Studio Legale Tidona e Associati  | Diritto Bancario e Finanziario

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

I contratti futures: financial futures e commodity futures. Call Option e Put Option: definizioni e modalità di esercizio

Di Simona Siani, Avvocato

13 gennaio 2001

 

1. Il contratto future. Definizione.

Il contratto future è uno strumento a termine, che può definirsi come quel contratto con il quale una controparte si impegna ad acquistare o vendere merci, titoli, valuta ad una certa scadenza e ad un determinato prezzo.

Il future, in altre parole, rappresenta l’impegno tra due controparti ad adempiere in una certa data ad un’obbligazione, generalmente di acquisto-vendita, secondo condizioni stabilite al momento della stipula del contratto stesso riguardanti prezzo, quantità e qualità (cfr., GABBRIELLI - DE BRUNO, Capire la finanza, Guida pratica agli strumenti finanziari, Milano, 1999, 1002).

Come osservato, il future è uno strumento a termine: in realtà, esso si distingue dai contratti a termine propriamente detti, in quanto mentre per questi ultimi vi è il contatto diretto e non istituzionalizzato tra le due controparti, la trattazione di un future avviene in mercati organizzati e centralizzati.

Più in particolare, le contrattazioni dei futures si svolgono presso specifiche Borse specializzate e regolamentate e i prezzi che ivi si formano sono pubblici ed ufficiali (tra i mercati mondiali dei futures si ricordano il mercato di Chicago, città ove nel 1972 nacquero i primi contratti relativi alle materie prime e al bestiame, ed ancora, il mercato di New York, di San Francisco e di Los Angeles).

Con riferimento ai soggetti che intervengono in una transazione future si distinguono le seguenti categorie:

· le controparti finali, ossia coloro che acquistano o vendono futures;

· gli intermediari a cui le controparti finali devono rivolgersi, dietro pagamento di una commissione, per accedere alle contrattazioni della Borsa;

· i cd. clearing members, ossia gli intermediari particolarmente affidabili, accreditati presso specifiche Borse, i quali sono autorizzati ad analizzare gli ordini della controparte che desidera effettuare una transazione. Essi, in particolare, analizzano tutte le contrattazioni passandole alla clearing house o Stanza di compensazione del mercato (terzo soggetto coinvolto nella gestione di un contratto future), la quale garantisce l’adempimento del solo clearing member. Un ordine, infatti, non può essere eseguito se non è passato alla clearing house attraverso un clearing member. Ne discende che, qualora un intermediario non clearing member abbia passato al clearing member un ordine del cliente, l’intermediario viene registrato dal clearing member come un qualsiasi cliente e non compare alcuna traccia del cliente precedente. Quest’ultimo, pertanto, non sarà protetto da alcuna garanzia da parte della clearing house e dovrà assicurarsi privatamente dell’adempimento dell’ordine da parte del proprio intermediario (cfr., GABBRIELLI – DE BRUNO, Capire la Finanza, cit., 1003);

· la clearing house, o stanza di compensazione del mercato: essa, quale terzo soggetto della gestione di un contratto future, riveste il ruolo di controparte sia dei venditori sia degli acquirenti. La clearing house, in particolare, al fine di proteggere il mercato dal rischio di insolvenza dei singoli partecipanti, richiede sia al venditore sia al compratore il deposito di un margine di garanzia, generalmente di limitato ammontare, che viene accreditato presso un apposito conto presso la clearing house stessa. Sul conto aperto dal cliente – al quale viene giornalmente inviato un estratto conto delle proprie posizioni aperte – la clearing house liquida i profitti o le perdite che si manifestano progressivamente sulla posizione con il variare della quotazione, richiedendo il reintegro del margine quando questo scende al di sotto del minimo di “mantenimento”. A meno che l’operatore non chiuda la posizione, profitti e perdite sono, ovviamente, potenziali, soggetti alle successive variazioni della quotazione e non vengono liquidati se non alla scadenza (cfr., GABBRIELLI – DE BRUNO, Capire la Finanza, cit., 1003).

2. Funzione e tipologie di futures.

Generalmente, l’operatore economico ricorre al future prevalentemente al fine di ridurre il rischio di fronte all’incertezza sulle quotazioni di attività reali (commodity futures, relativi a beni di consumo primari) o finanziarie (financial futures, relativi a depositi e titoli di Stato, valute, indici azionari) ovvero per assumere una posizione di tipo speculativo (cfr., GABBRIELLI - DE BRUNO, Capire la Finanza, cit., 1002).

In sostanza, posto che un contratto future può riguardare le oscillazioni dei prezzi di merci, titoli obbligazionari, valute e tassi di interesse, ne discende che le controparti hanno la possibilità di valutare le variazioni delle variabili sottostanti in misura prefissata secondo la propria stima dei possibili andamenti del mercato.

Si dà il seguente esempio: una controparte X, che si impegna contrattualmente ad acquistare da una controparte Y, dopo sei mesi, un quantitativo di merce al prezzo Z, potrà predeterminare, all’atto della stipulazione del contratto, quello che potrà essere, in una data successiva, il valore raggiunto dalla merce Z, accollandosi, peraltro, il rischio che tale valore non possa essere raggiunto (si consideri, peraltro, che analogo discorso deve farsi anche qualora l’oggetto del contratto future sia di natura finanziaria, come, ad esempio, titoli o valute).

In altre parole, funzione del future è essenzialmente quella di fissare nel tempo e nell’ammontare il margine di rischio e di speculazione insito in una transazione di natura commerciale ovvero finanziaria.

Con riguardo alle tipologie di futures si distinguono:

A. COMMODITY FUTURES: con un commodity future la controparte si impegna ad acquistare oppure a vendere una prefissata quantità di merce ad una data prefissata e ad un determinato prezzo. Di particolare rilevanza in questi contratti è la formazione dei prezzi spot e dei prezzi future riguardanti le merci (si ricorda brevemente che per “prezzo spot” si intende il prezzo alla data di stipulazione del contratto, laddove per “prezzo future” va inteso il prezzo alla data di esecuzione del contratto). Ebbene, il prezzo future non può essere considerato puramente e semplicemente come la previsione di un prezzo di mercato, in quanto esso include anche i cd. carrying cost (quali, ad esempio, i costi di magazzinaggio, l’assicurazione della merce, ecc.), i quali intervengono a formare il prezzo future, in quanto colui che si occupa di conservare la merce sopporta, appunto, i costi per la relativa conservazione;

B. FINANCIAL FUTURES, i quali, ai sensi del disposto di cui all’art.1, comma 3, d.lgs. 24 febbraio 1998 n.58 (noto come Testo Unico della Finanza) sono definiti - unitamente agli swaps, ai contratti a termine collegati a strumenti finanziari, a tassi di interesse, a valute a merci e ai relativi indici, alle options, e alle combinazioni di strumenti finanziari - strumenti finanziari derivati, la cui caratteristica è quella di fondare il loro valore su altri strumenti finanziari di base sottostanti al contratto derivato stesso (cfr., circolare ABI 151/1996). In particolare, i financial futures si distinguono in:

- currency futures: si tratta di contratti il cui oggetto contrattuale è una valuta. In particolare, con un currency future una controparte si impegna a cedere o ad acquistare una valuta in una data prestabilita ad un cambio prefissato. Il pagamento può avvenire al momento della stipulazione del contratto ovvero alla sua scadenza. La posizione si chiude con l’effettiva consegna o l’effettivo ritiro della valuta in questione alla data di scadenza dei contratti oppure tramite la vendita o l’acquisto dei contratti entro tale data;

- interest rate futures: ossia i futures sui titoli a reddito fisso (titoli di Stato, certificati di deposito di istituti di credito, accettazioni bancarie, commercial papers). Essi, in sostanza, sono contratti che rappresentano l’impegno alla cessione o all’acquisto a termine di titoli a tasso fisso – generalmente titoli di Stato - con caratteristiche determinate, a un prezzo prefissato. Anche per questi contratti, come per i currency futures, il pagamento può avvenire al momento della stipulazione del contratto oppure alla scadenza del contratto stesso. La posizione di tali contratti si chiude con l’effettiva consegna o l’effettivo ritiro dei titoli in questione alla data di scadenza, oppure tramite la vendita o l’acquisto dei contratti entro tale data (cfr., GABBRIELLI – DE BRUNO, Capire la Finanza, cit., 1005);

- stock index futures: ossia i futures relativi agli indici di Borsa. Essi sono contratti che rappresentano l’impegno a consegnare o a ritirare a termine una somma in contanti ottenuta moltiplicando la differenza tra il valore dell’indice di Borsa alla chiusura dell’ultimo giorno dei contratti futures e il prezzo a cui i contratti futures sono stati originariamente conclusi per un coefficiente costante di valutazione. Generalmente, gli indici di Borsa sono delle medie aritmetiche (ponderate o anche semplici) calcolate facendo riferimento alle quotazioni di un predeterminato paniere di titoli selezionato tra quelli presenti sul mercato (cfr., GABBRIELLI – DE BRUNO, Capire la Finanza, cit., 1006).

Con riferimento ai contratti futures va, da ultimo, precisato che è raro, particolarmente per i financial futures piuttosto che per i commodity futures, che un contratto si concluda con l’effettiva consegna del bene.

Generalmente, infatti, si ricorre alla chiusura della posizione e quindi alla liquidazione differenziale della variazione della quotazione.

In particolare, con un contratto futures, l’operatore conosce giornalmente l’esito del proprio “affare” e quindi può intervenire prontamente quando lo ritenga più opportuno, regolandosi sulla base del saldo del conto presso la clearing house. Ciò, peraltro, differenzia i futures dai contratti a termine posto che, per questi ultimi, come noto, la liquidazione dell’obbligazione contrattuale avviene solo a scadenza (cfr., GABBRIELLI – DE BRUNO, Capire la Finanza, cit., 1003).

3. Call option e put option. Definizioni.

Le opzioni sono strumenti finanziari costituiti da un contratto che conferisce il diritto, ma non l’obbligo, per l’acquirente di acquistare (opzione call) ovvero alienare (opzione put) una determinata attività reale o finanziaria – merci, titoli od indici - ad un prezzo stabilito (strike price) e ad una certa data o entro un periodo di tempo prefissato.

Il diritto è rilasciato dal venditore (writer) all’acquirente (holder) contro pagamento contestuale di un premio che costituisce il prezzo dell’opzione e che è stabilito da una percentuale dell’importo oggetto del contratto (cfr., GABBRIELLI - DE BRUNO, Capire la finanza, cit., 994).

La posizione di vantaggio in cui viene a trovarsi la parte cd. compratrice dell’opzione ha, dunque, un preciso contenuto economico che si concretizza, appunto, nel premio, il quale altro non rappresenta se non il prezzo che la parte compratrice versa alla parte venditrice per garantirsi la facoltà di esercitare l’opzione.

Le opzioni più diffuse sono l’opzione call e l’opzione put, dette anche semplici in quanto il compratore (nella call option) ha facoltà di ritirare i titoli (acquistare) od abbandonare la transazione oppure (nella put option) di consegnare i titoli (vendere) od abbandonare.

Più semplicemente, si definisce call option l’opzione che consente, dietro pagamento di un premio, di poter scegliere se comprare – alla scadenza prefissata ovvero entro la stessa – l’attività finanziaria sottostante (titoli, valute, merci) al prezzo prestabilito oppure se rinunciarvi perdendo la somma già versata; si definisce put option l’opzione che conferisce il diritto di scegliere se vendere – sempre alla scadenza prefissata ovvero entro la stessa – l’attività finanziaria sottostante (titoli, valute, merci) ad un prezzo prefissato oppure se abbandonare.

Le opzioni call and put si distinguono, dunque, dalle opzioni cd. composte che sono, al contrario delle prime, quelle in cui chi acquista deve scegliere se vendere o comprare, ma non può abbandonare.

Come sopra osservato, l’opzione call è, dunque, un contratto che attribuisce all’acquirente il diritto di dichiararsi compratore di una prefissata quantità dello strumento finanziario o merce cui l’opzione è riferita a un prezzo predefinito (strike price o prezzo base).

Qualora l’epoca di esercizio della facoltà sia unica, l’opzione è di tipo cd. europeo; qualora, per converso, sia prevista la possibilità di esercizio della facoltà in qualunque momento compreso tra l’acquisto dell’opzione e la scadenza della stessa, l’opzione è di tipo cd. americano.

Sotto il profilo giuridico, le operazioni in esame vanno inquadrate nella disciplina dei contratti di opzione disciplinati dall’art.1331 cod.civ., ai sensi del quale quando le parti convengono che una di esse rimanga vincolata alla propria dichiarazione e l’altra abbia facoltà di accettarla o meno, la dichiarazione della prima si considera quale proposta irrevocabile per gli effetti previsti dall’art.1329.

Ne discende che, con la stipulazione di un contratto di opzione, la parte cd. venditrice dell’opzione assume un impegno irrevocabile di acquistare o vendere una determinata attività a prezzo, condizioni e termini prefissati. La controparte, cd. compratrice dell’opzione, si riserva la facoltà di accettare la proposta irrevocabile della prima parte e solo con la manifestazione della propria accettazione si conclude il contratto di compravendita.

In altri termini, nel contratto di opzione la sola parte venditrice dell’opzione rimane vincolata alla propria dichiarazione, mentre la parte cd. compratrice dell’opzione è libera di accettare puramente e semplicemente la proposta stessa. Da tutto quanto sopra ne discende che il contratto di opzione ben può farsi rientrare nella categoria dei contratti preparatori in genere - che si concluderà soltanto in un secondo tempo (nei termini stabiliti nel contratto di opzione), ossia soltanto se la parte compratrice avrà manifestato la propria accettazione alla proposta formulata dalla parte venditrice dell’opzione - ma dal contratto preparatorio in senso stretto va tenuto distinto in quanto mentre nel patto di opzione il regolamento negoziale è interamente contemplato, nel contratto preparatorio in senso stretto i contraenti si accordano su taluni punti del futuro contratto in occasione della cui stipula (a cui peraltro le parti non sono obbligate) non sarà necessario un nuovo incontro delle volontà sui punti già definiti (cfr., in giurisprudenza, per tutte, Cass. 94/10649).

Da ultimo, per completezza espositiva, si osserva che anche le opzioni, così come i contratti futures, gli swaps, i contratti a termine collegati a strumenti finanziari, a tassi di interesse, a valute a merci e ai relativi indici, e le combinazioni di strumenti finanziari, sono definiti strumenti finanziari derivati ai sensi del disposto di cui all’art.1, comma 3, d.lgs. 24 febbraio 1998 n.58 (Testo Unico della Finanza), e, in quanto tali, si caratterizzano per il fatto di fondare il loro valore su altri strumenti finanziari di base sottostanti al contratto derivato stesso (cfr., circolare ABI 151/1996).

4. Le modalità di esercizio delle opzioni put and call.

Come evidenziato al paragrafo che precede, i contratti di opzione put and call assegnano ad una delle parti, rispettivamente, il diritto di alienare ovvero di acquistare una certa quantità di un dato strumento finanziario ad un prezzo predeterminato, ad una scadenza fissata o entro la stessa, dietro versamento di un premio che costituisce il prezzo dell’opzione.

Ebbene, alla scadenza, ovvero entro la scadenza, la parte compratrice dell’opzione potrà esercitare il diritto di opzione, domandando l’esecuzione dell’operazione sottostante ovvero ancora potrà decidere di abbandonare la transazione, e, in tale ultimo, caso, subirà una perdita pari al prezzo di acquisto del diritto (ossia pari al premio): in generale, appare corretto sostenere che l’esercizio del diritto di opzione da parte della parte compratrice verrà svolto sulla base di una valutazione di tipo economico, avendo come riferimento il prezzo corrente dell’attività opzionata (ossia il prezzo di mercato del bene oggetto della transazione al momento della scadenza dell’opzione).

In altre parole, la parte compratrice, operato il raffronto tra il valore di mercato del bene oggetto della transazione al momento della scadenza dell’opzione e il prezzo della transazione fissato al momento del contratto (cd. strike price), potrà decidere se abbandonare l’opzione – così rinunciando ad acquistare il bene e pagando il solo premio – o se, al contrario, esercitare l’opzione - ritirando la merce e pagando, oltre al prezzo pattuito, il premio.

In proposito, va osservato che prezzo corrente (o prezzo di mercato) e strike price (prezzo predefinito in contratto o prezzo di esercizio) possono correlarsi nei seguenti modi:

· opzione cd. at the money, ossia che comporta per il compratore un flusso di cassa nullo, si ha quando il prezzo corrente dell’attività è uguale allo strike price;

· opzione cd. in the money che si ha quando il prezzo corrente è superiore allo strike price;

· opzione cd. out of the money, che si ha quando il prezzo corrente è inferiore allo strike price.

Ebbene, nel caso di call option, ad esempio, l’opzione verrà esercitata laddove il prezzo corrente (prezzo di mercato) dello strumento finanziario sottostante sia superiore allo strike price (prezzo predefinito in contratto o prezzo di esercizio); per converso, nel caso di put option l’opzione verrà esercitata se il prezzo corrente risulterà inferiore allo strike price.

In parole più semplici, se, alla scadenza, il prezzo di mercato del bene oggetto della transazione risulta superiore allo strike price verrà esercitata l’opzione di acquisto, ma non sarà economico esercitare quella di vendita; se, per converso, alla scadenza, il prezzo di mercato del bene sottostante il contratto risulta inferiore allo strike price, verrà esercitata l’opzione di vendita, ma non sarà economico esercitare l’opzione di acquisto.

Con riferimento alla determinazione del valore di un’opzione, essa può essere agevolmente effettuata con riferimento alla scadenza del periodo di esercizio dell’opzione medesima.

Ne consegue che:

- opzione call: se alla scadenza il valore dell’attività opzionata (finanziaria o reale) è maggiore dello strike price, il valore dell’opzione è pari alla differenza tra prezzo di mercato e strike price: ed è questo il margine lucrabile ritirando il bene opzionato e alienandolo sul mercato ai prezzi correnti; se alla scadenza, il valore dell’attività opzionata è minore dello strike price, il valore dell’opzione è nullo, in quanto la facoltà non verrà esercitata;

- opzione put: se alla scadenza il valore dell’attività è minore dello strike price, il valore dell’opzione è pari alla differenza tra strike price e prezzo di mercato; se alla scadenza il valore dell’attività è maggiore dello strike price il valore dell’opzione è nullo, poiché la facoltà non verrà esercitata.

Da quanto argomentato, è di tutta evidenza come le opzioni in esame siano caratterizzate da una forte asimmetria della distribuzione dei rischi assunti.

Infatti, l’acquirente mantiene integra la possibilità di realizzare profitti illimitati qualora la sua opzione si muova progressivamente in the money, mentre è esposto ad un rischio massimo pari al premio pagato se la sua opzione si assesta at the money o scende out of the money. Per converso, il venditore dell’opzione ha un reddito massimo pari al premio incassato, mentre, in linea teorica, è esposto ad una perdita illimitata (cfr., GABBRIELLI – DE BRUNO, Capire la Finanza, cit., 995).

Avendo riguardo, infine, al rischio relativo alla solvibilità della controparte, va osservato che mentre il venditore ne è praticamente privo, poiché di norma incassa il premio contestualmente alla stipulazione del contratto, l’acquirente, al contrario, deve accollarsi il rischio (esteso peraltro a tutta la durata del contratto) che il venditore non esegua il proprio obbligo.

Prima pagina della rivista

 

Riceva gratuitamente la Newsletter Tidona di diritto bancario e finanziario

 

Raccolta di Giurisprudenza in omaggio:

Il Decreto Ingiuntivo della Banca nei confronti del debitore

Richieda la Raccolta in OMAGGIO

 

Convegno

La Tutela del Credito della Banca nel Contenzioso con la Clientela

22 maggio 2014

Borsa Italiana - Milano

 

Programma e Modulo di iscrizione

 

 

Il Nuovo Testo Unico Annotato con la Giurisprudenza

Edizione 2013 - 679 pagine con la giurisprudenza più aggiornata sul diritto contenzioso bancario

Tidona Editore

Il Nuovo Testo Unico Bancario Annotato con la Giurisprudenza - 2013 - Tidona Comunicazione

Modulo di acquisto

 

Banca-dati specializzata nel diritto Bancario e finanziario

 
 

 

 

Si iscriva alla Newsletter Tidona per ricevere articoli e novità di diritto bancario e finanziario
 
Note obbligatorie per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, ed ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria la indicazione della fonte nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - www.tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
E' consentito il solo rimando ipertestuale (c.d. link) dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
Non è consentito che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo dell'articolo medesimo), sia copiato in altro sito e comunque con le indicazioni della Fonte come sopra indicato. Grazie dell'attenzione.
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 

Vai alla Pagina PrecedenteTorna Su

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |