Studio Legale Tidona e Associati  | Diritto Bancario e Finanziario

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

Anatocismo bancario. La Corte Costituzionale dichiara inammissibile  il reclamo di incostituzionalità dell'art. 25 del d.lgs. 4-8-1999, n. 342 - sulla capitalizzazione trimestrale degli interessi bancari -, ma solo per motivi procedurali

Di Maurizio Tidona, Avvocato

2 ottobre 2000

 

Ordinanza n. 211 del 19-6-2000

 
Si legga anche:

La Corte Costituzionale con ordinanza n. 211 del 19-6-2000 ha dichiarato inammissibile il giudizio sul conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato nei confronti del Governo della Repubblica, sorto a seguito dell’art. 25, comma 3, del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 342, relativo alla validità ed efficacia delle clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi dovuti ad istituti di credito, e sollevato dal Tribunale di Brindisi con ricorso depositato il 1° dicembre 1999.

Il Tribunale di Brindisi sosteneva che il Governo, emanando la disposizione di cui all’art. 25 d.lgs. 342/1999, avesse esercitato poteri di natura giurisdizionale riservati in via esclusiva al potere giudiziario, e chiedeva quindi che la Corte annullasse tale disposizione, in quanto viziata da incompetenza assoluta.

La Corte Costituzionale con la detta ordinanza si è espressa invece negativamente dichiarando l’inammissibilità del giudizio, ma solamente per motivi di incompetenza a decidere la questione.

Secondo la Corte, la stessa avrebbe potuto decidere la questione solo ne "la materia di un conflitto la cui risoluzione spetti alla sua competenza" (art. 37, terzo e quarto comma, della legge 11 marzo 1953, n. 87).

La Corte ha ritenuto che il mezzo che il giudice possiede per sottoporre la legge ad un sindacato di costituzionalità, è il giudizio incidentale di legittimità costituzionale e non quello del conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato, posto invece a garanzia dell’ordine costituzionale delle competenze ed azionato invece dal Tribunale.

Quindi un rigetto motivato da soli motivi di procedibilità - che non riguarda i gravi profili di incostituzionalità che altri giudici hanno ripetutamente sollevato - che hanno condotto la Corte a deliberare in camera di consiglio e senza contraddittorio dovendo valutare esclusivamente se la stessa fosse competente a decidere sull’ammissibilità.

Così esattamente la Corte: “ Ritenendo che il mezzo che il giudice ha normalmente per sottoporre la legge al controllo di costituzionalità è il giudizio incidentale di legittimità costituzionale (sentenze n. 457 del 1999 e n. 409 del 1989); sicché è da escludere che possa essere sollevato conflitto quando, come nel caso in esame, la legge detta una disciplina destinata a trovare applicazione in giudizio e che può, proprio nel corso di un giudizio, essere denunciata in via incidentale dal giudice, perché ne sia verificata la legittimità costituzionale (ordinanza n. 398 del 1999) (...) per questi motivi dichiara inammissibile, ai sensi dell’art. 37 della legge 11 marzo 1953, n. 87, il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato, proposto dal Tribunale di Brindisi nei confronti del Governo con il ricorso indicato in epigrafe”.

La discussa questione sull’ammissibilità della capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi da parte delle banche rimane pertanto ancora aperta ed in attesa di essere risolta dalla Corte Costituzionale.

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |