Studio Legale Tidona e Associati

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

La Centrale dei Rischi. L'errata segnalazione di una posizione inesistente o diversa e l'obbligo di risarcire il danno da parte dell'istituto segnalatore

Di Maura Castiglioni, Avvocato

25 giugno 2001

 
 

 

Il servizio di centralizzazione dei rischi è gestito dalla Banca d’Italia allo scopo primario di raccogliere informazioni relative alle caratteristiche delle posizioni debitorie degli affidati, nei confronti del sistema creditizio e di fornire alle istituzioni segnalanti una conoscenza realistica dell’effettivo stato patrimoniale e capacità economiche degli utenti, al fine di decidere su eventuali concessioni di affidamenti agli stessi.

 

Nell’ipotesi di erronea segnalazione - in quanto la posizione debitoria sia inesistente, o sia segnalato in “sofferenza” un credito che l’affidato ha piena capacità di soddisfare - ne deriva in capo al soggetto segnalante una responsabilità che lo obbliga a risarcire i danni al cliente “a titolo di responsabilità contrattuale, se la segnalazione è avvenuta nell’ambito di un rapporto negoziale tra le parti, o, altrimenti a titolo di responsabilità extra contrattuale” (Trib. Cagliari 28/11/1995 in Banca, borsa e finanza, 1997, II, 354).

 

Una erronea segnalazione costituisce sempre grave violazione del dovere di massima attenzione al quale sono tenuti - secondo le istruzioni della Banca d’Italia - gli intermediari. Si tratta di una tipica violazione degli obblighi di correttezza dettati dalla legge o dagli usi, nel solco di quelle cautele ritenute in via generale necessarie, per la stessa natura professionale dell’esercizio del credito, nel rispetto delle ragioni dell’utenza e delle altre aziende bancarie (Cass. civ. sent. n. 343 del 13/01/1993).

 

La responsabilità dell’istituto di credito nei confronti del cliente ingiustamente ed antigiuridicamente segnalato è facilmente desumibile anche dal Foglio Informativo della Centrale dei Rischi, diffuso dalla Banca d’Italia, laddove al paragrafo 5.4, pag. 4, stabilisce che “i dati registrati negli archivi della Centrale dei Rischi derivano dalla elaborazione automatica delle segnalazioni trasmesse dagli intermediari partecipanti al servizio, ai quali compete pertanto la responsabilità circa l’esattezza delle stesse”.

E ancora nel Foglio Informativo si stabilisce altresì l’obbligo degli intermediari segnalanti di inviare le relative rettifiche nel caso in cui si rilevino errori nelle segnalazioni di rischio.

 

Il comportamento dell’azienda di credito come condotta illegittima, è potenzialmente idoneo a pregiudicare, in modo irreparabile, la posizione del soggetto segnalato, soprattutto allorquando sia documentato il decisivo rilievo preclusivo dato, da altro istituto, alla presenza dell’errata segnalazione (Ordinanza Trib. Bari, 22/12/2000, Giudice dott. Ettore Cirillo).

 

Le conseguenze derivanti dalla segnalazione di una posizione debitoria non più esistente sono facilmente ravvisabili. Infatti l’iscrizione erronea è destinata ad assumere rilevanza peculiare in un’ottica commerciale ed imprenditoriale, risolvendosi in un indubitabile discredito commerciale ed in un conseguente danno alla reputazione commerciale (Ordinanza del Trib. Bari del 22/12/2000, Giudice dott. Ettore Cirillo).

 

Inoltre una erronea segnalazione comporta il rischio di una limitazione all’accesso del credito, nel momento in cui gli altri istituti vengono scoraggiati – rectius, impediti – dal concedere altri affidamenti, proprio a seguito della attestata - attraverso la segnalazione alla Centrale dei Rischi - seppure erronea, incapacità di rimborso. E ancora in casi estremi la illegittima segnalazione potrebbe condurre ad un vero e proprio stato di insolvenza del soggetto interessato, qualora oltre alla mancata concessione di nuovi finanziamenti, gli venissero revocati - o comunque ridotti - quelli già in essere.

 

Difatti una segnalazione - a maggior ragione qualora la stessa sia erronea - determina una notevole lesione al nome commerciale del soggetto segnalato e conseguentemente lede l’affidabilità riposta nell’individuo dai singoli istituti di credito, i quali sono spesso indotti a ridurre i finanziamenti in essere.

Una situazione di illegittima ed erronea segnalazione danneggia pertanto ingiustamente il cliente in quanto dovuta ad errori o abusi e giustifica un risarcimento a vantaggio del soggetto interessato per la responsabilità in capo all’ente segnalante.

 

Quanto sopra anche in ossequio alla Legge n. 675 del 1996, la quale all’art. 9 stabilisce appunto che “i dati personali devono essere trattati in modo lecito e secondo correttezza”.

 

Vedi anche: Foglio Informativo della Centrale dei Rischi, diffuso dalla Banca d’Italia.

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |