Studio Legale Tidona e Associati

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

Una ordinanza di rimessione alla Corte Costituzionale per l'illegittimità del d. lgs. n. 342/99  sull'anatocismo bancario

maggio 2000

 

Per una ampia rassegna di giurisprudenza sull'anatocismo bancario: Rassegna di giurisprudenza in materia di anatocismo bancario - anni 1980-2007

Si legga l'articolo: Il risarcimento derivante dalla capitalizzazione trimestrale di interessi anatocistici.

Per una compiuta spiegazione  dei motivi di incostituzionalità si veda l'articolo: L'incostituzionalità del d. lgs. n. 342/99 sull'anatocismo bancario.

 

---------------------

 

Tribunale di Bari, ordinanza del 23/11/1999

Giudice unico Agostinacchio

 

Non è manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale, sotto il profilo della violazione degli artt.3 e 76 Cost., della norma ex art. 25 co.3, D.Lgs. 4/08/1999 n.342, recante modifiche al D.Lgs. 385/1993, per i seguenti motivi:

- il D.Lgs. 342/1999 è stato emanato in esecuzione della delega contenuta dall’art.1 co.5, L. 24/04/1998 n.128, che autorizzava il Governo ad emanare, entro il termine di un anno dall’entrata in vigore di tale legge e cioè entro un anno dal 22/05/1998, "disposizioni integrative e correttive del D.Lgs. 385/1993, nel rispetto dei principi e criteri direttivi e con l’osservanza della procedura indicati nell’art. 2 l.19/02/1992 n.142"; essendo l’art. 25 co.3 D.Lgs. 342/1999 pubblicato il 4/10/1999, la potestà legislativa delegata è stata esercitata oltre il termine perentorio previsto dalla legge-delega ed in possibile violazione dell’art.76 Cost. nella parte in cui prevede che il potere delegato deve essere esercitato "entro un tempo limitato";

- la L. 19/02/1992 n.142, contenente i criteri direttivi da osservarsi nell’esercizio dell’attività delegata, stabilisce i principi generali per l’esercizio dell’attività bancaria, ma non disciplina il singolo rapporto negoziale fra cliente ed istituto di credito; l’art. 25 co.3, D.Lgs. 4/08/1999 n.342, regolando la c.d. capitalizzazione degli interessi ha realizzato un ulteriore possibile violazione dell’art.76 Cost. sotto il profilo dell’eccesso di delega;

- l’art. 25 co.3, D.Lgs. 4/08/1999 n.342, ha disciplinato, nel rispetto delle osservazioni di Cass. n.2374 del 16/3/1999, la c.d. capitalizzazioni degli interessi (anatocismo) soltanto per l’avvenire, e cioè a far data dall’emananda delibera del CICR, legittimando dunque, fino a tal data, gli istituti di credito a perseverare in una prassi anatocistica; in tale scelta risiede un eventuale ulteriore profilo di incostituzionalità sotto il profilo dell’irragionevolezza del dettato normativo, in quanto non sono comprensibili le ragioni della disuguaglianza tra la posizione del correntista, che vede computarsi gli interessi su base annuale, e dell’istituto di credito, che può giovarsi della capitalizzazione trimestrale degli interessi a debito, disuguaglianza tanto più ingiustificata in quanto riferita ad una prassi censurata da Cass. 16/3/1999 n. 2374.

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |