Studio Legale Tidona e Associati

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

La responsabilità della banca per avere garantito erroneamente al cliente l’esistenza di fondi per il pagamento di un assegno di conto corrente

Di Maurizio Tidona, Avvocato

17 gennaio 2001

 

Nota alla sentenza Cassazione n. 8983 del 5 luglio 2000.

 

I rapporti tra banca e cliente sono regolati dalle norme sul mandato ed in particolare dall’art. 1710 c.c. che impone al mandatario di eseguire il mandato con la diligenza del buon padre di famiglia, richiamando quindi il generico disposto di cui all’art. 1176 c.c. Pertanto all’istituto di credito - quale mandatario del rapporto - è sempre imposta una diligenza particolare nell’esecuzione degli incarichi attribuitigli dal cliente mandante.

Proprio in forza di tale principio la giurisprudenza di legittimità, con sentenza n. 8983 del 5 luglio 2000, ha statuito la responsabilità della banca qualora quest’ultima, tramite un proprio dipendente, garantisca ad un cliente correntista che ne abbia fatto richiesta, l’esistenza di fondi per il pagamento di un assegno di conto corrente, malgrado poi emerga che le notizie date non risultino corrispondenti alla situazione di fatto esistente al momento della richiesta, con conseguente protesto dell’assegno e danno per il cliente.

La Corte di Cassazione ha ritenuto la banca - nell’ipotesi in cui la stessa abbia provveduto a rendere false informazioni - contrattualmente responsabile per non aver adempiuto all’obbligo di diligenza a carico della stessa e derivante dalla specifica natura dell’attività bancaria. Inoltre, nel caso di mancata diligenza da parte di un dipendente nel rendere le informazioni richieste, il comportamento del dipendente - pur nell’esercizio delle incombenze affidategli - è direttamente imputabile all’istituto di credito.

In ogni caso la diligenza imposta alla banca è notevolmente maggiore rispetto a quella comunemente imposta in ogni rapporto di mandato, identificabile con la diligenza del buon padre di famiglia. Infatti l’art. 1176 c.c. al secondo comma impone che nell’adempimento delle obbligazioni inerenti all’esercizio di un’attività professionale, la diligenza debba valutarsi con riguardo alla natura dell’attività esercitata.

 Nel caso di istituti di credito la particolare attività consistente nella raccolta del pubblico risparmio e nell’esercizio del credito impongono controlli e trasparenza nelle informazioni, tali da poter tutelare l’affidamento generato nel pubblico.

La Suprema Corte ha specificato che “la responsabilità di un istituto di credito, infatti, deve essere rigorosamente valutata, in quanto connessa all’espletamento dell’attività bancaria in senso tipico, come raccolta di risparmio tra il pubblico e l’esercizio del credito riservata a determinati enti, sottoposti ad un particolare sistema di autorizzazioni, vigilanza, controllo e trasparenza (si veda il D. Lgs. n. 385/93), con riferimento alla specifica natura (ex art. 1176 secondo comma c.c.) di tali compiti e di ogni ulteriore comportamento in essi rientrante nell’ambito del rapporto ente bancario-cliente”.

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

 
Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |