendo a designare esclusivamente sul piano concreto la tipologie delle notizie alle quali aver riguardo per misurarne poi – secondo la specificazione dettata dai  commi 3 e 4 dello stesso art 181 – la eventuale riconducibilità alla figura tipica dell’informazione privilegiata[57]”.

Apprezzabile infine appare la precisazione, fermo restando gli altri requisiti, prevista ora ex lege dall’art 181, co. 5 del T.u.f., riguardante  l’informazione trasmessa da un cliente riguardante l’esecuzione di taluni ordini in attesa di esecuzione. Infatti appare evidente che l’ordine di esecuzione incorpora l’informazione e pertanto l’operatore che ne viene a conoscenza , si trova ad essere in possesso di un informazione privilegiata che non lo è più nel momento in cui viene eseguita l’operazione.  

 

 

 

2.2.      La provenienza: l’insider primario, art 184, 1° comma T.u.f.

 

 

Il delitto di abuso di informazioni privilegiate punito oggi con la reclusione  da uno a sei anni e con la multa da ventimila a tre milioni di euro, può essere commesso da soggetti in possesso di determinati requisiti, in ragione di particolari  situazioni in cui il possessore si trova (c.d. insider primario, scompare dalla previsione penale l’insider secondario): pertanto come nella previgente disciplina (art 180 T.u.f.), si tratta quindi di un reato proprio .

L’attuale art 184, specifica in modo diverso tali situazioni rispetto all’art 180 T.u.f. (ante riforma), in particolare primo rilievo da sottolineare nel confronto tra le due diverse disposizioni è la specifica previsione ignota in precedenza, del possessore di “informazione privilegiate  in ragione della sua qualità di membro di organi di amministrazione, direzione o controllo dell’emittente”.

Non è difficile valutare questa prima differenza, seppur significativa tra le due diverse disposizioni come  superflua, in quanto rientrante in qualche modo nella formula generale con cui si chiude il primo comma, con riferimento cioè alla” funzione “ ed “all’ufficio” , termini sufficientemente ampi per poter comprendere nel novero dei soggetti colpiti dal divieto anche i componenti degli organi di amministrazione, direzione e controllo. Come qualche autore[58] ha evidenziato, uno spunto di riflessione  invece lo suggerisce il riferimento “all’emittente” che sembra voler imporre una limitazione alla portata della norma. Infatti ad una prima lettura dell’art 184, co.1 del T.u.f., sembrerebbe che il legislatore abbia indicato come e informazioni privilegiate quelle c.d. corporate informations cioè  appartenenti alla società emittente, escludendo quindi le c.d. market informations   le informazioni riguardanti il mercato latu sensu.

Ebbene malgrado un’interpretazione in tal senso sembrerebbe poco comprensibile, non si riuscirebbe a superare il divieto di analogia in “malam partem” previsto nel diritto penale posto a baluardo ad un eventuale estensione del divieto alle “informazioni provenienti dal mercato”, se non si ricorrerebbe alla clausola generale che conclude il primo comma e che annovera tra i soggetti sottoposti a divieto anche coloro sono in possesso dell’informazione tipica ex art 181 T.u.f. in ragione del loro “ufficio o funzione.” Cosi redatta, la norma autorizza a comprendere nella famiglia di soggetti a cui sottoposta la inibizione, anche chi facendo parte di  organi di amministrazione, direzione o controllo sono in possesso di informazioni che oltrepassano il confine societario-emittente e si estendono all’intero mercato finanziario[59].  

Una interpretazione  strettamente letterale invece deve essere data  all’impiego  nella norma del termine “partecipazione al capitale dell’emittente”, in quanto a differenza di quanto stabiliva la disciplina previgente (si parlava di informazioni in possesso in ragione di partecipazione al capitale di una società, formula sicuramente più ampia ), il nuovo art. 184   limita solo ai possessori di informazioni privilegiate in ragione della loro partecipazione al capitale dell’emittente, escludendo quindi coloro che sono in possesso di informazoni “riservate” di altre società , conosciute tuttavia grazie alla partecipazione al capitale di un differente emittente. Una spiegazione a siffatta limitazione che non include nell’operatività della norma le market informations potrebbe risiedere nel rilevare che una partecipazione al capitale (così recita l’articolo) normalmente di per sé non permette al soggetto che ne è titolare  di venire a conoscenza di notizie attinenti ad altre società e che per motivi fisiologici giungono alla conoscenza degli organi di amministrazione, direzione e controllo dell’emittente al capitale sociale del quale il soggetto partecipa, senza tuttavia che le stesse informazioni non incidano anche sull’emittente stesso.

Resta da accennare alla clausola finale sancita nel primo comma dell’art 184 T.u.f.  di cui si è già detto; rileva evidenziare che rispetto alla previsione ante riforma, si ha l’aggiunta del riferimento all’attività lavorativa che tende ad estendere il campo dei soggetti rientranti nel divieto, penso per esempio a coloro che, dipendenti di altre società diversi dall’emittente, proprio in ragione della loro attività lavorativa ( revisori contabili esterni, advisor…) possono venire a conoscenza di informazioni privilegiate riguardanti l’emittente con cui la società a cui appartengono collabora per qualche attività lavorativa pur temporanea.

 

 

2.3.      Le condotte vietate: art 184, 1° comma T.u.f.

 

 

Le condotte criminose previste dall’art 184, co. 1 lett.a) (acquistare, vendere o compiere altre operazioni) se nella parte descrittiva risulta immutate, si differenzia dalla norma abrogata (art 180 T.u.f.) per due differenti precisazioni.

In primo luogo  il vecchio art 180 del T.u.f. prevedeva un divieto anche per operazioni poste da “interposta persona”, mentre l’attuale art 184, co.1, estende l’ambito di operatività dei divieti, precisando la definizione attraverso l’utilizzo della formula “direttamente o indirettamente, per conto proprio o per conto terzi”, nella quale risulta evidente che d’ora in poi condotte penalmente rilevanti possono essere non solo i contratti  il cui effetto economico ricade (anche indirettamente) sul soggetto sottoposto a divieto ma anche quei negozi che sono compiuti indirettamente dall’inibito ma per conto di un soggetto estraneo ai divieti. Inoltre una sostanziale differenza rispetto alle precedenti disposizioni normative è l’uso del gerundio “utilizzando” previsto all’art 184 co. 1 lett a) del T.u.f., che denota una forte valenza dell’informazione privilegiata nel processo decisionale che è alla base dell’operazione. Senza dubbio una differenza marcata rispetto al  testo dell’art. 2 della legge n. 157 del 1991 nel quale non compariva alcun chiaro riferimento in tal senso tanto che parte della dottrina riteneva sulla base delle indicazioni della direttiva comunitaria di considerare il collegamento motivazionale tra informazione privilegiata e le operazioni, un requisito intrinseco della fattispecie[60]. Seppur meno evidente è la differenza con il precedente art 180 T.u.f. oggi abrogato che come liaison tra processo motivazionale e possesso di informazione privilegiata, usava il gerundio “avvalendosi”. Ebbene  come  qualche autore ha notato malgrado si tratti di sfumature, l’impiego del verbo “utilizzare” nell’attuale norma, denota una scelta più incisiva nel legame tra informazione e processo decisionale[61.  

Anche il divieto di comunicare ad altri ovvero il c.d. tipping appare invariato nella tipizzazione della condotta punibile (comunicare ad altri la informazione privilegiata), tuttavia si deve rilevare che i confini descritti dell’art 184 co. 1 lett. b) all’interno del quale opera il divieto sono diversi. Infatti, se in precedenza, la formula adottata dal legislatore aveva suscitato dubbi per la troppa elasticità a cui si prestava (ricordiamo l’esimente del “giustificato motivo” previsto dall’abrogato art 180, co. , lett. b ), ora la norma stabilisce che il divieto opera solo “al di fuori del normale esercizio del lavoro, della professione, della funzione o dell’ufficio”: muta in sostanza il fatto tipico, e si passa da un modello legale dove qualunque comunicazione di informazione privilegiata era sottoposta a divieto, con la deroga della non antigiuridicità del “giustificato motivo”, ad una intera area, dove la fattispecie penale non opera e le comunicazioni di informazioni privilegiate possono circolare[62]

Una modifica che forse può risolvere quanto da dottrina autorevole[63] è stato segnalato e a cui spesso la giurisprudenza è stata chiamata a risolvere non riuscendoci sempre:  indicare “quei criteri direttivi in ordine a quelle che potrebbero immaginarsi quali ipotesi di < giustificato motivo > per estendere l’informazione privilegiata a soggetti terzi. Una  lacuna per molti reputata preoccupante nel momento in cui ci possono essere intrecci societari che vedono il terzo destinatario della comunicazione non solo quale eventuale diretto interessato all’operazione finanziario, ma anche consocio o coamministratore”[64]

Non meno importante appare una “corretta riallocazione degli oneri probatori in capo all’accusa”[65]: non è più possibile indurre a provare i “giustificati motivi” in quanto ora, il comunicare all’interno dell’area  prevista dall’art 184, co. 1 lett. ), è elemento costituivo del fatto tipico (sia pure in termini negativi), e toccherà all’accusa la dimostrazione di aver  comunicato al di fuori di suddetto perimetro, anche se non manca di sottolineare qualche autore, che anche nella previgente disposizione, la mancanza di “giustificato motivo”, era un requisito di fattispecie e toccava evidentemente al giudice di merito provare l’assenza di un giustificato motivo[66]

D’ora in poi le comunicazioni che fuori escono da tale area e sono dirette verso soggetti “esterni” sia all’ambito lavorativo che professionale, della funzione ovvero dell’ufficio, integrano  da un punto di vista oggettivo il fatto tipico .

Per quanto concerne i termini usati dal legislatore per designare il perimetro di questa area e cioè le informazioni che sono comunicati al di fuori del “ normale esercizio del lavoro, professione, funzione o ufficio”, essi non pongono particolari problemi di  definizione: in merito all’attività  lavorativa abbiamo già descritto cosa si può intendere, nelle pagine precedenti, mentre le rimanenti locuzioni, esse comparivano già nella disciplina prevista dall’art 2 comma 1, della legge n. 157, del 1991[67] .

Merita soffermarsi sulla definizione di “normale” in relazione all’attività lavorativa. Ebbene una lettura attenta della norma e di  tale qualificazione non  può non dirimere il dubbio sul riferimento dell’aggettivo, in quanto se in un primo momento esso potrebbe indurre a far pensare che il termine”normale” si debba confrontare, attraverso una valutazione, con un ipotetico soggetto- modello di riferimento ( e ciò vale tanto per l’attività lavorativa , quanto per la professione, funzione  o ufficio), non credo sia superfluo avanzare l’idea che il requisito della “normalità” vada collegato con l’attività di comunicazione all’interno dell’attività lavorativa e le circostanze con cui essa è avvenuta. In altre parole e concretamente  la comunicazione rientra nel normale esercizio del lavoro se essa è  strumentale, funzionale allo svolgimento dell’attività professionale.

La lett. c) del primo comma dell’art 184, descrive il divieto di raccomandare o indurre altri (c.d. tuyautage), sulla base delle informazioni privilegiate possedute,  al compimento di talune delle operazioni indicate nella lettera a).

La differenza terminologica con la disciplina abrogata è significativamente messa in risalto dall’uso di “raccomandare o indurre” rispetto al verbo “consigliare” utilizzato dall’art 180  co. 1 lett c) non più in vigore. Infatti se, il termine consiglio si presta ad essere riempito da una moltitudine di comportamenti che non necessariamente andranno ad incidere sul comportamento del destinatario, le condotte ora descritte seppur nella loro alternanza, sono caratterizzate da una valenza di influenza sul processo decisionale del terzo: pertanto si sarà in presenza di una condotta tipica ex art 184, co.1 lett. c) se essa sarà stata in grado di avere un’influenza sul processo motivazionale del terzo destinatario, al compimento dell’operazione.

Al termine di questa disanima sull’individuazione dei soggetti attivi del reato di abuso di informazioni privilegiata si è cercato di mettere in risalato l’esigenza di individuare la connotazione che caratterizza il lavoro, la professione, l’ufficio, in modo tale da consentire di ritenere che si giustifichi ed imponga la più grave sanzione penale in caso di utilizzo illecito dell’informazione privilegiata nel suo esercizio.

Può essere di aiuto l’indicazione che proviene dall’art 114 del T.u.f. co. 4 che stabilisce che qualora gli emittenti quotati o i soggetti che li controllano effettuino la comunicazione di informazione privilegiata nel normale esercizio del lavoro, della professione, della funzione o dell’ufficio…ad un terzo che non sia soggetto ad un obbligo di riservatezza legale, statutario o contrattuale, devono dare comunicazione al pubblico simultaneamente in caso di divulgazione intenzionale e senza indugio in caso di divulgazione non intenzionale.

Si  evince che “è la titolarità del dovere di riservatezza che elimina il pericolo di integrità e trasparenza del mercato quando tale  comunicazione non abbia come destinatario l’intero pubblico dagli investitori ma un solo o pochi individui. In altri termini la disciplina del 114 del T.u.f. offre un riscontro normativo alla circostanza che l’obbligo di riservatezza svolge un ruolo di primario rilievo nel contesto in esame dove il titolare di questo obbligo si colloca in una posizione di protezione rispetto al fine di tutelare la integrità e trasparenza del mercato evitando che in virtù di una informazione ignota ad altri nessuno possa avvantaggiarsi; è lo stesso obbligo di riservatezza che si configura come volto ad assicurare, ancora prima delle prescrizioni afflittive, che non si producano abusive utilizzazione dell’informazione privilegiata, essendo ad esso coessenziale quello di non utilizzare la conoscenza riservata per trarne, per sé o per altri, un indebito vantaggio. E’ la titolarità di tale obbligo che si manifesta come in grado di legittimare la più grave sanzione penale e di imporne l’irrogazione a carico di chi abbia tradito i doveri connessi a questa posizione di protezione[68]

Il comma 2 dell’art. 184 del T.u.f. è un novità introdotta dal legislatore sconosciuto al vecchio impianto normativo dell’insider trading .

Il divieto contemplato nel comma primo è esteso a coloro che sono “ in possesso dell’informazione privilegiata a motivo della preparazione o esecuzione dell’attività delittuose”. L’origine ispiratrice di questa nuova previsione ha le fondamenta nel punto 17 (ed anche 14) dei Considerando della Direttiva 2003/6/CE, ove si sottolinea l’esigenza di tener conto dei casi in cui la fonte dell’informazione privilegiata non è legata ad un professione o ad una funzione, ma “ allo svolgimento di attività criminali la cui preparazione od esecuzione potrebbe influire sui prezzi di uno o più strumenti finanziari o sulla formazione dei prezzi di mercato regolamentare (p.17)” dovendosi dare riscontro al preoccupazione espresse dagli stati membri “ in seguito agli attacchi terroristici dell’ 11 settembre 2001 per quanto riguarda la lotta al finanziamento delle attività terroristiche (p. 14)” e che per la loro intrinseca gravità sono in grado di influenzare notevolmente i mercati finanziari. Non deve stupire  il vuoto di tutela a cui la norma è stata chiamata a colmare: se questa previsione non fosse stata introdotta il terrorista che si  prepara ad un attacco, nonché possessore di tale informazione non potendo essere considerato insider “di se stesso” non sarebbe rientrato nel divieto di cui all’art 184, co. 1 .

Ciò detto, è evidente che la disposizione si presta ad essere estesa a tutte le altre situazioni di illiceità, tanto è vero che la norma rimanda a tutte le “attività  delittuose”  , si pensi per esempio ad un hacker  informatico che acquisisce informazioni privilegiate attraverso la propria condotta o al compimento del reato di  false comunicazioni sociali: l’autore di tale condotta  può  compiere operazioni sulla base del possesso di quella “informazione” ( lui è il solo possessore della non corrispondenza al vero della notizia comunicata al mercato) e può “prendere posizione” su alcuni strumenti finanziari in virtù della posizione di vantaggio costituito dall’asimmetria informativa .

L’analisi dell’art 184 si conclude con l’ipotesi di una circostanza aggravante che riflette d’altra parte la previsione dell’art 180, comma 4 (ante riforma) seppure la previsione ora delle “qualità personali del colpevole” assumono un ambito più ristretto, data la previsione  del 1° comma dell’art 184 che individua tra gli insiders anche il componente di un organo amministrativo, di direzione o di controllo dell’emittente qualità che divengono elementi costitutivi della fattispecie sotto il profilo della provenienza dell’”informazione” con la conseguenza che tale circostanza non potrà essere assunta di per sé ad aggravante.

In tutti i casi previsti dall’art 184, co.3 “ tra i quali desta perplessità il riferimento alla < rilevante offensività del fatto >, trattandosi di valutazione di competenza del legislatore[69]”, il giudice può aumentare la  multa addirittura fino al triplo  o “fino al maggiore importo di dieci volte il prodotto o il profitto conseguito dal reato” ferma restando la confisca prevista dall’art 187 T.u.f.. Non sfugge l’aggiunta del termine “prodotto” , una estensione  voluta per render  più ampia e forse più agevole la valutazione degli estremi applicativi della fattispecie.        

E gli insider secondari? Sono scomparsi dalla previsione normativa penale che  tanto l’art. 2, co. 4  della legge n.157 del 1991 quanto l’art 180, co. 2  del T.u.f (ante riforma) anche se con differenze statuivano. Una depenalizzazione, abolitio criminis, rispetto alla previgente normativa con gli effetti dell’art 2 del c.p. che coerente con il messaggio proveniente dal legislatore comunitario che prevede nella Direttiva 2003/6/CE la sanzione penale solo per quelle violazioni caratterizzate da un più grave  rilievo di disvalore, assoggetta all’insider secondario una sanzione di tipo amministrativo stante la figura di illecito amministrativo che presidia i divieti operativi posti dall’art 187 bis, co.4 del T.u.f.. E’ stato rilevato infatti che la previsione trova una sua giustificazione in quanto i soggetti non sono in possesso della “informazione” da cui trarrebbero un illecito profitto poiché godono di una posizione “funzionale” di vantaggio   come accade per gli insiders primari.

Non è superfluo sottolineare che per i reati di abuso di mercato sono  previsti anche l’irrogazione di una serie di pene accessorie ex art. 186 T.u.f. nonché la confisca del prodotto o profitto illecito e dei beni utilizzati per commetterli.

Non sembra confutabile pertanto il rilievo che le sanzioni interdittive per esempio hanno una portata affittiva non molto inferiore rispetto alla sanzione penale, precludendo l’esercizio della attività lavorativa : dai pubblici uffici (art 28 c.p.), interdizione da una professione o da un’arte (art 30 c.p.), o interdizione temporanea dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese (art. 32-bis c.p.) e della capacità di contrarre con la Pubblica Amministrazione (art 32 –ter c.p.)

 

 

3.         L’illecito amministrativo: il c.d. doppio binario  

 

 

Il legislatore ha previsto con l’art 187 bis T.u.f. l’illecito amministrativo che in sostanza ripercorre la struttura dell’art 184 T.u.f., ad eccezione del 4° comma che introduce i divieti per gli insiders secondari di cui parlerò  tra breve.

Tale sistema sanzionatorio costituisce una innovazione, viene introdotta nella nostra normativa una disciplina di carattere amministrativo pienamente sovrapponibile sul piano della tipicità  a quella dell’illecito penale, diretta al pari di questa ultima alla repressione degli abusi di mercato, ma che come è stato osservato, in ragione del suo carattere di immediatezza e di effettività, può garantire un’azione deterrente  più celere e mirata; un indirizzo legislativo ispirato a scelte di severità  nella repressione e che nel diritto penale dell’economia risulta essere originale rispetto ai canoni normativi, in base al quale il legislatore spesso ha preferito differenziare, in virtù del grado di disvalore del fatto tipico, il piano di intervento in sede penale da quello di rilievo solo amministrativo: ad esempio si può ricordare l’illecito di impedito controllo ex art 2625 c.c.  che integra un reato solo se la condotta ha cagionato un danno ai soci (altrimenti per l’ipotesi base si configura solo un illecito amministrativo).

D’altra parte lo stesso legislatore europeo non impone gli Stati membri di adottare le sanzioni penali ma si limita a richiedere l’adozione di “misure efficaci proporzionali e dissuasive” (art 14 della Direttiva 2003/6/CE). Inoltre anche in campo nazionale vi è un indirizzo di orientamento tra le sanzioni penali ed amministrative, infatti la circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 19 novembre del 1982 stabilisce che dei criteri di scelta in base ai principi di proporzione (tra la sanzione  punitiva e  l’offesa) e sussidiarietà della sanzione penale. Si rileva poi come la sanzione amministrativa oltre alle qualità citate sopra (immediatezza e particolare afflitività), non preveda la sospensione condizionale e per l’illecito amministrativo è prevista l’interruzione della prescrizione ex art 29  della L. n. 689/81 senza quindi taluni sbarramenti previsti dall’art 160 c.p.[70]. Sulla base di tali valutazione nel passato recente la dottrina penalistica, che ha preso in esame la disciplina dell’insider trading, ha mostrato delle indicazioni, seppure nella previsioni di una convivenza, rivolte a differenziare i tipi di illeciti tra quelli penali le cui condotte sono particolarmente lesive e quelli a sanzione amministrativa che vengono posti a tutela di precetti posti in funzione di “protezione avanzata o anche di mera prevenzione” [71]

La legge n. 62/05 ha optato invece per una sovrapposizione di tipologie di illecito prevedendo per gli stessi soggetti attivi del reato (insider primari e “criminali”) nel compimento delle medesime  condotte ( trading, tipping e tuyautage) la configurabilità di una forma cumulativa del reato e dell’illecito amministrativo (c.d. doppio binario) e la conseguente apertura di un doppio procedimento ex art 187-duodecies del T.u.f. così come già abbiamo descritto.

Parte della dottrina esprime i suoi  dubbi concernenti ad esempio i procedimenti che scorrono autonomi rilevando l’esigenza di”un quadro normativo in grado di assicurare sufficienti garanzie per i soggetti coinvolti[72]; la dottrina maggioritaria inoltre ritiene che  la scelta del legislatore sia orientata verso una valutazione “pan-punitiva[73]” che mantenga ferma la sanzione penale (inasprita rispetto al passato) per le sanzioni più gravi e al contempo aggiunga una sanzione amministrativa (da ventimila  a tre milioni di euro e con la previsione identica all’art 184 T.u.f  delle circostanze aggravanti[74]) , con il preciso scopo di avvalersi della sua indefettibilità e consentire più incisi poteri di intervento da parte dell’Autorità di controllo.

Orbene, posto che il fatto tipico nella figura criminosa e in quello amministrativo è assolutamente uguale, non trova spazio la regola generale dettata dall’art. 9 della L. 689/81 in materia di rapporti tra illecito penale ed illecito amministrativo, dato che tale disciplina è incentrata sul presupposto della specialità, chiaramente inutilizzabile in questo caso. Inoltre la clausola di riserva con cui inizia l’art 187-bis, “salve le sanzioni penali quando  il fatto costituisce reato”, implica come già abbiamo evidenziato l’ipotesi di concorso di illeciti e la cumulabilità delle sanzioni, fatta salva la disposizione ex art 187-terdecies che prevede una formula di cumulo parziale fra le sanzioni penali dell’art 184 T.u.f. e le sanzioni amministrative, dato che alla pena pecuniaria eventualmente applicabile, va scomputata la sanzione amministrava già irrogata ed allora si potrebbe parlare anche di “particolare modalità di esazione” piuttosto che di vero e proprio cumulo. E’ vero anche che la norma lascia intendere che quel fatto tipico idoneo a configurare un illecito amministrativo può non integrare il reato di cui all’art 184 T.u.f. ed allora evidentemente alcuni dei fatti tipizzati dall’art 187-bis, co. 1 e 2, possono essere individuati esclusivamente a titolo di colpa e non di dolo[75], soprattutto quando si allude alla condotta di tipping e tuyautage, posto che l’attività di trading è difficile ipotizzarla per negligenza.

Ricostruita in tal modo la complessa disciplina dell’abuso di informazioni privilegiate tra illecito penale ed illecito amministrativo, non manca chi insinua che tale identica previsione debba essere letta come un “mezzo per sciogliere l’accusa da qualunque onere probatorio, il che tuttavia è da respingere, posto che anche nel campo dell’illecito amministrativo dovrebbe valere il canone della colpevolezza come requisito non flessibile della responsabilità”, [76] ai sensi dell’art 3 della legge 689/81;

Luci ed ombre sulla riforma della disciplina di insider trading per alcuni autori[77], che evidenziano, con riguardo alla disciplina transitoria, come l’art 9, co. 6 della legge n.62/2005 preveda l’applicazione delle nuove sanzioni   “anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore della presente legge che le ha depenalizzate, quando il relativo procedimento penale non sia stato definito”: accade che il trading degli insider secondari di rilievo penale nella trascorsa legislazione ed oggetto ancora di procedimento penale, nonostante l’abolitio criminis, “...può integrare il nuovo illecito amministrativo  ex art 187-bis, co 4. La norma (art 9 co. 6 L. 62/2005) in quanto riproduttiva della medesima previsione dell’ art. 40 della legge 689/81 si espone così alle medesime censure di incostituzionalità formulate da autorevole dottrina[78] per contrasto ( non con l’art 25 Cost., co.2 che riguarda la irretroattività della legge penale e non quella amministrativa ma con l’art 25 Cost., co.1 (principio del giudice naturale), rispetto al mutamento retroattivo dell’organo deputato a conoscere il fatto”[79]. Ulteriore differenza di regolamentazione tra la fattispecie penale e l’illecito amministrativo, è poi la equiparazione tra tentativo e consumazione previsto nell’ultimo comma dell’art 187-bis, una esclusiva dell’illecito amministrativo, che se per alcuni può risultare discutibile in ordine alla previsione - per un illecito amministrativo[80] - della equiparazione tra tentativo e consumazione previsto per altro in materia di delitti di contrabbando [81], come spiegare invece la mancanza di tale previsione nell’art 187-ter che disciplina l’illecito  amministrativo di manipolazione di mercato, condotta chiaramente portatrice di un disvalore intrinseco superiore e come tale presenta una  offensività diversa.

Un’autonoma previsione di fattispecie costituente  abuso di informazioni di privilegiate è la norma  dettata dall’art 187-bis, co 4, integrante ora un illecito amministrativo: si tratta di una significativa modica di disciplina, una  depenalizzazione in favore dei c.d. insider secondari ai quali è del tutto estranea la clausola di riserva  che fa da incipit all’art 187-bis.

La disposizione prevede che ad essere punito con la sanzione amministrativa da ventimila a tre milioni di euro è colui che “in possesso di informazioni privilegiate, conoscendo o potendo conoscere in base all’ordinaria diligenza, il carattere privilegiato delle stesse”, pone in essere taluna delle condotte descritte dall’art. 187-bis, che come ho già ricordato sono perfettamente uguali a quelle previste dall’art 184 T.u.f, co. 1 (acquisto, vendita compimento di altre operazioni, comunicazioni ad altri  di informazioni privilegiate al di fuori del normale esercizio del lavoro, della professione, della funzione o dell’ufficio; raccomandazione o induzione di un terzo al compimento di una operazione sulla base delle informazioni privilegiate).

La formula adottata dal legislatore lascia intendere che è il semplice possesso, non dettagliato (non si specifica né quale sia la sua fonte, né la modalità di acquisizione) dell’informazione privilegiata ad essere l’elemento costitutivo della situazione che fa  scattare le inibizioni operative previste dal primo comma dell’art. 187 –bis.

L’aver incentrato come fondamento dal quale promana il divieto operativo il semplice possesso (anticipando  molto il momento della tutela, non dovendo valutare l’eventuale sfruttamento della notizia), ci si deve porre sul piano soggettivo per poter discernere le condotte lecite dalle illecite.

Il nuovo illecito amministrativo si caratterizza quindi anche per la descrizione dell’elemento soggettivo: oltre all’effettiva conoscenza da parte dell’insider secondario rimarcata dal gerundio “conoscendo” dell’informazione privilegiata, integrante una ipotesi di illecito amministrativo doloso, e che esprime uno stato di conoscenza da parte dell’operatore della natura della “informazione”  della quale è in possesso, rileva anche la possibilità di avere tale conoscenza: qui il legislatore utilizzano la formula  “potendo conoscere in base all’ordinaria diligenza” ha chiaramente introdotto un profilo di responsabilità a titolo di colpa e l’uso tanto del verbo “potere” quanto della classica formula “ordinaria diligenza” ne sono un chiaro segno rivelatore; l’illecito è integrato, sotto il profilo psicologico anche quando l’insider  secondario, al momento dell’azione, ignori per colpa di essere in possesso di una informazione privilegiata . Sul piano poi della ricerca del comportamento “tipo” per accertare la eventuale colpa dell’agente, il disvalore del comportamento è individuato nella carenza di quell’ordinaria diligenza che esprime un criterio di minima attenzione che si deve porre ed è richiesta a qualunque consociato.

Ed allora se si dovrà alternativamente accertare, a seconda che si verta in ipotesi dolosa o in quella colposa, la effettiva conoscenza dell’informazione privilegiata così come definita dall’art 181 T.u.f o se impiegando la nomale diligenza  sarebbe stato possibile conoscere la natura dell’informazione così come descritta sempre dall’art 181 T.u.f., non può suscitare qualche perplessità l’aver previsto per la due  condotte, differenti dal punto di vista dell’elemento soggettivo, le stesse sanzioni[82].

All’applicazione della sanzione pecuniaria per gli illeciti amministrativi si aggiungono poi le sanzioni amministrative accessorie riguardanti ex art187-quater del T.u.f. tanto per coloro che rientrano nelle violazioni dell’art 187–bis dell’abuso di informazioni privilegiate, quanto per coloro che rientrano nelle inibizioni dell’art 187-ter dell’abuso di manipolazione di mercato.

Pene interdittive accessorie severe come la perdita temporanea, da due mesi a tre anni, dei requisiti di onorabilità per esponenti aziendali e partecipanti al capitale sociale dei soggetti abilitati delle società di gestione del mercato, dei revisori e promotori finanziari, incapacità temporanea, sempre da due mesi a tre anni, ad assumere incarichi di amministrazione, direzione e controllo in società quotate, mentre nei casi di maggior gravità è contemplata una ulteriore sanzione interdittiva consistente nella intimazione ai soggetti abilitati, alle società di gestione, agli emittenti quotati ed alle società di revisione, di “non avvalersi per un periodo non superiore a tre anni” dell’autore della violazione”. Infine completa il regime sanzionatorio sul versante amministrativo la previsione della confisca obbligatoria, identica nell’oggetto a quella configurata in campo penale. 

 

 

 

4          Conclusioni : Le questioni ancora aperte

 

 

In conclusione si può forse incominciare a tracciare un primo seppur provvisorio bilancio sulle decisioni adottate dal nostro legislatore, in politica criminale in materie economiche sino ad oggi.

Ebbene appare a mio modesto parere incontrovertibilmente opposte le reazioni adottate per esempio dagli Stati Uniti e dal nostro legislatore: infatti se all’indomani del crack Enron  negli USA furono introdotte attraverso il Sarbanes –Oxley Act, sanzioni severissime per colpire sia false informazioni, sia le frodi, in Italia quasi nello stesso periodo veniva approvata una riforma dei reati societari, d.lgs. n. 61 dell’11 aprile 2002 stranamente caratterizzata da una affievolimento delle sanzioni che colpiscono la criminalità economica.    

Inoltre la tanto agognata legge per la tutela del risparmio la n. 252 del 2005 non apporta nessuna significativa riforma da un punto di vista penalistico: ci si sofferma in un “generico ed indiscriminato (ma fondamentalmente inutile) aumento delle pene previste per gli illeciti penali e amministrativi dei tesati unici bancari e finanziari; conferma, nelle sue linee fondamentali,dell’assetto normativo uscito dalla riforma dei reati societari del 2002, con nulla di più di un maquillage”[83].

C’è da sottolineare tuttavia, come già descritto ad inizio di  questo lavoro, come con il recepimento della direttiva comunitaria 2003/6/CE i reati di insider trading e di manipolazione di mercato rientrino nel novero di quelli per cui il d.lgs. n. 231/2001 prevede a determinate condizioni, l’estensione della responsabilità alle imprese[84].

La previsione della responsabilità dell’ente si estende inoltre, anche alla commissione degli illeciti amministrativi di insider trading e di manipolazione di mercato ed è forse proprio su questo aspetto che si punta per una azione deterrente: si è appena concluso l’iter procedimentale sul caso Ifil- Exor[85] con l’applicazione dell’art 187 quinquies .

In definitiva, nel caso di commissione di fatti di abuso di informazione privilegiata o manipolazione di mercato, si possono prospettare a carico dell’ente quattro forme di responsabilità: 1) automa responsabilità dipendente da reato ex art. 25 sexies del d.lgs 231/01; 2) autonoma responsabilità amministrativa ex art. 187–quinquies del T.u.f.; 3) responsabilità solidale nel pagamento delle sanzioni amministrative, con obbligo di regresso verso i responsabili ex art. 195, co.9 del T.u.f. o ex art 6 della L. n.689/81; d) responsabilità “solidale” civile avente carattere oggettivo e sussidiaria per il pagamento della multa o ammenda, in caso di insolvibilità della persona fisica condannata ex art. 197 c.p..

Ad avviso di chi scrive, l’operazione di legificazione compiuta dalla L. n. 62/05  come per altro già segnalato, pur se mossa dall’intento pregevole di aumentarne la reale porta  dissuasiva, si sostanzia spesso in una sovrapposizione dell’area di illiceità a rilevanza penale con quella amministrativa e pertanto avrebbe richiesto una maggior precisione e delimitazione dei rispettivi confini. Il dibattito circa  l’individuazione dei modelli di tutela cui riferirsi nella criminalità d’impresa  è ad ampio raggio: da una parte vi è l’attenzione verso strumenti alternativi ( la sanzione amministrativa la cui applicazione è da molti ritenuta fautrice del rapporto minimizzazione dei costi - massimizzazione effettività ma i cui requisiti di efficacia, proporzionalità e dissuasione sono messi a dura prova), stante il limite della sanzione penale, spesso presentata in “astratto”, in quanto concretamente inapplicabile per la struttura della fattispecie. Da parte opposta, la sanzione penale appare sempre quel “quid pluris” che si identifica con lo stigma del crimine[86]”. Il precetto penale pertanto, “non deve essere la fotocopia di quello amministrativistico”; deve evidenziare “un quid supplementare di disvalore,… capace, quindi, di giustificare il salto di qualità sul piano sanzionatorio [87]”  . Quando “il legislatore non rende < riconoscibile > un nucleo significativo del precetto penale come distinto dalla restante concretizzazione di esso attraverso i percorsi dell'informazione giuridica secondaria, il nucleo del precetto…non è utile[88]”. Ed allora in un quadro di visione del diritto penale quale estrema ratio di tutela e pertanto di  sussidiario intervento (sia repressivo che sanzionatorio), in quelle situazioni che non sono sufficientemente tutelate attraverso altri sistemi punitivi meno invasivi, la soluzione per il legislatore sarebbe stata quella di considerare ciò su cui usualmente la logica normativa si è incentrata: individuare delle condotte differenziate sia in base alle “caratterizzazioni aggressive, sia in base alle modalità operative[89]” :  a distanza di qualche decina di anni, mantiene ancora integra la sua attualità il richiamo a garantire nelle edificazioni delle ipotesi di reato, il rispetto “delle costanti criminologiche …limiti logici e non giuridici…la cui inosservanza può far correre il rischio al legislatore di dar vita a < fattispecie emblematiche >”[90].

Sembra quasi una prerogativa del legislatore  tipico del settore economico quella di predisporre, come è accaduto nel corso degli anni,  “una disciplina penale gattopardesca” attraverso la quale lo Stato dà la “sensazione” ai cittadini di interessarsi, nei confronti di condotte aggressive di particolari beni giuridici, mentre in realtà è assolutamente consapevole del carattere simbolico della normativa delineata[91]. L’ analisi dei nuovi illeciti in materia di abusi di mercato sembra tuttavia mostrare almeno in termini di risposta sanzionatoria (e delle conseguenze che essa comporta per esempio in tema di prescrizione) un ripensamento del legislatore rispetto al suo recente passato[92],  ma i punti fondamentali della “schizofrenica politica  criminale in materia economica[93]”appaiono irrisolti: torna la  sensazione del “precario equilibrio e fragilità[94]” che caratterizza la materia in esame e che gli scandali finanziari accaduti negli ultimi anni hanno spesso  messo in risalto, sottoponendo a dura prova la validità del sistema disciplinare ed consentendo l’emersione di alcuni limiti normativi anche per quanto concerne gli illeciti qui analizzati.

La risposta legislativa doveva essere un’altra: completa,  organica  e con un giusto coordinamento sistematico tralasciando quelle forme di “schizofrenia” che le norme recenti appaiono avere[95].

Numerosi procedimenti sono in corso, alcuni di essi non hanno forse eguali nella storia del diritto penale dell’economia, è solo il caso di menzionare il numero di soggetti coinvolti nel caso Parmalat (circa 70000 costituzioni di parte civile ammesse in giudizio) così come una fiduciosa aspettativa è riposta dal mondo degli investitori delusi nei processi in corso[96], tuttavia una risposta importante è indubbiamente quella che dovrà fornire il legislatore onde poter costruire una disciplina penale societaria ed economica al passo con le più avanzate esperienze internazionali.

E’ senza dubbio opportuno valutare le esperienze estere, senza però dimenticare le peculiarità dell’imprenditoria e del mercato finanziario italiano.

Lo scandalo Parmalat pone in evidenza  oltre alle carenze e difetti normativi, in realtà anche un “ineliminabile scarto fra assetti normativi e governo societario[97]”, tipico della struttura del capitalismo italiano, che è di base familiare ed in qualche caso, come quello Parmalat, trattasi anche di un “ familismo amorale e  sostanzialmente avverso alla Borsa nonostante i progressi degli ultimi quindici anni…il fulcro della regolamentazione  allora deve rimanere in maggior grado in ambito pubblicistico [98]”. Il decreto Pinza del 2006 ha adottato alcuni provvedimenti che mirano a cancellare alcune carenze della legge sul risparmio, come ad esempio l’utilizzo del voto segreto per la nomina degli amministratori e al sistema dei controlli

De iure condendo il legislatore dovrebbe allora adottare una riforma, come detto organica, che pur guardando e valutando le esperienze estere in un quadro normativo comunitario omogeneo, tenga presente la natura e le specificità del nostro capitalismo: il caso Parmalat ha mostrato come i problemi della struttura imprenditoriale italiana siano diversi da quelli del capitalismo americano, tuttavia lo spirito della risposta dovrebbe essere lo stesso[99]. Se infatti  si ritiene che la stabilità del capitalismo, da noi come negli Stati Uniti e in altri paesi europei, “sia stata messa in pericolo da tre cause: la frode, l'accumulazione …. di rischi e la concessione delle opzioni su azioni, con le connesse modalità di contabilizzazione e di esercizio,[100]” è giusto poi che ogni Paese individui il tipo di pericolo da cui bisogna guardarsi, ed in Italia, dopo il caso Parmalat, la frode sembra essere quella che susciti il maggiore allarme sociale.

Urge una richiesta di sanzioni adeguate, efficaci e proporzionate nonché dissuasive, un segnale forte e coerente all’intera comunità, ancorché si sappia che nessuna “riforma sia in grado di eliminare la frode e la cattiva gestione, un rafforzamento delle regole e delle istituzioni volte ad arginare tali fenomeni appare inevitabile[101]”. A ricordare infatti come nonostante leggi e campagne anti truffa non si possa abbassare la guardia, vi sono i fatti accaduti proprio a Wall Street in questi giorni, piazza finanziaria che più di tutti ha reagito ai primi scandali di truffe contabili (Enron, Worldcom…) e scoperti dalla  SEC insieme al Dipartimento della Giustizia: a dispetto delle truffe più sofisticate attraverso tecniche di manipolazioni di compravendita, market timing e late trading,  siamo di fronte ad  una classica  vicenda di insider trading tra dirigenti e traders di importantissime banche internazionali ed hedge fund, realizzata attraverso il passaggio illegale di informazioni riservate per scommettere in anticipo sui movimenti dei prezzi [102]:

Ed allora si richiede inevitabilmente un cambiamento che comprenda modifiche efficaci sia della normativa in materia di risparmio e tutela dei risparmiatori (un primo segno tangibile è la riforma sugli abusi di mercato malgrado le criticità qui esaminate ma molto altro va fatto ed in tal senso va rivista la legge n. 262 del 2005), ma anche innovazioni in tema di  corporate governance ed una nuova “etica pubblica e degli affari[103]”; la soluzione credo in definitiva vada ricercata lungo la via della politica quale estrema sintesi di un  rinnovato ed autentico sentir comune capace di riflettere un reale consenso della collettività anziché dare l’idea di “un’amnistia occulta”[104].

 

 

 

 

 

INDICE

A. CRESPI (a cura di) Disposizioni penali in materia di società e consorzi,  in Riv. delle Società, 2004

A.ROSSI, Market abuse e insider trading: l’apparato sanzionatorio, in www.rivista231.it,  2006

AA.VV., Commentario al testo delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, a cura di CAPRIGLIONE – ALPA, Padova, 1998

ALESSANDRI, Parte generale, in Manuale di diritto penale dell’impresa. Parte generale e reati fallimentari, a cura di Pedrazzi-Alessandri- Foffani-Seminara- Spagnolo, Bologna, Monduzzi, 2003

ANNUNZIATA, Il recepimento della market abuse directive, in Corriere giuridico , 2005

ARENA , in www.Reatisocietari.it  del 18.05.05

BARTALENA, Insider trading , in Trattato delle società per azioni, diretto da Colombo e Portale, Torino, Utet, 1993

BARTOLOMUCCI, Market abuse e le responsabilità amministrative degli emittenti, in Le Società, 2005,

BELLACOSA, “Insider trading”: manipolazione del mercato, abusi di mercato e responsabilità, in Diritto e pratica della società, 2005

BESSONE, Mercato finanziario e regole di vigilanza - Le grandi linee del sistema e i problemi della net economy, in Giur. Merito, 2001

BRICOLA, Legalità e crisi:  l’art. 25, co. 2 e 3 della Costituzione rivisitato alla fine degli anni 70, in Quest. Crim., 1980

BRICOLA, Legalità e crisi:  l’art. 25, co. 2 e 3 della Costituzione rivisitato alla fine degli anni 70, in Quest. Crim., 1980

BRICOLA, Profili penali della disciplina del mercato finanziario, in Banca Borsa tit. cred. , 1990

BRICOLA, voce  Teoria generale del reato , in Noviss. Digesto it., XIX Torino , 1965

BRICOLA, voce Teoria generale del reato, in Nss. D. I , Vol. XIX, 1973

CAMMARATA, Interventi della Sarbanes-Oxley of 2002 sulla corporate resposibility nelle società quotate statunitensi, in www.archivioceradi.luiss.it

CARBONETTI E IELO, (Atti convegno Paradigma Market abuse la nuova disciplina, Milano 8 -9 giugno 2005  2005)

CARMONA, Al capolinea dell’insider trading’ la legittimità delle soglie quantitative indeterminate,. A proposito dell’idoneità ad influenzare “ sensibilmte ” il prezzo, in Riv. Pen. 2003

CASSANI, in L’insider trading tra indeterminatezza ed eccesso di delega, in Giur. comm., 2005

CHIARAVIGLIO , Market abuse; brevi note illustrative delle modifiche al  d.lgs. 58/98 (T.u.f.) apportate dalla recente legge di recepimento della direttiva comunitaria 93/6/CE, in  Rivista dei dottori commercialisti, Giurisprudenza penale d’impresa (a cura di CHIARAVIGLIO – TROYER), 2005

CONTENTO (Corso di diritto penale, vol.I

CONTI , in F. ANTOLISEI, Manuale di diritto penale. Leggi Complementari, Milano, 1999

COSTI, Informazione e mercato, in Banca Impresa e Società, 1989

COSTI-ENRIQUES, Il mercato mobiliare, in Trattato di diritto commerciale, diretto da GASTONE COTTIMNO, Cedam, 2004

D’AMICO , Qualità della legislazione, diritto penale e principi costituzionali ,in Riv. Dir. Cost. 2000

D’AMICO, Il principio di determinatezza in materia penale fra teoria e giurisprudenza costituzionale, in Giur. Cost., 1998

DE NICOLA, in Trasparenza dei mercati : al via la direttiva “market abuse”, in Diritto e pratica della Società, 2005

DENOZZA, La nozione di informazione privilegiata tra “Shareholder Value” e Socially Responsible Investing” in Giurisprudenza Commerciale  2005

DENOZZA, La nozione di informazione privilegiata tra “shareholder Value” e “Socially Responsible Investing”, in Giur. Comm. , 2005

DI STASO, Il caso Parmalat, da Luiss, Libera Università  Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d’impresa, agosto 2004,  in Magistra, Banca e Finanza www.magistra.it

DONINI, Dolo e prevenzione nei reati economici. Un contributo  all’analisi nei rapporti tra errore di diritto e analogia nei reati in contesto lecito di base, Riv. trim pen. econ., 1999

ERMETES, Commento all’art. 180, in Il Testo unico della intermediazione finanziaria. Commento al d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 a cura di Rabitti Bedogni, Milano Giuffrè, 1998

FERRARINI, in La nuova disciplina europea sull’abuso di mercato, in Rivista delle Società,  2004

FIANDACA –MUSCO, Diritto penale. Parte generale, Bologna , Zanichelli, 2004

FLICK, Criminalità economica e criminalità organizzata: profili giuridici Note a margine della Questione Europea, suppl. al n. 4 della Rassegna dell'Arma dei Carabinieri, 1992,

FOFFANI , Quella schizofrenia ancora irrisolta, in www.lavoce.info, 18/12/2006

G. ROSSI, La legge  sulla  tutela  del risparmio ed il degrado della tecnica legislativa, in Riv. delle Soc., 2006

GUERRIERO, Vincoli di natura costituzionale nella formulazione ed interpretazione del precetto penale (art 4 comma 1 n. 7 L. n. 516 del 1982, Cass. Pen. 1989

GULLO, Il delitto di aggiotaggio bancario: una fattispecie condannata all’oblio?, in Banca, borsa e tit. cred., 2001

INSOLERA-MAZZACUVA-PAVARINI-CANOTTI (a cura di), Principio di determinatezza e tassatività, in Introduzione al sistema penale, Torino, Giappichelli, 1997

K.J. HOPT, The European Insider Dealing Directive, in Common Market Law Review,  1990

LOJODICE, Voce Informazione (diritto alla), in Enc. Diritto, vol. XXI, Milano, 1971

LOSAPPIO Offensività ed oggetto di tutela nel sotto –sistema del diritto penale bancario –II^ Parte, in Magistra, Banca e Finanza, <www.magistra.it> , dicembre 2003

LOSAPPIO, Offensività ed oggetto di tutela nel sotto –sistema del diritto penale bancario – I^ Parte., in sua nota 62, in Magistra, Banca e Finanza, <www.magistra.it> , dicembre 2003

LOSAPPIO, Offensività ed oggetto di tutela nel sotto-sistema del diritto penale bancario, in Riv. Trim pen. econ., 2001

M.LONGO, Insider trading su Maverick,  Sole 24 Ore  29/072006:

MANTOVANI, Diritto penale. Parte generale, Padova , Cedam, 2001

MARCHETTI- BIANCHI (a cura di), La disciplina delle società quotate nel testo unico della finanza, Milano, 1999

MARINUCCI-DOLCINI, Corso di diritto penale, Milano , Giuffrè, 2001

MARINUCCI-DOLCINI, Corso di diritto penale, Milano, Giuffrè, 2001

MUCCIARELLI, L’abuso di informazione privilegiate: Delitto e illecito amministrativo,, in Diritto Penale e

MUCCIARELLI, L’informazione societaria, destinatari e limiti posti dalla normativa in materia di insider trading, in Banca borsa e tit. cred., 1999

MUCCIARELLI, L’Insider trading nella nuova disciplina del d.lgs n. 58 del 1998 , in Riv. Trim dir. Pen. Econ. 2000

MUCCIARELLI, Primato della giurisdizione e diritto economico sanzionatorio : a proposito di market abuse, in Diritto Penale e Processo, 2006

MUCCIARELLI, Speculazione mobiliare e diritto penale, Milano 1995

MUSCO, I reati di insider trading, in Riv. Pen.econ. 1993

NAPOLEONI, L’insider trading,:i pallori del sistema repressivo. Una ipotesi di lavoro, in Cass.pen. ,2001 

PADOVANI, Diritto penale della prevenzione e mercato finanziario, in Rivista it. Dir. proc. Penale 1995

PALAZZO, Il principio di determinatezza nel diritto penale: la fattispecie, Padova Cedam, 1979

PALIERO, Consenso sociale e diritto penale, in Riv. it. dir. e  proc. pen., 1992

PALIERO, Market abuse e legislazione penale: un connubio tormentato, in Corr. Merito, 2005

PALIERO-TREVI, La sanzione amministrativa, MILANO 1988

PARLANI, Sarbanes-Oxley Act: i passi verso il raggiungimento della <compliance>, in Amministrazione & Finanza, 2005

PARMEGGIANI, Commento alla nuova disciplina di recepimento della normativa comunitaria in materia di market abuse, in www.Reatisocietari.it

PATALANO, Reati e illeciti nel diritto bancario, Torino, 2003

PEDRAZZI, Aggiotaggio bancario, in La nuova Legge bancaria, a cura di  FERRO-LUZZI, CASTALDI, MILANO, 1996

PEDRAZZI, Riflessioni sull’insider trading in ambito corporativo , in Riv. Soc., 1991

PEDRAZZI-ALESSANDRI-FOFFANI-SEMINARA-SPAGNOLO La tutela penale del mercato finanziario, , Manuale di diritto penale dell’impresa, BOLOGNA, 2000

PENCO, Legge Comunitaria 2004: market abuse e trasparenza dei mercati finanziari, in Amministrazione e Finanza, 2005

PETRIGNANI-GELOSI, L’insider trading, in Giurisprudenza sistematica di diritto penale. Diritto penale della banca, del mercato mobiliare e finanziario, a cura di Bricola,e Zagrebelsky, Torino, Utet, 2002

PISCITELLO, sub, art 114, in Testo unico della Finanza, Commentario diretto da G.F. Campobasso, Torino, Utet, 2002

PLATTNET, I nuovi poteri della Consob in tema di informazione societaria, in Diritto e pratica della società, 2005

Processo, 2005

RAGNI, Primi segnali di un’inversione di tendenza nell’esperienza applicativa del reato di insider trading, in Banca Borsa e tit. cred., 2003

RIGOTTI L’abuso di informazioni privilegiate, in AA.VV., Intermediari finanziari, mercato e società quotate, a cura di PATRONI GRIFFI- SANDULLI- SANTORO, Torino, 1991

RODORF, Ruolo e poteri della Consob nella nuova disciplina del market abuse, in Le Società, 2005

RUGGIERO, Insider trading: modello europeo e statunitense a confronto, in Diritto e pratica delle Società, 2005,

S.M. BAINBRIDGE, “Insider trading”, in Ecycopledia of Law and Economics, 2000

S.M.BAINBRIDGE, Corporation Law and Economics, N.Y. 2002

SANTI, La responsabilità delle “persone giuridiche” per gli illeciti penali e per gli illeciti amministrativi di abuso di informazioni privilegiate e di manipolazione del mercato  in Banca, Borsa, tit. cred,, 2006

SARCINELLI, Tre punti per la tutela del risparmio,in  www.lavoce.info ,del 6.03.2004 

SEMINARA, Insider trading e diritto penale, 1989, Milano, Giuffrè

SEMINARA,Disposizioni comuni agli illeciti di abuso di informazioni privilegiate e manipolazione del mercato, in Diritto penale e processo, 2005

TOFFOLETTO, La direttiva sul “market abuse”: “insider trading” e manipolazione del mercato, in Diritto e pratica delle Società, 2004

VASSALLI, La nozione di insider trading, in Riv. it. dir. proc. pen. 1992

ZANOTTI, Principio di determinatezza e tassatività, in Introduzione al sistema penale,  a cura di Insolera- Mazzacuva-Pavarini- Canotti, Torino, Giappichelli, 1997

ZANOTTI. L’insider trading finisce al vaglio della Corte costituzionale. Fattispecie indefinita, pene irrazionali, eccesso di delega, in Società 2004


 

[1] E’ di pochi giorni fa la notizia della sanzione irrogata dalla Consob nei confronti dei massimi vertici delle finanziarie del gruppo Fiat di e di altri importanti manager e delle società stesse

[2] FLICK, Criminalità economica e criminalità organizzata: profili giuridici, in Note a margine della Questione Europea, suppl. al n. 4 della Rassegna dell'Arma dei Carabinieri, 1992, p. 43. Dello stesso Autore, sull'argomento: Informazione bancaria e giudice penale: presupposti di disciplina. Problemi e prospettive, in Banca Borsa e Titoli di credito, 1988, I, p. 441 e ss.

[3] Per PADOVANI, Diritto penale della prevenzione e mercato finanziario, in Rivista it. Dir. proc. Penale 1995, p. 641, il mercato finanziario è un luogo giuridico che non può esistere senza una previa regolamentazione che definisca e disciplini il suo oggetto e la sua struttura

[4] "Il rilievo del tutto particolare che la nuova legislazione finanziaria, ed in particolare quella bancaria, assegna alla c.d. "trasparenza" non deve sorprendere. Tra le molte cose che servono per privatizzare l'economia in un Paese due sono indispensabili. Primo: ci vuole una borsa efficiente, trasparente, liquida. Secondo: ci vuole un sistema bancario con le stesse caratteristiche". PATALANO, Reati e illeciti nel diritto bancario, Torino, 2003, p. 9.

[5] LOJODICE, Voce Informazione (diritto alla), in Enc. Diritto, vol. XXI, Milano, 1971, p. 473.

[6] Per il creck del Gruppo Giacomelli, chiusa la fase delle indagini ex 415 bis c.p.p., ad alcuni soggetti è stato contestato tra gli altri  anche il reato di insider trading

[7] Vedi COSTI, Informazione e mercato, in Banca Impresa e Società, 1989, p.209.

[8] Definizione fornita da: COSTI, op.cit. nota 6,  p. 206.

Per BESSONE, Mercato finanziario e regole di vigilanza - Le grandi linee del sistema e i problemi della net economy, in Giur. Merito, 2001, IV, p. 1467, "nel linguaggio del legislatore della materia finanziaria, mercato è un assetto organizzativo che favorisce l'incontro tra domanda ed offerta di valori mobiliari, assicura efficienza ed osservanza di regole alle transazioni che ne determinano lo scambio, provvede ai servizi occorrenti per lo svolgimento delle attività di mercato e precostituisce garanzie di tutela dei diritti di quanti sul mercato operano. Garanzie di tutela che per gli investitori devono presentare tutta la consistenza stabilita dalla norma dell'art. 47 Cost., ove al "risparmio in tutte le sue forme" si assicura doverosa protezione".

[9] M. MONTI, R. SABBATINI, Per Consob e Pm il focus è l’aggiotaggio, Il Sole 24 Ore  del 03/03/2007

[10] ANNUNZIATA, Il recepimento della market abuse directive, in Corriere giuridico , 6/2005, p. 746

[11] A tal riguardo voglio citare alcuni frammenti di un’articolo di GROUCHO MARX (evidentemente uno pseudonimo) tratto da www. Lavoce.info del 27/01/2004 che possono aiutare a comprendere quale fosse il livello di conoscenza di una delle diverse  “distorsioni e patologie” che affliggono i mercati finanziari, anche da parte di chi è preposto ad informare, all’interno del  quadro normativo previsto per tale fattispecie “l’insider o internal dealing” prima del recepimento della Direttiva europea n. 2003/6/CE cosituito come già accennato da una norma di autoregolamentazione “ Regolamento di Borsa Italiana S.p.A.” che le società quotate ed i soggetti che in esse rivestono cariche si sono spontaneamente dati. L’autore dell’articolo  così commentava una “legittima” domanda fatta dalla giornalista Palombelli a Fedele Confalonieri a.d. Mediaset a proposito di alcune operazioni di compravendita da lui fatte “…Ebbene prendendo spunto da alcuni articoli polemici, la giornalista Palombelli ha chiesto a Confalonieri chiarimenti su alcuni operazioni di compravendita di alcuni titoli Mediaset da lui effettuate nei giorni precedenti. Giuliano Ferrara presente e conduttore della trasmissione ha definito pettegola la domanda sostenendo che era il frutto di una cultura che reputa illegittimo l’arricchimento…. I toni erano tali da far pensare ad una violazione della privacy (da parte della giornalista, aggiungo io), che coprirebbe le informazioni di trading esercitata da un manager sui titoli della società che dirige. Le operazioni effettuate da Fedele Confalonieri, vale la pena ricordarlo, riguardavano titoli di una società quotata che come tale, deve sottostare ad un particolare regime di disclosure (pubblicità) imposto a tutela degli azionisti e, quindi degli investitori. Chiariamo non si sta parlando insider trading…, si sta parlando di altra cosa e non si tratta a priori di un reato. Stiamo parlando di operazioni che alcuni soggetti (tipicamente coloro che ricoprono cariche sociali e i manager di grado più elevato) compiono sui titoli delle società in cui prestano la loro opera. Questa seconda fattispecie è denominata insider dealing o internal dealing….

In questo campo come in altri campi (ad esempio il falso in bilancio), le norme americane sono più restrittive di quelle vigenti nel nostro paese con buona pace di coloro che si spacciano per i liberisti” ( vd la Section 16 (b) del Securities exchange Act del 1934) “… ed in particolare nel 1988 la Sec  ha imposto stringenti norme di disclosure” (in questa materia). “…In particolare sono state individuati alcuni soggetti (le cosiddette persone rilevanti…) che, superati certi limiti quantitativi, devono comunicare la loro attività di trading sui titoli delle società in cui  ricoprono cariche. Queste operazioni sono rese pubbliche perché si ritiene abbiano un valore segnaletico sulla qualità dell’impresa….Scopo della norma, quindi, è quello di ripristinare una parità informativa tra i diversi partecipanti al mercato….e per garantire ex post, la possibilità che i risparmiatori abbiano strumenti conoscitivi idonei a valutare la correttezza dell’operato dei manager….in questo contesto, tutt’altro che confortante, chi per mestiere è chiamato ad informare il pubblico dovrebbe offrire il proprio contributo ad accrescere la cultura finanziaria, operando con adeguata competenza, evitando, fosse anche solo per propria ignoranza, di compere atti di disinformazione e, soprattutto rifiutando la cultura del non rispetto delle norme, giacché l’effettività del diritto non può seguire che la censura morale”.       

[12] Come noto, negli Stati Uniti d’ America, la disciplina dell’insider trading risale al Securities Exchange Act del 1934; L’analisi economica del fenomeno ha creato una profonda spaccatura nella dottrina americana, come riporta S.M. Bainbridge, “Insider trading”, in Ecycopledia of Law and Economics, 2000, p.772 e ss ; infatti parte della dottrina (Manne e Scotland) ritiene che non vi debba essere una norma che disciplini l’insider trading, così l’allocazione del risparmio risulti essere più efficace e redditizia per gli investitori e non ultimo come nella maggior parte dei casi, l’effetto dell’insider trading ha avuto un impatto insignificante sui prezzi. D’altra parte si rileva la necessità di una regolamentazione del fenomeno di abuso di informazioni privilegiate (sempre Bainbridge): in primo luogo l’insider trading danneggia gli investitori, riducendone la fiducia nel mercato; in secondo luogo l’insider  trading danneggia gli emittenti dei titoli interessati  dalle informazioni possedute dall’insider (questi potrebbe ritardare la comunicazione al suo superiore) ed infine il terzo argomento a sostegno della tesi di una regulation del fenomeno, pone l’accento sull’idea che l’insider trading integrerebbe un’indelebile appropriazione di informazioni di proprietà della società.

[13] Il CESR precisa che una situazione o un evento sono veri quando si fondano su prove sicure ed oggettive, che possono essere comunicate in modo accurato” ed inoltre “ continue relative al reale accadimento della situazione o dell’evento riferiti non compromettono la precisione dell’informazione”.

[14] FERRARINI, in La nuova disciplina europea sull’abuso di mercato, in Rivista delle Società, 2004. p.52

[15] SOLFERINI, in La Direttiva Europea contro gli Abusi di Mercato : informazioni privilegiate e manipolazione, in Magistra, Banca e Finanza <www.magistra.it>, ottobre 2005.

[16] K.J. HOPT, The European Insider Dealing Directive, in Common Market Law Review, 1990  p. 51

[17] KJ. HOPT, op. cit. nota 21, p.134 “... è necessario che l’informazione sia disponibile al pubblico degli investitori, per esempio apparendo sul ticket di borsa o  essendo riportata dai  mezzi di comunicazione come la televisione, la radio o la stampa economica…”  

[18] Il punto è sottolineato dal CESR’s Advice on Level 2 Implementing Measures for the proposed Market Abuse Directive, December 2002 e ripreso anche nel considerando n. 1 della Direttiva 2003/124/CE

[19] DENOZZA, La nozione di informazione privilegiata tra “Shareholder Value” e Socially Responsible Investing” in Giurisprudenza Commerciale 32/5 2005, p. 585 e ss

[20] PENCO, Legge Comunitaria 2004: market abuse e trasparenza dei mercati finanziari, in Amministrazione e Finanza, 10/2005 p.61

[21] SOLFERINI, op. cit. nota 15

[22] A tal proposito, vedi Cady, Roberts, and Co, 40 SEC 907 (1961), una prima  decisione della SEC che inquadra l’attività di abuso di informazione privilegiata. L’applicazione della  Rule 10b-5 (fondamentale per il divieto di attività di abuso di informazione privilegiata) si basa su due elementi : “ L’esistenza prima di tutto di un rapporto che dia accesso, direttamente o indirettamente a informazioni  intese come disponibili solo nell’interesse della società, e non a beneficio privato di alcuno, ed in secondo luogo la scorrettezza  che, per definizione, è implicita nella situazione in cui una parte approfitta di tali informazioni sapendo che non sono disponibili alla controparte con cui si sta trattando” (p.912).  

[23] FERRARINI, op.cit. nota 14, p.55 e ss.

[24] TOFFOLETTO, La direttiva sul “market abuse”: “insider trading” e manipolazione del mercato, in Diritto e pratica delle Società, 2004, p. 38

[25] RUGGIERO, Insider trading: modello europeo e statunitense a confronto, in Diritto e pratica delle Società, 2005, p.8

[26] MUCCIARELLI, Primato della giurisdizione e diritto economico sanzionatorio : a proposito di market abuse, in Diritto Penale e Processo, 2006, p.137 e ss.sul tema  SEMINARA,Disposizioni comuni agli illeciti di abuso di informazioni privilegiate e manipolazione del mercato, in Diritto penale e processo, 2005, p. 16; RODORF, Ruolo e poteri della Consob nella nuova disciplina del market abuse, in Le Società, 2005, p. 813  

[27] PLATTNET, I nuovi poteri della Consob in tema di informazione societaria, in Diritto e pratica della società, 2005, p.25

[28] A. ALESSANDRI, “C’è sproporzione nelle sanzioni”, da Il Sole 24 ore del 03/03/2007

[29] M.LONGO, Insider trading su Maverick,  Sole 24 Ore del 29 luglio 2006: riguarda  il caso della scoperta di insider trading su un’aggregazione italo – americana : tra Tenaris e la statunitense Maverick ; ciò che mi preme sottolineare, e mi accomuna alla  giornalista , è lo stupore per il tempo impiegato da parte della SEC per individuare i 5 insiders  e oltretutto ottenre dalla Corte dell’Illinois  il sequestro dei conti e dei proventi dell’insider trading : 3 giorni dopo l’annuncio della fusione! Da ottobre 2005 l’Autorità americana ha accertato 40 casi di insider trading 

[30] RODORF, in op.cit., nota 26, 818; Trib. Milano sent. n. 3406/06 del 27.03.06 (dep. il  24.06.06): condanna l’imputato al risarcimento dei danni non patrimoniali ex art 187 undecies del T.u.f. in favore della Consob quale “riparazione della lesione inferta all’ente…sotto il profilo dell’ostacolo all’esercizio delle funzioni istituzionali di tutela del mercato…non trascende nella retribuzione del danno al mercato in senso lato e non costituisce un nuovo genere di danno risarcibile, riconducibile al modello dei punitive damages”; inoltre il tribunale riconosce alla Consob quale parte civile “di allegare e provare anche altri tipi di danno di natura patrimoniale o non patrimoniale: ad esempio il danno di immagine…”.

[31] MUCCIARELLI, L’abuso di informazione privilegiate: Delitto e illecito amministrativo,, in Diritto Penale e

Processo, 12/2005, p. 1465

[32] Alcuni autori , come già ho avuto modo di specificare in nota 8, specialmente in ambito statunitense,  hanno espresso perplessità in passato in merito all’opportunità di punire l’insider trading. In senso contrario si sono espressi SEMINARA, Insider trading e diritto penale, 1989, Milano, Giuffrè p. 30 e ss; BARTALENA, Insider trading , in Trattato delle società per azioni, diretto da Colombo e Portale, Torino, Utet, 1993, X , p. 235 e ss.; ancora in La tutela penale del mercato finanziario, PEDRAZZI-ALESSANDRI-FOFFANI-SEMINARA-SPAGNOLO, Manuale di diritto penale dell’impresa, BOLOGNA, 2000, p. 622       

[33] BRICOLA, Profili penali della disciplina del mercato finanziario, in Banca Borsa tit. cred. , 1990 , I, p. 16 e ss mette in evidenza la tendenza a confondere il bene tutelato dallo scopo della norma

[34] In questo senso si vedano SEMINARA, op. cit. nota 30, p. 30 e ss; MUCCIARELLI, L’Insider trading nella nuova disciplina del d.lgs n. 58 del 1998 , in Riv. Trim dir. Pen. Econ. 2000, p. 927; RAGNI, Primi segnali di un’inversione di tendenza nell’esperienza applicativa del reato di insider trading, in Banca Borsa e tit. cred., 2003, II, 732 e ss, commento a Trib. Brescia, 25 giugno 2002, in Banca borsa e tit. cred., 2003, p. 708 e ss; BARTALENA, op. cit. nota 30 ; PETRIGNANI-GELOSI, L’insider trading, in Giurisprudenza sistematica di diritto penale. Diritto penale della banca, del mercato mobiliare e finanziario, a cura di Bricola,e Zagrebelsky, Torino, Utet, 2002, p. 281; ERMETES, Art. 180, in Il Testo unico della intermediazione finanziaria. Commento al d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 a cura di Rabitti Bedogni, Milano Giuffrè, 1998, p. 979 e ss

[35] BELLACOSA, “Insider trading”: manipolazione del mercato, abusi di mercato e responsabilità, in Diritto e pratica della società, 2005, p. 20 e ss; MUCCIARELLI, in op. cit. nota 29, p. 1466

[36] Ricordo che  commette tippee trading chiunque ( mi riferisco in questo caso agli insiders secondari), avendo ottenuto, direttamente o indirettamente, informazioni privilegiate da un insider primario acquista, vende o compie altre operazioni su strumenti finanziari, avvalendosi di tali informazioni.

[37] DE NICOLA, in Trasparenza dei mercati : al via la direttiva “market abuse”, in Diritto e pratica della Società, 2005 p. 8.

[38] AA.VV., Commentario al testo delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, a cura di CAPRIGLIONE – ALPA, Padova, 1998, p. 1654; CONTI , in F. ANTOLISEI, Manuale di diritto penale. Leggi Complementari, Milano, 1999, p. 364; ERMETES, Commento all’art. 180, in AA.VV., Il Testo unico dell’intermediazione finanziaria, a cura di RABITTI-BEDOGNI, Milano 1998, p.981; RIGOTTI L’abuso di informazioni privilegiate, in AA.VV., Intermediari finanziari, mercato e società quotate, a cura di PATRONI GRIFFI- SANDULLI- SANTORO, Torino, 1991, p. 1375-1376; La disciplina delle società quotate nel testo unico della finanza, a cura di MARCHETTI- BIANCHI, Milano, 1999, p. 1991; MUCCIARELLI, Speculazione mobiliare e diritto penale, Milano 1995, p .6 e ss.

[39] PEDRAZZI, Aggiotaggio bancario, in La nuova Legge bancaria, a cura di  FERRO-LUZZI, CASTALDI, MILANO, 1996, p.2044 -2045

[40] FERRARINI, op.cit.  nota 14,  p. 51 e ss “… L’art 1 della Direttiva sull’abuso di mercato è simile a quella fornita dalla Direttiva insider trading, ed è composta da quattro elementi che illustrano la ratio del divieto di abuso di informazione privilegiate….in primo luogo, l’informazione deve avere carattere preciso, nel senso che la situazione o l’evento a cui l’informazione si riferisce sono veri o esiste una ragionevole aspettativa che diventino veri in futuro” .

[41] SEC v. Texas Guilf Sulphur  Co, 401 F. 2d  833 (2d Cir. 1968) cert. Denied, 394 U.S. 976 (1969)

[42] BAINBRIDGE, Corporation Law and Economics, N.Y. 2002, p.552, il quale sostiene che l’ipotesi di mercati efficienti  dipende dall’abilità degli operatori del mercato di modificare i prezzi di vendita e di acquisto in modo che riflettano le nuove informazioni.

[43] ESC 12/2003,13/2003 and 14/2003, htpp://europa..eu.int/comm/internal-marksecurities/abuse/index-en.htm; nella passata disciplina riproponeva di assumere come parametro , l’investitore medio, PISCITELLO, sub, art 114, in Testo unico della Finanza, Commentario diretto da G.F. Campobasso, Torino, Utet, 2002, p. 951;v. anche COSTI-ENRIQUES, Il mercato mobiliare, in Trattato di diritto commerciale, diretto da GASTONE COTTIMNO, Cedam, 2004, p.206 dove si fa riferimento alla nozione americana di materiality, senza tuttavia distinguere le figure di investitore medio e razionale.

[44] DENOZZA, in op. cit., nota 19,  p.585/I e ss.

[45] DENOZZA, in op. cit., nota 19, p.585/I : se si dovesse ritenere che anche una informazione non finanziaria può rientrare nella categoria di informazione privilegiata l’obbligo di divulgazione riguarderebbe tutti i fatti rilevanti, positivi o negativi

[46]MUCCIARELLI,  in op.cit., nota 31, p.1467

[47] ALESSANDRI, Parte generale, in Manuale di diritto penale dell’impresa. Parte generale e reati fallimentari, a cura di Pedrazzi-Alessandri- Foffani-Seminara- Spagnolo, Bologna, Monduzzi, 2003, p. 45: osserva come il ricorso a termini che esprimono concetti di natura tecnica abbiano compromesso nell’insider trading, le esigenze di chiarezza ed agevole riconoscibilità; MUSCO, I reati di insider trading, in Riv. Pen.econ. 1993,p. 379; sull’indeterminatezza della fattispecie dell’art. 180 T.u.f., ZANOTTI. L’insider trading finisce al vaglio della Corte costituzionale. Fattispecie indefinita, pene irrazionali, eccesso di delega, in Società 2004, p.76; infine favorevole ad un inserimento normativo di soglie predeterminate di esiguità, CARMONA, Al capolinea dell’insider trading’ la legittimità delle soglie quantitative indeterminate,. A proposito dell’idoneità ad influenzare “ sensibilmte ” il prezzo, in Riv. Pen. 2003,  p 824; Contra VASSALLI, La nozione di insider trading, in Riv. it. dir. proc. pen. 1992, p.21 

[48]PALAZZO, Il principio di determinatezza nel diritto penale: la fattispecie, Padova Cedam, 1979, p. 3 e ss.; MANTOVANI, Diritto penale. Parte generale, Padova , Cedam, 2001, p. 64; FIANDACA –MUSCO, Diritto penale. Parte generale, Bologna , Zanichelli, 2004, p. 424; ZANOTTI, Principio di determinatezza e tassatività, in Introduzione al sistema penale, I a cura di Insolera- Mazzacuva-Pavarini- Canotti, Torino, Giappichelli, 1997, p. 135 e ss.. Parla di principio di determinatezza o tassatività indifferente distinguendo il divieto di analogia, BRICOLA, Legalità e crisi:  l’art. 25, co. 2 e 3 della Costituzione rivisitato alla fine degli anni 70, in Quest. Crim., 1980’, p 184-185. Per una distinzione tra precisione, determinatezza e tassatività, MARINUCCI-DOLCINI, Corso di diritto penale, Milano , Giuffrè, 2001, p. 18. In giurisprudenza ha fatto espresso riferimento alla determinatezza, distinguendola dalla tassatività, Corte Cost.  15-16 maggio 1989, n. 247, in : Cass. Pen. 1989, p. 1652 e ss con nota di GUERRIERO, Vincoli di natura costituzionale nella formulazione ed interpretazione del precetto penale (art 4 comma 1 n. 7 L. n. 516 del 1982).

[49] Per alcuni autori vi è coincidenza di contenuti tra l’art 25, co. 2 Cost. e l’art 1, c.p. FIANDACA-MUSCO, in op. cit. nota 46, p. 49; in Giurisprudenza: Corte costituzionale 23-27 maggio 1961, n. 27;  Per un contributo sul valore da attribuire al principio i determinatezza, tassatività nel contesto attuale: D’AMICO , Qualità della legislazione, diritto penale e principi costituzionali ,in Riv. Dir. Cost. 2000, p. 9; D’AMICO, Il principio di determinatezza in materia penale fra teoria e giurisprudenza costituzionale, in Giur. Cost., 1998, p. 375  .

[50] Corte cost. 23 – 27 maggio 1961 n. 27

[51] Corte cost., 10-16 dicembre 1970 , n191

[52] CASSANI, in L’insider trading tra indeterminatezza ed eccesso di delega, in Giur. comm., 2005, p. 115/II e ss.

[53] BELLACOSA, in op. cit. , nota 35

[54]In tema di discussione dei modelli di tutela,  nel diritto penale e in particolare nel diritto penale dell’economia, si segnala la posizione di illustri Autori che assumono posizioni critiche rispetto alla costruzione di fattispecie a pericolo astratto o addirittura presunto, BRICOLA, voce Teoria generale del reato, in Nss. D. I , Vol. XIX, 1973, p. 86.

La posizione di alcuni autori, compreso l’illustre maestro appena citato, così come CONTENTO (Corso di diritto penale, vol. I, 28) <il quale ha insistito sulla necessità di ammettere la prova che “il fatto posto in essere, pur essendo conforme a quello incriminato, non sia idoneo a porre in pericolo l'interesse tutelato” è di riportare il pericolo astratto  sul terreno del “diritto vivente”, per mezzo di posizioni realistiche>, LOSAPPIO, Offensività ed oggetto di tutela nel sotto –sistema del diritto penale bancario – I^ Parte., in sua nota 62, in Magistra, Banca e Finanza, <www.magistra.it> , dicembre 2003. 

[55] FIANDACA - MUSCO, in op. cit. , nota 46; MANTOVANI, in op. cit, nota 46; MUCCIARELLI, in op. cit., nota 29

[56] Disposizioni penali in materia di società e consorzi, a cura del prof. A. CRESPI in Riv. delle Società, 2004, p. 1567

[57] MUCCIARELLI, op. cit., in nota 31, p. 1468

[58] MUCCIARELLI, in op.cit. in nota 31, p. 1469

[59] L’esempio classico è del soggetto componente del CdA di una merchant bank   che viene a conoscenza per la funzione svolta d in informazioni  di una società esterna al proprio  al gruppo bancario a cui deve essere concesso un importante finanziamento. Tale notizia viene quindi in possesso del soggetto in forza dell’ufficio ricoperto (componente del CdA o anche per il ruolo direttivo svolto all’interno di ipotetico comitato di analisi credito) , ebbene se ci soffermasse nella lettura alla prima parte del primo comma della norma in esame, tale informazione non riguardando l’emittente non rientrerebbe nel divieto

[60] PEDRAZZI, Riflessioni sull’insider trading in ambito corporativo , in Riv. Soc., 1991, p. 1661

[61] MUCCIARELLI, op.cit., in nota 31, p. 1470 : “ avvalersi, che reca in sé la matrice del verbo valere, sta per giovarsi, trarre vantaggio da qualcosa, servirsi. Utilizzare, che ha impresso il valore di utile/utilità piuttosto all’uso di qualcosa, allo sfruttamento, a rendere utile qualcosa: un valore semantico nel quale ad essere sottolineato è propriamente l’uso strumentale di qualcosa

[62] MUCCIARELLI, L’informazione societaria, destinatari e limiti posti dalla normativa in materia di insider trading, in Banca borsa e tit. cred., 1999, I, p. 764

[63] PEDRAZZI osserva: “ la circolazione confidenziale di informazioni privilegiate nell’ambito corporativo (si pensi alle comunicazioni confidenziali all’interno di organi collegiali, oppure tra un settore all’altro dell’organizzazione aziendale) non ricade sotto il divieto di tipping,  purché possa ragionevolmente reputarsi strumentale sia pure a scadenza non immediata, alle politiche gestionale. Il divieto in parola è infatti temperato, nel comma 2 dell’art. 2, dell’esimente elastica del “giustificato motivo”. Ora , ferma l’inammissibilità di utilizzi diretti che rientrerebbero nella tipologia  dell’insider trading, non è dubbio che una più ampia  informazione, comprensiva di notizie ancora riservate, possa utilmente orientare le scelte gestionali. Il  discorso appare anzi estensibile al più vasto ambito del gruppo: il fruire di informazioni privilegiate dalle sfere delle controllate a quella della controllante trova facilmente giustificazione nelle esigenze di una illuminata politica di gruppo”, in Riv. delle Società, 1991, p. 1669

[64] CRESPI, in op. cit., nota 56, p. 1568

[65] MUCCIARELLI, in op. cit., nota 31, p. 1471; PALIERO, Market abuse e legislazione penale: un connubio tormentato, in Corr. Merito, 2005, p. 809

[66] Ancora CRESPI, in op. cit. nota 56, in L’abuso di informazioni privilegiate e una preoccupante lacuna in una decisione della magistratura di merito: l’autore rileva come in “una sentenza inedita del Trib. di Brescia , in data 25 giugno 2002…non c’è alcuna traccia che valesse a giustificare quanto contestato nel capo di imputazione (comunicazione senza giustificato motivo): offrendo così la sensazione che, ai fini dell’accertamento del dolo,  fosse ampiamente sufficiente il solo fatto della comunicazione;

[67] SEMINARA, in op. cit. nota 32, p. 623 e ss

[68] CHIARAVIGLIO, Market abuse; brevi note illustrative delle modifiche al  d.lgs. 58/98 (T.u.f.) apportate dalla recente legge di recepimento della direttiva comunitaria 2003/6/CE, in  Rivista dei dottori commercialisti, Giurisprudenza penale d’impresa (a cura di CHIARAVIGLIO – TROYER), 2005 , p. 728 e ss.

[69] BELLACOSA, in op. cit. , nota 35, p.20

[70] BELLACOSA, in op.cit. nota 35, p. 22

[71] NAPOLEONI, L’insider trading,:i pallori del sistema repressivo. Una ipotesi di lavoro, in Cass.pen. ,2001  p. 2241; sul tema della funzione del diritto penale dell’economia:LOSAPPIO, Offensività ed oggetto di tutela nel sotto-sistema del diritto penale bancario, in Riv. Trim pen. econ., 2001,p. 50 e ss : attendere  per l’intervento del diritto penale che la condotta pregiudichi il risparmio (bene giuridico finale), compromettendo l’obbligo di rimborso dei depositi, determinerebbe,comunque, un eccessivo avanzamento della tutela. Al contrario il diritto penale bancario assume un significato specificatamente riferibile alla tutela del risparmio se si dirige nei confronti degli attentati in fieri. . Dal momento che la ricerca criminologia, la logica e le finalità del settore suggeriscono che il risparmio sia protetto prevenendo le condotte pericolose, prima che si verifichino gli effetti lesivi, un’impostazione efficace e razionale dell’intervento penalistico si concentrerà sui comportamenti disfunzionali alle disposizioni  extrapenali che costituiscono la rete di protezione anticipata rispetto al verificarsi del danno.        .       

[72] MUCCIARELLI, op.cit. in nota 25,  p. 139; RODORF, op. cit. in nota 25 p. 813 e ss

[73] CARBONETTI E IELO, (Atti convegno Paradigma Market abuse la nuova disciplina, Milano 8 -9 giugno 2005  2005), ma anche BELLACOSA, op. cit. , in nota 33 p. 23; DE NICOLA , op.cit., in nota 35, p. 9; Contra PARMEGGIANI, Commento alla nuova disciplina di recepimento della normativa comunitaria in materia di market abuse, in www.Reatisocietari.it: l’ambito di applicazione  della fattispecie penale o amministrativa verrebbe a differenziarsi sotto il profilo  soggettivo e cioè escludere la sanzione amministrativa quando sussiste il reato: le due fattispecie quindi sarebbero non cumulabili e alternative.

[74] La misura della sanzione amministrativa pecuniaria è stata successivamente quintuplicata dall’art 39 della legge . 262 del 28.12.2005

[75] PALIERO, op.cit., in nota 65, p.810

[76] MUCCIARELLI, op.cit, in nota 31, p. 1473

[77]BELLACOSA, op.cit., in nota 35, p.23.;Sentenza Cass. Sez VI n. 152199/2006 estratta da www.reatisocietari.it: definisce “tecnica legislativa inconsueta, destinata a creare sicuramente notevoli problemi applicativi” la previsione di due illeciti identici in campo penale ed in campo amministrativo.

[78] PALIERO-TREVI, La sanzione amministrativa, MILANO 1988, p. 177

[79] BELLACOSA, op.cit, nota  35, p. 23

[80] ARENA , in www.Reatisocietari.it  del 18.05.05

[81] D.P.R. 31.03.1988, n. 148 recante l’approvazione del testo unico delle norma in materia valutaria

[82] MUCCIARELLI, in op. cit., nota 31, p.1474

[83] FOFFANI, in Quella schizofrenia ancora irrisolta, in www.lavoce.info del 18/12/2006;

[84] A tal fine è stato introdotto nel d.lgs n. 231/01, l’art. 25 sexies il quale in caso di commissione di abusi di mercato (da parte di soggetti in posizione apicale all’internon dell’ente o comunque sottoposte alla vigilanza o controllo di questi), prevede l’applicazione all’ente di una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 quote ( e dunque fino a circa un milione e mezzo di euro), sanzione che in determinate circostanze può essere aumentata sino a dieci volte il prodotto o il profitto del reato. Si segnala inoltre che come accade in caso di commissione di reati societari, non sono  in queste ipotesi applicabili sanzioni interdittive ed inoltre, a differenza di quanto accade nelle altre ipotesi ex d.lg. 231, l’aumento della sanzione pecuniaria è correlato all’entità del profitto (e non individuato autonomamente o in relazione alla sanzione per l’ipotesi-base). Il delitto di manipolazione del mercato è chiaramente un reato comune (può essere commesso da “chiunque”): per poter impegnare anche la società deve, pertanto, essere commesso da uno dei soggetti indicati nell’art 5 del d.lg. 231; l’abuso di informazioni privilegiate, invece, è un reato proprio, facendo riferimento a “chiunque, essendo in possesso… in ragione della sua qualità di…, anche in questa seconda ipotesi, rileveranno soltanto le condotte poste in essere dai soggetti di cui all’art .5  

[85]E’ il caso di  Ifil e Giovanni Agnelli e C. S.a.p.a. riguardante la vicenda IFIL – EXOR: entrambe le società si son viste irrogare sanzioni rispettivamente per 4,5 Mln di euro e 3 MLN DI euro ai sensi dell’art 187 quinquies.

La Consob, «sulla base delle risultanze istruttorie», ha accertato» in merito alla vicenda Ifil-Exor che i comunicati diffusi il 24 agosto 2005 da Ifil e dalla Giovanni Agnelli Sapa «contenevano una rappresentazione falsa della situazione all'epoca esistente», «idonea a fornire al pubblico degli investitori indicazioni fuorvianti».

Infatti l’articolo applicato stabilisce che l’ente è responsabile infatti del pagamento di una somma pari all’importo della sanzione amministrativa irrogata per gli illeciti amministrativi di insider trading e di manipolazione di mercato, commessi nel suo interesse o a suo vantaggio da: a) persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o direzione dell’ente o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria o funzionale nonché da persone che esercitano, anche di fatto, la gestione ed  il controllo dello stesso; b) da  persone sottoposte alla direzione e vigilanza di uno dei soggetti di cui alla lettera a). Si  concede all’ente le esimenti previste dal d.lgs 231/2001 agli artt. 6, 7, 8 e 12, ed inoltre, l’inapplicabilità dell’illecito amministrativo previsto all’art 187- ter co.3  lett. a) e b), in quanto condotte previste da pratiche di mercato ammesse e supportate da motivi legittimi, esclude l’applicabilità della sanzione prevista dall’art. 187-quinquies. Infine l’ente non è responsabile “se dimostra (inversione onere probatorio, rispetto all’art. 7, infatti spetta all’accusa l’onere del superamento della presunzione relativa a favore dell’ente, che si “sostanzia nell’equazione adozione ex ante dei modelli penal- preventivi = esclusione dell’inosservanza degli obblighi di direzione o vigilanza come elemento eziologico di verificazione del reato, BARTOLOMUCCI, Market abuse e le responsabilità amministrative degli emittenti, in Le Società, 2005, p.924) che le persone sopra indicate hanno agito esclusivamente nell'interesse proprio o di terzi”. Quella prevista dall’art 187 quinquies è una responsabilità propria diretta e principale dell’ente, radicata nel principio di colpevolezza e nel fatto che la responsabilità della persona giuridica coincide con l’area in cui il soggetto che svolge un’attività così qualificata può esercitare efficacemente il suo controllo. Ed allora è un istituto diverso dall’art 6 della L. 689/81 in quanto “ secondo l’orientamento dominante quest’ultima norma costituisce una forma di responsabilità indiretta (o forse anche sussidiaria) di natura patrimoniale caratterizzata dal vincolo di solidarietà con la persona fisica autore dell’illecito e dalla prospettiva del recupero in via di della somma pagata, SANTI, La responsabilità delle “persone giuridiche” per gli illeciti penali e per gli illeciti amministrativi di abuso di informazioni privilegiate e di manipolazione del mercato  in Banca, Borsa, tit. cred,, 2006, p101.

 

[86] A.ROSSI, Market abuse e insider trading: l’apparato sanzionatorio, in www.rivista231.it,  2006

op.cit., in nota 75

[87] LOSAPPIO Offensività ed oggetto di tutela nel sotto –sistema del diritto penale bancario –II^ Parte, in Magistra, Banca e Finanza, <www.magistra.it> , dicembre 2003. 

[88] DONINI, Dolo e prevenzione nei reati economici. Un contributo  all’analisi nei rapporti tra errore di diritto e analogia nei reati in contesto lecito di base, Riv. trim pen. econ., 1999, p.19

[89] A.ROSSI, op. cit. in nota 83

[90] BRICOLA, voce  Teoria generale del reato , in Noviss. Digesto it., XIX Torino , 1965, p 21

[91] GULLO, Il delitto di aggiotaggio bancario: una fattispecie condannata all’oblio?, in Banca, borsa e tit. cred., 2001, p.84; PALIERO, Consenso sociale e diritto penale, in Riv. it. dir. e  proc. pen., 1992, p.878, il quale evidenzia come ciò sia possibile “con vari accordi di tecnica legislativa, sia applicati direttamente alla formulazione della norma,…sia proiettati sull’implementazione delle norme(inserzione di clausole generali che possono fungere da vere < clausole di aggiramento >, previsione di superflui < doli specifici > che rendono i fatti di ardua provabilità…”; ancora per quanto concerne il concetto di “legislazione simbolica”, MUSCO , in Riv .it. dir. e  proc. pen., 1993, p. 87 : “ la legislazione simbolica non si preoccupa di orientare effettivamente il comportamento dei consociati, bensì tende a far sorgere l’impressione di aver messo in qualche misura il problema sotto controllo”. 

[92] C’è però da chiedersi della reale effettività di tali pene o sanzioni amministrative: in quest’ultimo caso un ruolo importante lo giocherà la Consob, ed il suo apparato di enforcement

[93] FOFFANI, in op.cit.  in nota 83

[94] G. ROSSI, La legge  sulla  tutela  del risparmio ed il degrado della tecnica legislativa, in Riv. delle Soc., 2006 p. 2  

[95] Non si può prescindere dal considerare i reati e gli illeciti qui presi in esame se non come una parte di un “unicum organico” quale dovrebbe essere il sistema normativo che va sotto il nome di “tutela del risparmio” e coordinato tra l’altro con l’intero sistema normativo societario. Penso per esempio  alla “ricerca di aumentare l’informazione finanziaria e la trasparenza  anche sulla governance  (vedi i codici di autodisciplina); poi vi sono norme che statuiscono quale disposizione inderogabile la segretezza sulla nomina degli amministratori di società quotate; così se da un lato si cerca di introdurre regole più rigorose a tutela del risparmiatore (vd l’estensione della disciplina del prospetto alle obbligazioni bancarie) dall’altro si riconferma la tolleranza verso comportamenti delittuosi (con riferimento al falso in bilancio)”, G.ROSSI op.cit. in nota 90, p. 2. Aggiungo come già segnalato l’incoerenza tra la sanzione penale prevista dal nuovo “falso in bilancio” ed il reato di manipolazione di mercato, così come la previsione di una stessa sanzione tra il reato di abuso di informazione privilegiate e quello di manipolazione del mercato condotte portatrici di disvalori sicuramente diversi.   

[96] Il Ttribunale di Milano, giudice Mayer, ha  condannato a sei mesi di reclusione e 300.000 euro di pena pecuniaria il presidente e vice  di Unipol, nonché Emilio Gnutti ed al risarcimento di euro 95000 la Consob costituitasi parte civile grazie alla  riforma sul market abuse .

[97] E.BARUCCI, M.MESSORI, Un male oscuro chiamato conflitto di interessi,  www.lavoce.info del 18/12/2006

[98] SARCINELLI, Tre punti per la tutela del risparmio,in  www.lavoce.info ,del 6.03.2004 

[99] DI STASO, Il caso Parmalat, da Luiss, Libera Università  Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d’impresa, agosto 2004,  in Magistra, Banca e Finanza www.magistra.it

 Non può non essere citato il caso emblematico dell’emanazione del Sarbanes –Oxley Act firmato dal Presidente Bush il 30 luglio 2002, a pochi mesi dagli scandali finanziari Enron e Worldcom. E’ un chiaro esempio di quanta distanza ci sia tra il nostro capitalismo e quello statunitense a cui spesso si finge di guardare: non è il caso di affrontare tematiche economiche riguardanti  i vantaggi/svantaggi di una economia di stampo liberista o magari con qualche linee guida di filo-keynesiana, tuttavia una fondamentale legge di mercato è quella della fiducia che in esso gli investitori devono riporre e così gli Stati Uniti non  si possono permettere che vengano replicati scandali quali Enron o Worldcom  (solo per citare i più noti).

La Sarbanes-Oxley Act non è solo una risposta di tipo sanzionatorio ( si può arrivare a pene detentive sino a vent’anni per coloro che falsificano qualsiasi relazione finanziaria periodica della società, ma qualora il caso sia dovuto a dolo generico scende a dieci anni; essa è una vera riforma in ambito di controllo aziendale nel quale si afferma la piena responsabilità del management sull’adozione di adeguate misure di controllo interno. Il 25 Maggio 2006 Kenneth Lay (fondatore Enron e morto di recente) e Jeffrey Skilling, i due massimi responsabili del crollo Enron, sono stati giudicati colpevoli al termine del processo che si è svolto a Houston. La giuria  ha trovato Kenneth Lay colpevole di tutti i 6 capi di imputazione per frode e associazione a delinquere: la condanna a 45 anni di carcere era il rischio che avrebbe potuto correre (per una descrizione particolareggiata  delle procedure PARLANI, Sarbanes-Oxley Act: i passi verso il raggiungimento della <compliance>, in Amministrazione & Finanza, 2005, p. 20, inoltre CAMMARATA, Interventi della Sarbanes-Oxley of 2002 sulla corporate resposibility nelle società quotate statunitensi, in www.archivioceradi.luiss.it, dicembre 2002 .

[100] SARCINELLI op.cit. in nota 92

[101] DI STASO, op.cit. in nota 93

[102] M. VALSANIA, Lo scandalo insider scuote Wall street, Il sole 24 ore , del 03/03/2007

[103]  GAMBINI, Relatore X Comm. Camera. dei Dep., Interventi per la Tutela del Risparmio. C. 4639 Fassino e C.4705 Governo,  Seduta del 4-3-2004. 

[104] L’espressione  utilizzata, con specifico riferimento alla riforma dei reati societari, tra gli altri, da Donini, Abolitio criminis e nuovo falso in bilancio. Struttura e offensività delle false comunicazion sociali dopo il d.lg. 11 aprile 2002, n. 61, in Cass. pen., 2002, p. 1281

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |