Studio Legale Tidona e Associati  | Diritto Bancario e Finanziario

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

I patti parasociali dopo la riforma Draghi

In particolare: gli oneri di pubblicità legale dei patti e gli adempimenti informativi in caso di recesso

Di Simona Siani, Avvocato

19 marzo 2001

 

 
 
SOMMARIO: 1. Il regime di trasparenza degli assetti proprietari delle società quotate prima della Riforma Draghi. Cenni. - 2. I patti parasociali in generale.  - 3. In particolare: le tipologie di patti parasociali di cui all’art. 122 d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58. - 4. Gli oneri di pubblicità legale dei patti parasociali. – 4-bis. L’invalidità dei patti non pubblicizzati nelle forme previste. - 5. Patti parasociali a tempo determinato ed indeterminato. In particolare: gli adempimenti informativi in caso di recesso. - 6. Il potere di disapplicazione della CONSOB. - 7. Conclusioni.
 
 
1. Il regime di trasparenza degli assetti proprietari delle società quotate prima della Riforma Draghi. Cenni.
 
Successivamente all’entrata in vigore del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, Testo Unico delle disposizioni in materia di mercati finanziari, autorevole dottrina ha posto in evidenza come, già prima dell’emanazione del Testo Unico, numerose erano le norme dirette a far acquisire alla autorità di controllo e al pubblico dei risparmiatori una serie di informazioni chiara e veritiera circa le partecipazioni sociali nelle società quotate.
Tra queste, non potendo nella sede che ci occupa procedere ad un esame esaustivo di tutte le norme in tema di trasparenza degli assetti proprietari delle società quotate, si ricordano, in particolare, le seguenti:
-          art.3 L. n. 216/1974 e successive modificazioni, ai sensi del quale la CONSOB poteva richiedere alle società con titoli quotati in borsa nonché agli enti aventi per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali, i cui titoli erano quotati in borsa, la comunicazione anche periodica di dati e notizie, come pure la trasmissione di atti e documenti; alla stessa CONSOB la norma riconosceva, altresì, il potere di eseguire ispezioni e di assumere notizie e chiarimenti dagli amministratori, dai sindaci o revisori e dai direttori generali al fine di accertare l’esattezza e completezza dei dati e delle notizie comunicati o pubblicati;
-          art.4 bis L. n. 216/1974 che riconosceva alla CONSOB il potere di richiedere alle società con azioni quotate in borsa o ammesse alle negoziazioni nel mercato ristretto - ed alle società ed enti di qualsiasi natura che vi partecipassero direttamente o indirettamente - l’indicazione nominativa dei soci secondo le risultanze del libro dei soci, delle comunicazioni ricevute e di altri dati a loro disposizione. La citata prescrizione, al secondo comma, disponeva che le società fiduciarie - che avessero intestate a proprio nome azioni o quote di società appartenenti a terzi - erano tenute a comunicare alla Commissione (previa richiesta di quest’ultima) le generalità dei fiducianti;
-          artt.5 e 5 bis L. n. 216/1974, che prescrivevano un obbligo di comunicazione delle partecipazioni rilevanti e delle successive variazioni della partecipazione. In particolare, il citato art.5 prevedeva che tutti coloro che partecipavano ad una società con azioni quotate in borsa (ovvero ammesse alle negoziazioni nel mercato ristretto) in misura superiore al 2% del capitale di questa, erano tenuti a darne comunicazione scritta alla società stessa ed alla CONSOB. Nella specie, la legge prevedeva che detta comunicazione fosse adempiuta in conformità ad appositi modelli predisposti dalla CONSOB, i quali imponevano anche l’indicazione della tipologia del rapporto di partecipazione, con la necessità di specificare, tra l’altro, l’eventuale sussistenza di un controllo della società attraverso un patto di sindacato[1];
-          art.17 L. n. 216/1974, ai sensi del quale gli amministratori, i sindaci e i direttori generali di società con azioni quotate in borsa erano tenuti a dichiarare per iscritto alla CONSOB, ed alla società, le partecipazioni nella società stessa o in società controllate entro trenta giorni dalla data di accettazione della nomina o dalla data dell’acquisto.
Successivamente, vi furono ulteriori interventi normativi diretti a perseguire l’obiettivo dell’informazione societaria.
In proposito va osservato che, in un primo momento, fu la CONSOB a richiedere notizia dell’esistenza dei patti di sindacato di voto e, in seguito, dei sindacati di blocco: tra gli interventi della Commissione si ricorda, per tutti, il Regolamento di attuazione della disciplina sull’insider trading adottato con delibera n. 5553 del 14 novembre 1991.
In un secondo momento, fu, invece, il legislatore ad introdurre norme dirette a garantire la piena trasparenza dei patti e a disciplinare determinati settori dell’ordinamento economico, tra i quali l’ordinamento bancario, l’insider trading, l’intermediazione mobiliare, le partecipazioni rilevanti, l’OPA.
In particolare, ci si riferisce alla disciplina contenuta nell’art.10, commi 4, 5, e 6 L. 18 febbraio 1992 n. 149 (legge sull’OPA), così come modificata dall’art.7.1. di cui al D.L. 31 maggio 1994 n. 332 convertito in L. 30 luglio 1994 n. 474 (nota come legge sulle privatizzazioni). La norma citata – abrogata dall’art.214, comma 1, lett. ee) d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 a far tempo dal 1° luglio 1998 - prevedeva che qualunque patto o accordo che comportasse per gli aderenti limitazioni o regolamentazioni del diritto di voto, obblighi o facoltà di preventiva consultazione per l’esercizio dello stesso, ovvero obblighi circa il trasferimento delle azioni, ovvero qualunque accordo per l’acquisto concertato dovesse essere comunicato, a pena di inefficacia, alla CONSOB entro 5 giorni dalla data di stipulazione, e reso pubblico, per estratto, mediante annuncio su tre quotidiani a diffusione nazionale, di cui due economici.
 
2. I patti parasociali in generale.
 
Prima di procedere all’esame delle norme che hanno definitivamente legittimato l’esistenza dei patti parasociali nel nostro ordinamento, dettando per i patti stessi specifiche regole dirette ad assicurarne la trasparenza, appare opportuno offrire  una definizione generale di patto parasociale ed individuarne gli elementi strutturali tipici.
Per patti parasociali devono intendersi, in genere, tutti quegli accordi stipulati dai soci (da alcuni di essi ovvero anche da tutti), fuori dell’atto costitutivo e dello statuto, per regolare inter se o anche nei rapporti con la società, con organi sociali o con terzi, un loro interesse o una loro condotta sociale[2].
I patti parasociali sono, dunque, quei contratti (o patti) che vengono stipulati tra i soci, o tra alcuni di essi, al momento della costituzione della società o durante la vita di questa e che sono destinati a regolare i comportamenti che le parti si prefiggono di tenere nella loro qualità di soci[3].
Essi, in sostanza, sono accordi che tutti o alcuni soci, stipulano a latere dell’atto costitutivo e che sono funzionali a regolamentare il loro comportamento nelle dinamiche del governo societario, con modalità e termini tali da salvaguardare gli interessi particolari degli aderenti; i patti in discorso, dunque, sono espressione dell’autonomia privata e possono essere giuridicamente ricondotti all’ampia categoria dei contratti atipici[4], con l’unico limite della eventuale immeritevolezza degli interessi in concreto perseguiti[5].
Connotati essenziali dei patti parasociali sono, da un lato, la loro coesistenza con il rapporto sociale, poiché regolamentano situazioni giuridiche originanti dal contratto di società; dall’altro, la loro separazione dal regolamento legale e statutario del rapporto, dal momento che si collocano al di fuori del contratto di società[6].
Il primo elemento postula che almeno una delle parti del negozio parasociale sia un socio[7].
Il secondo elemento - la riconducibilità, cioè, degli accordi parasociali a negozi distinti dal contratto di società - spiega la particolare disciplina che li caratterizza e che li assoggetta alle regole generali dei contratti e delle obbligazioni, anziché a quelle del diritto delle società[8].
Ed ancora, sul piano dell’efficacia, i patti parasociali si distinguono dal contratto sociale, data la loro efficacia meramente obbligatoria. Cosicchè, l’eventuale inadempimento rileva unicamente quale fonte di responsabilità contrattuale e, sul versante societario, esso non incide sulla validità delle delibere (in caso di sindacato di voto) o delle alienazioni a terzi delle azioni o quote bloccate (in caso di sindacato di blocco).
Del resto, come è stato efficacemente puntualizzato dalla ormai nota ed innovativa sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 9975 del 20 settembre 1995, il vincolo nascente da un sindacato di voto … opera su un terreno esterno all’organizzazione sociale – donde, appunto, il carattere parasociale del patto – e non impedisce in alcun modo al socio di determinarsi liberamente nell’esercizio del voto in assemblea; sicché il funzionamento dell’organo assembleare non è in questione e non sarebbe dunque esatto sostenere che, vincolando con dei patti parasociali la propria libertà di voto, i soci finirebbero per svuotare l’assemblea delle funzioni e dei poteri che ad essa la legge attribuisce.
La circostanza che il socio medesimo si sia, in altra sede, impegnato a votare in un determinato modo, rileva solo per l’eventuale responsabilità contrattuale nella quale egli incorrerebbe - ma unicamente verso gli altri firmatari del patto parasociale - violando quell’accordo.
Il vincolo obbligatorio assunto, opera, cioè, né più né meno che come qualsiasi altro possibile motivo soggettivo ed individuale che possa spingere un socio ad assumere in assemblea un certo atteggiamento e ad esprimere un determinato voto. Ma nessuno potrebbe impedire a quel socio di optare per il non rispetto del patto di sindacato ogni qual volta, a suo personale giudizio, l’interesse ad un certo esito della votazione assembleare prevalga sul rischio di dover rispondere dell’inadempimento verso gli altri partecipanti al patto di sindacato[9].
Nello stesso senso è, altresì, orientata la più recente giurisprudenza di merito, laddove sostiene che i patti sindacali hanno efficacia soltanto obbligatoria fra i contraenti ed esterna alla società, di cui non alterano struttura ed ordinamento istituzionali, e, pertanto, se disattesi, non incidono negativamente sulla validità delle delibere assembleari. Nel contrasto fra l’obbligo parasociale e il diritto del socio di libera partecipazione alla formazione della volontà sociale, resta perciò inalterata la libertà dei singoli soci di votare anche in difformità dei patti parasociali, salve le conseguenze dell’inadempimento[10].
Nell’ambito del genus dei patti parasociali, la species che ha avuto maggiore diffusione nella pratica è rappresentata dalle convenzioni di voto[11], ossia dagli accordi con i quali i soci (alcuni o tutti) si alleano, vincolandosi reciprocamente in ordine al modo con cui eserciteranno il voto nell’assemblea della società[12].
Accanto alle convenzioni di voto, hanno, peraltro, proliferato molti altri accordi, eterogenei nei contenuti, finalizzati ad adeguare lo schema societario all’intento ed agli interessi concreti delle parti[13].
Si ricordano, in breve, le seguenti tipologie di patti:
-          patti di consultazione, ossia patti che hanno l’effetto di imporre agli aderenti obblighi di preventiva consultazione sulla direzione dell’esercizio del diritto di voto e che, a differenza dei sindacati di voto - nei quali l’intendimento collettivo è vincolante per l’espressione individuale del voto - hanno come finalità il semplice scambio di informazioni prima che il convincimento del singolo aderente sia formato in modo definitivo[14];
-          sindacati di blocco, ossia patti che, in generale, hanno l’effetto di porre limitazioni, sia qualitative che quantitative, al trasferimento, al di fuori del patto, di azioni o strumenti finanziari che attribuiscono diritti di acquisto o sottoscrizione delle stesse[15]. In buona sostanza, si tratta di accordi diretti, generalmente, ad assicurare compattezza alla compagine societaria attraverso la limitazione del potere di trasferire le azioni; tali accordi, sostanzialmente, si esplicano nel divieto di alienazione di tali strumenti, con l’obbligo, in caso contrario, di offrirli in prelazione agli altri soci sindacati. In questa categoria di patti autorevole dottrina ha ricondotto, altresì, le clausole statutarie di gradimento, ossia quelle clausole che impongono di alienare la propria partecipazione azionaria solo a soggetti che abbiano preventivamente ottenuto il placet dagli altri aderenti[16]; ed ancora, i patti con i quali ci si impegna a non aderire ad una offerta pubblica (volontaria od obbligatoria) di acquisto;
-          patti di acquisto, ossia patti che hanno l’effetto di imporre l’acquisto di azioni o di strumenti finanziari che attribuiscono facoltà di acquisto e sottoscrizione di azioni, sia nella società di riferimento che in altre, allo scopo di rafforzare la posizione di controllo del patto nel suo complesso[17]; sul piano ermeneutico, la dottrina ha ritenuto che detta tipologia di patti parasociali si caratterizza per la previsione di un effetto giuridico  (l’acquisto) che deve riguardare i parasoci: il contenuto di cui all’art.122, comma 5, lett.c) sembrerebbe, infatti, non riguardare, attualmente ed immediatamente, il diritto di voto, ma solo un “concertato acquisto” di azioni o di strumenti finanziari. Ed ancora, la stessa dottrina, ha rilevato che il termine “concertato”, riferito all’acquisto, sarebbe scomparso nel testo definitivo del d.lgs. 58/1998, in quanto l’acquisto sembrerebbe dover essere il solo oggetto del disegno contrattuale e, pertanto, necessariamente concertato e voluto[18];
-          patti aventi per oggetto o per effetto l’esercizio anche congiunto di una influenza dominante sulle società quotate o sulle società che le controllano, la cui fattispecie costituisce, in realtà, una previsione di natura residuale e di chiusura all’interno di un sistema volto a rendere trasparenti gli assetti proprietari delle società quotate[19];
-          patti di concentrazione delle azioni, con i quali i soci fondatori si obbligano a trasferire ad uno di essi tutte le azioni non appena costituita la società[20];
-          ed infine, patti di smobilizzo delle partecipazioni nonché gli impegni assunti verso terzi creditori sociali (tra cui le lettere di patronage), con i quali si promette al finanziatore di tenere una certa condotta sociale all’interno della società partecipata e finanziata[21].
 
3. In particolare: le tipologie di patti parasociali di cui all’art.122 d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58.
 
Il d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 - Testo Unico delle disposizioni in materia di mercati finanziari ai sensi degli artt.8 e 21 della L. 2 febbraio 1996 n. 52 (cd. Riforma Draghi) - ha operato un significativo intervento nell’ambito dei patti parasociali, soprattutto nel senso di aver provveduto ad una diretta tipizzazione degli stessi da un punto di vista contenutistico e soggettivo, giungendo, in tal modo, a legittimarne l’esistenza nel nostro ordinamento giuridico.
In particolare, il Testo Unico – che dedica apposite disposizioni (artt.122, 123 e 207) ai patti parasociali – afferma, in linea di principio, la validità dei patti stessi, purché resi pubblici, con conseguenze positive sull’informazione dei mercati e delle minoranze e dètta, per i patti in discorso, i presupposti per una loro più organica e compiuta individuazione e regolamentazione.
La nuova disciplina dei patti di cui al decreto – la cui ratio va essenzialmente individuata nella tutela del risparmio e degli azionisti di minoranza - ha posto in primo piano l’interesse del mercato ad una informazione trasparente sugli assetti di potere delle società quotate. In altri termini, il legislatore, nell’aver preso atto che i patti parasociali rappresentano consolidati strumenti diretti ad esercitare un controllo sulla società, ha perseguito essenzialmente l’obiettivo di rendere trasparenti i patti stessi, dettando, per essi, specifici oneri di pubblicità.
In questa ottica, l’art.122 del d.lgs. 58/1998 assume grande rilievo, in quanto la norma - sia pure avendo riguardo alle sole società con azioni quotate ed alle società che le controllano - sancisce la piena e definitiva legittimazione, nel nostro ordinamento, dei sindacati di voto, purché resi pubblici, così assicurandone la trasparenza.
In particolare, l’art.122 d.lgs. 58/1998 prescrive che:
1.         I patti, in qualunque forma stipulati, aventi per oggetto l’esercizio del diritto di voto nelle società con azioni quotate e nelle società che le controllano sono: a) comunicati alla Consob entro cinque giorni dalla stipulazione; b) pubblicati per estratto sulla stampa quotidiana entro dieci giorni dalla stipulazione; c) depositati presso il registro delle imprese del luogo ove la società ha la sede legale entro quindici giorni dalla stipulazione.
2.         La Consob stabilisce con regolamento le modalità e i contenuti della comunicazione, dell’estratto e della pubblicazione.
3.         In caso di inosservanza degli obblighi previsti dal comma 1 i patti sono nulli.
4.         Il diritto di voto inerente alle azioni quotate per le quali non sono stati adempiuti gli obblighi previsti dal comma 1 non può essere esercitato. In caso di inosservanza, si applica l’art.14, comma 5. L’impugnazione può essere proposta anche dalla Consob entro il termine indicato nell’art.14, comma 6.
5.         Il presente articolo si applica anche ai patti, in qualunque forma stipulati: a) che istituiscono obblighi di preventiva consultazione per l’esercizio del diritto di voto nelle società con azioni quotate e nelle società che le controllano; b) che impongono limiti al trasferimento delle relative azioni o di strumenti finanziari che attribuiscono diritti di acquisto o di sottoscrizione delle stesse; c) che prevedono l’acquisto delle azioni o degli strumenti finanziari previsti dalla lettera b); d) aventi per oggetto o per effetto l’esercizio anche congiunto di un’influenza dominante su tali società.
In primo luogo, e con riferimento ai soggetti-società a cui si riferiscono i patti parasociali, si osserva che l’art.122 Testo Unico chiarisce espressamente che le norme in questione si applicano allorché i patti parasociali siano stipulati dai soci di società con azioni quotate e società non quotate, ma controllanti società quotate. 
Appare opportuno precisare, nella sede che ci occupa, che, a norma dell’art.119 del Decreto, si considerano società con azioni quotate le società italiane con azioni quotate in mercati regolamentati italiani o di altri paesi dell’Unione Europea, e dunque, gli obblighi pubblicitari previsti dalla norma in commento e le relative sanzioni non riguardano né le società italiane quotate solo su un mercato extracomunitario né le società straniere quotate in Italia[22].
Il Decreto in esame, poi, all’art.93, definisce, con riferimento alle società non quotate ma controllanti società quotate, il concetto di controllo rilevante ai fini della Disciplina degli Emittenti contenuta nella parte IV. Ebbene, affinché una società non quotata sia soggetta alle prescrizioni dell’art.122, essa dovrà disporre della maggioranza dei voti esercitabili nella assemblea ordinaria di una quotata (cd. controllo di diritto) o, in alternativa, essere in grado di esercitare su questa un’influenza dominante (cd. controllo di fatto)[23].
In secondo luogo, e con riferimento alle singole tipologie di patti, va osservato che il legislatore, pur non offrendo una definizione generale di patti parasociali, ne ha individuato una serie tassativa, ed ha scelto espressamente alcune specifiche ipotesi rientranti nella nozione generale offerta dalla dottrina[24].
Al riguardo, l’art.122 Testo Unico si apre con la previsione di patti che, in qualunque forma stipulati, hanno per oggetto l’esercizio del diritto di voto, per estendere la previsione anche ai patti che istituiscono obblighi di preventiva consultazione per l’esercizio del voto, ai patti che in ogni modo pongono limiti alla circolazione delle partecipazioni e di strumenti finanziari che attribuiscono diritti di acquisto o di sottoscrizione.
Quanto ai patti di cui all’art.122, comma 5, lettera c),            la loro previsione costituisce una novità e, nell’ambito di essa, potrebbero essere ricondotti, ad esempio, la clausola con la quale i soci sindacati si riservino il diritto di prelazione per l’acquisto di obbligazioni convertibili in azioni o di diritti di opzione delle altre parti e quella con cui essi convengano che, per la cessione degli stessi a terzi, occorra il gradimento preventivo del sindacato[25].
Ulteriore novità riguarda, infine, i patti aventi per oggetto o per effetto l’esercizio, anche congiunto, di un’influenza dominante sulle società quotate o loro controllanti, di cui all’art.122, comma 5, lettera d).
Trattasi, chiaramente, della annosa materia del controllo, disciplinata all’art.93, comma 1, Testo Unico ai sensi del quale sono considerate imprese controllate, oltre a quelle indicate nell’art.2359, primo comma, numeri 1 e 2, del codice civile anche le imprese, italiane o estere, su cui un soggetto ha il diritto, in virtù di un contratto o di una clausola statutaria, di esercitare un’influenza dominante, quando la legge applicabile consenta tali contratti o clausole (cd. contratti di dominio).
Con riferimento alla fattispecie dei patti di influenza dominante, autorevole dottrina ha criticamente posto in evidenza che, mentre il codice civile conosce la dicotomia influenza dominante-influenza notevole (cfr. art.2359, comma 1 e 3), l’art.122, comma 5, lett. d), investe solo il primo termine del binomio, lasciando aperto il problema del se un patto parasociale che abbia per oggetto o per effetto l’esercizio di un’influenza “solo” notevole – e che non ricada per altro motivo nell’ambito di applicazione dell’art.122, comma 5, lettere da a) a c) - sia da reputare assoggettato all’art.122[26]. Ed ancora, è stato osservato che poiché la norma in esame si riferisce all’esercizio “anche” congiunto di un’influenza dominante, deve ragionevolmente ritenersi che la disciplina in commento sia applicabile anche ai patti che, contrariamente ai primi, abbiano per oggetto o per effetto l’esercizio “non” congiunto di quel tipo di influenza[27].
 
4. Gli oneri di pubblicità legale dei patti parasociali.  
 
Proseguendo nell’esame della disposizione di cui all’art.122 Testo Unico, si osserva che la norma citata, dopo aver individuato i patti da regolamentare – e dopo avere, con la successiva norma transitoria di cui all’art.207, riconosciuti e legittimati i corrispondenti patti già esistenti – prescrive, nel comma 1, per le quotate e le loro controllanti oneri di comunicazione, di diffusione e di pubblicità legale, ossia l’obbligo di comunicazione alla CONSOB dell’avvenuta stipulazione del patto da assolvere entro cinque giorni nonché l’obbligo, di cui al comma 1, lettera b), di pubblicare per estratto i patti sulla stampa quotidiana entro dieci giorni dalla stipulazione[28].
Si osserva, dunque, che mentre la pubblicazione sulla stampa quotidiana può limitarsi all’estratto, alla CONSOB dovrà essere comunicato il testo integrale del patto. 
La norma del Testo Unico, inoltre, all’art.122, comma 2, ha affidato alla CONSOB il compito di stabilire, con regolamento, le modalità e i contenuti della comunicazione, dell’estratto, e della pubblicazione.
La CONSOB, con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999, in ottemperanza al disposto di cui all’art.122, comma 2, Testo Unico, ha adottato il regolamento di attuazione[29].  

[1] Cfr., Delibera  CONSOB del 25 settembre 1996 n.10234 in Bollettino CONSOB, n.10, ottobre 1996, p. 40 e ss..

[2] Cfr., per tutti, OPPO, Contratti parasociali, Milano, 1942, p. 96 e ss.; Id., Le convenzioni parasociali tra diritto delle obbligazioni e diritto delle società, in Riv. Dir. Civ. 1987, p. 571 e ss..

[3] Cfr., per tutti, DI SABATO, Manuale delle società, Torino, 1999, p. 147.

[4] Cfr., per tutti, FARENGA, I contratti parasociali, in Nuova Giur. Comm., 1989, II, p. 63 e ss., con ulteriori ampi riferimenti dottrinali e giurisprudenziali.

[5] Cfr., per tutti, ASCARELLI, In tema di sindacati azionari, in Banca Borsa e Titoli di credito, 1958, II, p. 550; FARENGA, I contratti parasociali, Milano, 1987, p. 471; BUTTARO, voce Sindacati azionari, in NNDI, vol. XII, Torino, 1970, p. 428; CARBONE, Le convenzioni di voto e la teoria generale del contratto, in NGCC, 1992, p. 49 e ss.; MASERA, Note in tema di nuove regole per le imprese quotate, in Giur. Comm., 1997, I, p. 807.

[6] Cfr., RESCIO, La distinzione del sociale dal parasociale, in Riv. Società, 1991, p. 596 e ss.; del medesimo orientamento, OPPO, Le convenzioni parasociali tra diritto delle obbligazioni e diritto delle società, cit., p. 571 e ss.; FARENGA, I contratti parasociali, cit., p. 63 e ss.; da ultimo, La legge Draghi e le società quotate in borsa diretto da Gastone COTTINO, Torino, 1999, p. 116.

[7] Cfr., così, FARENGA, I contratti parasociali, cit., p. 64.

[8] Cfr., per tutti, OPPO, Le convenzioni parasociali tra diritto delle obbligazioni e diritto delle società, cit., p. 517 e ss..

[9] Cfr., in giurisprudenza, Cass. 20 settembre 1995 n.9975 in Riv. Not. 1996, p. 626 e in Giur. It., 1996, I, 164; in dottrina, testualmente, ATELLI, in Il Testo Unico della intermediazione finanziaria, Commentario al D.Lgs 24 febbraio 1998 n. 58, RABITTI BEDOGNI (a cura di), Milano, 1998, sub artt.122-124, p. 668.

[10] Cfr., Trib. Roma 20 dicembre 1996, in Giur. Comm., 1997, II, 119, nota SONNINO.

[11] Per un’ampia rassegna di norme legislative ed amministrative facenti esplicito riferimento ai sindacati di voto, cfr., COSTI, I sindacati di voto nella legislazione più recente, estratto dal Testo della relazione tenuta al Convegno su “Sindacati di voto e di blocco” organizzata a Portofino nei giorni 8 e 9 giugno 1991 dalle Riviste Giurisprudenza commerciale e Diritto del commercio internazionale.

[12] Cfr., per tutti, SCHLESINGER, Sindacati di voto: oggetto delle clausole, in Giur. Comm., 1992, p. 424; ATELLI, Recesso ed inadempimento nelle convenzioni di voto in Contratto e impresa, 1997, p. 68 e ss..

[13] Cfr., La legge Draghi e le società quotate in borsa diretto da Gastone COTTINO, Torino, 1999, p. 117.

[14] Cfr., per ogni approfondimento, IRTI, I patti di consultazione, in Sindacati di voto e sindacati di blocco, a cura di Jaeger-Bonelli, Milano, 1993, p. 75 e ss.; LUCARINI ORTOLANI, Banche e partecipazioni, Milano, 1994, p. 146, nota 6; STELLA RICHTER JR., “Trasferimento del controllo” e rapporti tra soci, Milano, 1996, p. 160 e ss.; SCHIUMA, Controllo governo e partecipazione al capitale, Padova, 1997, p. 312, nota 88.

[15] Cfr., per tutti, CAMPOBASSO, Diritto delle società, Torino, 1995, p. 217.

[16] Cfr., per tutti, KUSTERMANN, Osservazioni sui patti parasociali dopo la “Riforma Draghi”, in Le società, 1998, p. 911.

[17] Cfr., ATELLI, in Il Testo Unico della intermediazione finanziaria, Commentario al D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, cit., p. 677.

[18] Cfr., KUSTERMANN, op. cit., p. 911.

[19] Cfr., LISANTI, La nuova disciplina sui patti parasociali di società quotate dopo il Regolamento Consob, in Le società, 1999, p. 918, il quale, in particolare, verifica in modo critico la possibilità di comprendere, sotto la previsione di patti di coalizione, ulteriori tipologie di accordi parasociali.

[20] Cfr., La legge Draghi e le società quotate in borsa diretto da Gastone COTTINO, Torino, 1999, p. 117.

[21] Cfr., La legge Draghi e le società quotate in borsa, cit., p. 117.

[22] Cfr., COSTI, I patti parasociali, in La riforma delle società quotate, Atti del convegno di Santa Margherita Ligure, 13-14 giugno 1998, Milano, 1998, p. 119.

[23] Cfr., La legge Draghi e le società quotate in borsa, diretto da Gastone COTTINO, Torino, 1999, p. 122.

[24] Cfr., sopra par. 2.

[25] Cfr., ROSSI, Le diverse prospettive dei sindacati azionari nelle società quotate e in quelle non quotate, in Riv. Soc. 1991, p. 1358.

[26] Cfr., così, ATELLI, in Il Testo Unico della intermediazione finanziaria, Commentario al D.Lgs 24 febbraio 1998 n. 58, RABITTI BEDOGNI (a cura di), Milano, 1998, sub artt.122-124, p. 677.

[27] Cfr., così, ancora ATELLI, in Il Testo Unico della intermediazione finanziaria, Commentario al D.Lgs 24 febbraio 1998 n. 58, RABITTI BEDOGNI (a cura di), Milano, 1998, sub artt.122-124, p. 677.

[28] Cfr., Comunicazione CONSOB n. DIS/RM/96003888 del 30 aprile 1996 in Boll. Consob, 1996, 4, p. 136.

[29] Cfr., Estratto da: Regolamento recante norme di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 in materia di emittenti (adottato dalla CONSOB con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successivamente modificato con delibera n. 12475 del 6 aprile 2000).

Capo II Patti parasociali

Sezione I Comunicazione del patto

Art. 127 Soggetti obbligati e contenuto della comunicazione

1. Gli aderenti a un patto parasociale previsto dall'articolo 122 del Testo Unico sono solidalmente obbligati a darne comunicazione alla Consob.

2. La comunicazione è effettuata mediante trasmissione di:

a) copia integrale del patto dichiarata conforme all'originale;

b) copia dell'estratto pubblicato ai sensi della Sezione II del presente Capo; ove non ancora pubblicato l'estratto è trasmesso alla Consob entro il giorno di pubblicazione.

c) informazioni concernenti:

- gli elementi di identificazione, compreso il codice fiscale, degli aderenti al patto e dei soggetti ai quali fa capo il controllo degli stessi;

- la data di deposito presso il registro delle imprese; se il deposito non è stato ancora effettuato, la data è comunicata entro due giorni dal deposito stesso;

- il quotidiano nel quale l'estratto previsto dalla Sezione II del presente Capo è pubblicato e la data di pubblicazione; ove tali dati non siano disponibili, gli stessi sono comunicati entro il giorno della pubblicazione.

3. Fermo il disposto del comma 2, i documenti indicati nelle lett. a) e b) dello stesso comma sono trasmessi anche mediante riproduzione su strumenti informatici.

Art. 128  Altre comunicazioni

1. Entro cinque giorni dal loro perfezionamento sono comunicate alla Consob:

a) le modifiche del patto, mediante trasmissione di copia integrale del patto modificato con evidenza delle variazioni intervenute ovvero di copia del separato accordo che ha modificato il patto originario; il patto modificato o l'accordo modificativo è altresì trasmesso mediante riproduzione su strumenti informatici;

b) le variazioni delle azioni e degli strumenti finanziari che attribuiscono diritti di acquisto o di sottoscrizione di azioni complessivamente o singolarmente apportati al patto e delle altre informazioni previste dall'articolo 130, comma 1, lett. b) e c) qualora dette variazioni non debbano essere comunicate ai sensi della precedente lett. a);

c) la notizia del rinnovo, anche tacito, e dello scioglimento del patto;

d) la data di deposito presso il registro delle imprese dell'accordo modificato; se il deposito non è stato ancora effettuato, la data è comunicata entro due giorni dal deposito stesso.

2. Copia dell'estratto e di quanto pubblicato ai sensi dell'articolo 131 è trasmessa alla Consob entro il giorno di pubblicazione, con indicazione del quotidiano e della data di pubblicazione.

3. Nell'ipotesi di recesso prevista dall'articolo 123, comma 2 del Testo Unico la notizia del preavviso è trasmessa alla Consob, a cura del recedente, entro cinque giorni dal suo inoltro.

Sezione II Estratto del patto

Art. 129  Modalità di pubblicazione dell'estratto

1. L'estratto è pubblicato su un quotidiano a diffusione nazionale, con veste tipografica idonea a consentirne un'agevole lettura.

2. Contestualmente alla pubblicazione, l'estratto è inviato alla società i cui strumenti finanziari sono oggetto del patto e, per la diffusione dello stesso, alla società di gestione del mercato.

Art. 130  Contenuto dell'estratto

1. L'estratto contiene le informazioni necessarie per una compiuta valutazione del patto e almeno le seguenti indicazioni:

a) la società i cui strumenti finanziari sono oggetto del patto;

b) il numero delle azioni e degli strumenti finanziari che attribuiscono diritti di acquisto o di sottoscrizione di azioni complessivamente conferiti, la loro percentuale rispetto al numero totale delle azioni rappresentative del capitale sociale e degli strumenti finanziari emessi della medesima categoria e, nel caso di strumenti finanziari, il numero complessivo delle azioni che possono essere acquistate o sottoscritte;

c) i soggetti aderenti al patto, esplicitando:

- il numero delle azioni o degli strumenti finanziari che attribuiscono diritti di acquisto o di sottoscrizione di azioni da ciascuno conferiti;

- le percentuali delle azioni da ciascuno conferite rispetto al numero totale delle azioni conferite e al numero totale delle azioni della medesima categoria rappresentative del capitale sociale; se il patto ha ad oggetto strumenti finanziari che attribuiscono diritti di acquisto o di sottoscrizioni di azioni, le percentuali di strumenti da ciascuno conferiti rispetto al numero totale degli strumenti conferiti e al numero totale degli strumenti emessi della medesima categoria nonché il numero delle azioni che possono essere acquistate o sottoscritte;

- il soggetto che in virtù del patto esercita il controllo della società.

Nei patti conclusi in forma associativa e in quelli conclusi fra più di cinquanta soggetti, le informazioni relative agli aderenti aventi una partecipazione non superiore allo 0,1 per cento possono essere sostituite dall'indicazione del numero complessivo di tali soggetti, del numero delle azioni complessivamente conferite e delle percentuali da queste rappresentate rispetto ai parametri sopra indicati. Entro sette giorni dalla pubblicazione dell'avviso di convocazione dell'assemblea di bilancio della società, è trasmesso alla società stessa un elenco contenente l'indicazione aggiornata delle generalità di tutti gli aderenti e del numero delle azioni da ciascuno conferite. L'elenco è reso disponibile dalla società per la consultazione da parte del pubblico;

d) il contenuto e la durata del patto;

e) l'ufficio del registro delle imprese presso cui il patto è depositato e, se già noti, la data e gli estremi del deposito.

2. Le informazioni previste dal comma 1, lett. c) sono integrate, se oggetto di previsione nell'accordo, dall'indicazione di:

a) tipo di patto tra quelli previsti dall'articolo 122, comma 5, del Testo Unico;

b) organi del patto, compiti ad essi attribuiti, modalità di composizione e di funzionamento;

c) disciplina del rinnovo del patto e del recesso dallo stesso;

d) clausole penali;

e) soggetto presso il quale gli strumenti finanziari sono depositati.

Art. 131  Variazioni, rinnovo e scioglimento del patto

1. In occasione di modifiche di clausole del patto cui si riferiscono le informazioni previste dall'articolo 130, il patto è pubblicato per estratto nella versione modificata secondo le disposizioni degli articoli precedenti, evidenziando le modifiche intervenute.

2. Se le modifiche riguardano esclusivamente i soggetti aderenti e il numero degli strumenti finanziari complessivamente o singolarmente apportati al patto, ovvero le percentuali previste dall'articolo 130, è consentito pubblicare solo le modifiche intervenute. Nel caso in cui, per effetto di tali modifiche, nessuna delle percentuali menzionate nell'anzidetto articolo 130, comma 1, lett. b) e c), vari di più di due punti percentuali, la pubblicazione è effettuata entro dieci giorni dalla conclusione di ciascun semestre dell'esercizio, indicando la situazione al momento esistente.

3. Con le modalità previste dall'articolo 129, sono pubblicate:

a) nell'ipotesi di recesso prevista dall'articolo 123, comma 2, del Testo Unico, la notizia del preavviso, a cura del recedente, entro dieci giorni dall'inoltro dello stesso;

b) la notizia del rinnovo, anche tacito, e dello scioglimento del patto entro dieci giorni dal loro perfezionamento.

(continua)

Continua nella II^ parte

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |