Studio Legale Tidona e Associati

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

La nullità nel credito al consumo

Di Giandiego Monteleone, Avvocato
 

10 febbraio 2003

 
Il contratto di prestito, finalizzato all’acquisto di un bene di consumo, è inquadrabile nella categoria del credito al consumo disciplinata dagli artt. 121–126 del T.U. Bancario – D.lgs 1° settembre 1993, n. 385, vale a dire di quei finanziamenti erogati nell’esercizio dell’attività professionale di un intermediario finanziario nei confronti di una persona fisica che ha agito per scopi estranei alla propria attività imprenditoriale o professionale.
 
Esso differisce dal mutuo e da altro tipo di credito personale. Infatti, la sua natura di prestito finalizzato risulta evidente, se solo si tiene conto che nei moduli predisposti dalle banche, viene riportata la dichiarazione ai sensi della quale il privato da atto che il prestito in oggetto è strettamente funzionale all’adempimento dell’obbligazione che su di esso grava, quale acquirente di merce, servizio o prestazione indicata, e che tale qualificazione funzionale del prestito ha costituito elemento essenziale e determinante per la Banca alla concessione del prestito medesimo.

Nella prassi accade sovente che in violazione dell’art. 124 n.3 T.U. Bancario il contratto non riporti: 1) la descrizione analitica dei beni e dei servizi acquistati con la somma prestata; 2) il prezzo di acquisto in contanti, il prezzo stabilito dal contratto di vendita e l’ammontare dell’eventuale acconto. La parte che doveva contenere tali indicazioni è, quindi, lasciata in bianco.
Detta omissione è sanzionata dalla succitata norma con la nullità del contratto di prestito. Tale nullità ha però delle caratteristiche del tutto peculiari.

L’art. 124 del T.U. Bancario prescrive gli elementi minimi del contratto di credito al consumo, che vale la pena di ribadire deve rivestire la forma scritta. In particolare, ai sensi del 3° comma, devono essere riportati nel contratto di credito, a pena di nullità: a) descrizione analitica dei beni e dei servizi; b) il prezzo di acquisti in contanti, il prezzo stabilito dal contratto e l’ammontare dell’eventuale acconto. In assenza dei suddetti elementi, constatata la mancanza di un meccanismo integrativo normativamente predisposto, si deve ritenere, quindi, radicalmente nullo il contratto di credito al consumo.

L’art. 127 del T.U. stabilisce che le suddette disposizioni possono essere integrate solo in senso più favorevole al cliente e soprattutto che la nullità di cui all’art. 124 può essere fatta valere solo dal cliente. Stante il suo carattere relativo, detta nullità non può essere rilevata quindi ex officio e riveste conseguentemente la natura di eccezione in senso stretto, come tale rilevabile non oltre il termine di cui all’art. 180 comma 2, c.p.c. (contra Pretura Bologna, 4 gennaio 1999)

Nei contratti di credito al consumo gli intermediari inseriscono solitamente anche la clausola “solve et repete” ex art. 1462 c.c. (Es. “Non posso proporre azioni ed eccezioni al fine di omettere o ritardare la prestazione dovuta se non Vi avrò versato prima l’importo delle rate da Voi ancora, a quel momento non riscosse”). La suddetta clausola non esclude, tuttavia, il ricorso alla tutela poc’anzi descritta, proprio perché ai sensi del richiamato art. 1462 c.c. essa non si applica alle eccezioni di nullità ed analogicamente alle azioni di nullità.

L’accoglimento dell’eccezione di nullità, ad esempio in caso di opposizione a decreto ingiuntivo, pone il problema di quali siano i rimedi azionabili dall’intermediario finanziario. Una volta formatisi il giudicato, a parere di chi scrive, l’azione ex art. 2033 c.c. (indebito oggettivo) deve essere esercitata nei confronti dell’accipiens, colui che ha ricevuto il pagamento indebito, il quale, nella pratica, è il fornitore del bene e non il consumatore.
 
Peraltro, come stabilito dalla Cassazione (Cass. 4 agosto 2000, n. 10227) “la legittimazione attiva all’esercizio dell’azione di ripetizione dell’indebito spetta al soggetto cui sia legalmente riferibile il pagamento non dovuto, anche se trattandosi di persona giuridica, l’incaricato dell’operazione materiale di pagamento abbia dovuto rivalere l’ente preponente dell’esborso erroneamente eseguito, in virtù di rapporti interni con esso intercorrenti”.

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

 
Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |