Studio Legale Tidona e Associati  | Diritto Bancario e Finanziario

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

L’art. 72 comma 4 della legge fallimentare

La facoltà del curatore di chiedere ed ottenere lo scioglimento del contratto preliminare di  vendita  immobiliare senza la necessità di autorizzazione dal giudice delegato. Profili di ingiustizia

Di Andrea Formica

12 novembre 2001

 

L’art. 72 del r.d. 16 marzo 1942, n. 267 (c.d. legge fallimentare) prevede, nel comma 4, che nel contratto di compravendita, in caso di fallimento del venditore, se la cosa venduta non è passata in proprietà del compratore (perché manca un contratto definitivo), il curatore fallimentare (senza specifica autorizzazione del giudice delegato) ha la possibilità di sciogliere il contratto preliminare.

Ciò significa che, anche nel caso, non del tutto infrequente, in cui l’acquirente abbia, contestualmente alla sottoscrizione del preliminare, corrisposto l’intero prezzo o una sua parte consistente al venditore poi fallito, può vedersi privato, per un intervento ad nutum del curatore, del bene acquistato e sperare (speranza spesso vana) di recuperare quanto versato a suo tempo (o una sua parte) solo insinuandosi al passivo del fallimento. Con l’esclusione ex lege di qualsivoglia possibilità di pretendere un risarcimento dei danni (a meno che, ci sembra di poter affermare, tali danni non fossero sorti prima del fallimento del venditore).

La giurisprudenza ha recentemente ribadito questo principio introdotto dall'art. 72, ritenendolo applicabile anche  al  preliminare di  vendita  immobiliare, ove l'impegno  reciproco  di  cedere  ed  acquistare il  diritto  dominicale  con la  sottoscrizione  di un  successivo  atto  traslativo non abbia trovato  esecuzione, a  nulla  rilevando  in contrario  la circostanza che sia  già  stato  trasferito il  godimento  dell'immobile ed integralmente  versato   il  prezzo,  circostanza  che  non vale  a  trasformare  un  contratto con efficacia obbligatoria in contratto con effetti reali. (Cassazione civile sez. I, 8 febbraio 2000, n. 1376, in Giust. civ. Mass. 2000, pag. 267).

Anche in passato l’interpretazione della Suprema Corte non si era discostata da tale impostazione, in qualche modo obbligata dal dato letterale della norma, ritenendo opponibile il potere di  scioglimento del contratto preliminare anche manifestato per la prima volta in grado di appello di una causa civile promossa dall’acquirente al fine di conseguire l’esecuzione specifica dell’obbligo di concludere il contratto ex art. 2932 c.c. e non assoggettando ad alcun termine tale facoltà del curatore (ex multis Cassazione civile sez. I, 8 marzo 1995, n. 2703, in Corriere giuridico 1995, pag. 693 e Cassazione civile sez. I, 14 gennaio 1993, n. 398, in Fallimento 1993, pag. 714).

Ora, è evidente che se la compravendita riguarda un bene immobile ed ha effetti anticipatori (pagamento dell’intero prezzo e trasferimento del possesso del bene) l’applicazione di questa norma della legge fallimentare assume per un certo verso aspetti perversi e, secondo l’idem sentire, profondamente ingiusti. Può capitare, cioè, che il compratore di un immobile dopo averlo pagato alla società venditrice (spesso una cooperativa o un’impresa costruttrice) ed esserne entrato in possesso (con ristrutturazioni, acquisto di mobili su misura e quant’altro) ritardi di qualche mese la stipulazione del rogito e, quindi, la formalizzazione (e successiva trascrizione) del passaggio di proprietà; se in questo lasso di tempo la società venditrice fallisce (o, in caso di cooperativa viene posta in liquidazione coatta amministrativa) il subentrante curatore fallimentare (o commissario liquidatore) ha la possibilità di sciogliere quel contratto preliminare mantenendo la proprietà dell’immobile e lasciando all’acquirente solamente la speranza dell’insinuazione al passivo per il prezzo pagato.

Questa rappresentazione, che può apparire di scuola, ha avuto in questi anni, purtroppo una fortissima radicazione nella realtà, tanto che si parla di un fenomeno di circa 300.000 famiglie in Italia che si trovano in questa situazione o in una situazione molto simile.

Pur commendevole, il tentativo recente del legislatore (con il d.l. 31.12.1996, n.669 conv. in l. 28.2.1997, n. 30, che ha introdotto il comma 5 dell’art. 72) di temperare l’afflittività di tale disposizione per i contraenti in bonis si è rivelato sterile. Infatti, non solo appare peregrina l’ipotesi contemplata nella norma introdotta che il contratto preliminare della compravendita immobiliare venga trascritto ai sensi dell’art. 2645bis c.c. (con ulteriore aggravio dei costi già elevati di una compravendita immobiliare), ma appare anche troppo debole la difesa accordata all’acquirente del fallito che, purché si attivi prima della scadenza degli effetti della trascrizione (un anno dalla data stabilita per il contratto definitivo o tre anni dalla stessa trascrizione)  ha solamente il diritto di insinuare al passivo il proprio credito che in questo caso diviene depositario del c.d. privilegio speciale ex art 2775bis c.c.

L’art. 72 della legge fallimentare è stato concepito nell’evidente intento (presente in tutta la legge fallimentare) di proteggere i creditori del fallito, tutelando il patrimonio del fallimento. D’altro canto, appare indubitabile la forte lesione di tutti coloro che si ritrovino ad aver acquistato beni da un soggetto, poi, fallito, soprattutto nel caso considerato della compravendita di un bene immobile.

Pertanto, è evidente che in questo contesto, senza neppure i margini interpretativi necessari per tentare la via della tutela giurisprudenziale (in passato si è provato, inutilmente, con l’uso dell’equazione tra contratto preliminare ad effetti anticipatori e contratto definitivo condizionato ad effetti traslativi), sarà necessario un deciso intervento legislativo che riformi la normativa, contemperando la difesa degli interessi dei creditori del fallito con l’esigenza di salvaguardare un diritto fondamentale dell’ordinamento legislativo italiano quale è quello della casa e inoltre (e non è poco) il patrimonio di migliaia di italiani.

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |