Studio Legale Tidona e Associati  | Diritto Bancario e Finanziario

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

La sospensione dell'esecuzione per l'usurarietà degli interessi anche per i contratti stipulati antecedentemente alla L. 108/96: una applicazione pratica dal Tribunale  di Parma della sentenza della Cassazione n. 5286/2000

Di Maurizio Tidona, Avvocato

23 ottobre 2000

 

Si pubblica integralmente il decreto di sospensione da parte del Tribunale di Parma di una esecuzione intrapresa da una società finanziaria in forza di un mutuo concluso antecedentemente all'entrata in vigore della L. 108/96 - recante disposizioni in materia di usura -, ed in applicazione dell'art. 1815 c.c. ove dispone "se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi".

Interessante l'interpretazione data dal giudice il quale ha ritenuto che, ferme restando le somme riscosse, legittimamente stante la lettera del contratto stipulato, prima dell'iniziale rilevazione ministeriale, per quelle successive, ed oggetto dell' esecuzione, va valutato il superamento del tasso - soglia, avvenuto laddove vengano ricompresi, nel calcolo, gli interessi di mora. 

Ritenendosi pacifico comunque il mancato rimborso della somma capitale, rispetto a questa non si è ritenuta sussistere ragione per sospendere l'esecuzione.

 

 


 

 

TRIBUNALE DI PARMA

Ufficio Esecuzioni Immobiliari

Il Giudice dell'Esecuzione, letti gli atti ed a scioglimento della riserva che precede, osserva:

<ALFA srl> ha proposto opposizione all'esecuzione immobiliare promossa, nei suoi confronti, da <BETA spa>, in forza di tre contratti di mutuo fondiario e di erogazione a saldo e quietanza, per £. …………., i primi due per £. ……….., il terzo, sottoscritti pure da <Caia>, alle date 17 giugno 1994, 9 maggio 1995 e 18 febbraio 1997, a rate trimestrali e ad un tasso di ammortamento, rispettivamente: di 3.50 punti in più del T.u.s., 1,625%, in più del Prime Rate ABI, 1 punto in più del cit. Prime Rate, tempo per tempo vigente.

In particolare, i ricorrenti, pur avendo stipulato i primi due contratti in epoche antecedenti, invocano l'immediata applicabilità della legge 7 marzo 1996 n. 108.

Con essa, com'è noto, il legislatore, nel sostituire l'art. 644 c.p., ha previsto che "la legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari" (art. 1, terzo comma); l'art. 2, quarto comma, ha individuato la soglia usuraria nel "tasso medio risultante dall'ultima rilevazione pubblicata nella Gazzetta Ufficiale ai sensi del comma uno, relativamente alla categoria di operazioni cui il credito è compreso, aumentata della metà"; l'art. 4, infine, ha sostituito il secondo comma dell'art. 1815 c.c., nel senso che "se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi".

La questione è oggetto di ampio dibattito dottrinale e giurisprudenziale.

Sotto quest'ultimo profilo, l'orientamento prevalente - e condiviso da chi giudica - fra i giudici di merito, ma, a quanto pare ormai, anche di legittimità (cfr. CASS. 2 febbraio 2000 n. 1126 e 22 aprile 2000 n. 5286), è per l'immediata applicabilità della legge 108, e delle soglie via via indicate nella Gazzetta Ufficiale, nei rapporti di mutuo, quantomeno "limitatamente alla regolamentazione di effetti ancora in corso".

Nel caso de quo, ferme restando le somme riscosse, legittimamente stante la lettera del contratto stipulato, prima dell'iniziale rilevazione ministeriale, per quelle successive, ed oggetto della presente esecuzione, va valutato il superamento del tasso - soglia, avvenuto, per quanto riconosciuto dalla stessa difesa della creditrice opposta (fol. 10 comparsa di costituzione), laddove vengano ricompresi, nel calcolo, gli interessi di mora, applicati ai sensi dell'art. 3 del capitolato di patti e condizioni allegato al contratto.

La tesi di una loro non ricomprensione, propugnata dalla stessa difesa, attesa la loro natura marcatamente afflittiva, finalizzata a consentire una liquidazione automatica, e forfetaria, del danno da inadempimento, quindi differente rispetto a quella degli interessi corrispettivi appare non condivisa dalla S.C., nella cit. sentenza n. 5286/2000, a prescindere dall'entità del superamento del tasso - soglia.

Ne consegue, sotto quest'ultimo profilo, la concorrenza di gravi motivi per aderire alla richiesta di sospensione della esecuzione, ai sensi dell'art. 624, comma primo, c.p.c..

Ciò posto, però, non deve sfuggire che, se controversa è la questione dell'ammontare complessivo dovuto a <BETA spa>, dai mutuatari inadempienti (dovendosi, tra l'altro, decidere se propendere per un mutuo diventato gratuito, stante il disposto del secondo comma dell'art. 1815 c.c. cit., ovvero se applicare, in luogo degli interessi contrattuali, laddove divenuti usurari, il tasso - soglia di tempo in tempo stabilito), pacifico è il mancato rimborso della somma capitale, ammontante, in precetto, al 27 settembre 1999, a £. 192.568.205 (mutuo n. ......), al maggio 1999, a £. 253.089.474 (mutuo n. ......), al 18 agosto 1999, a £. 82.589.755 mutuo n. .......), rispetto alla quale non vi è ragione per sospendere l'esecuzione.

La S.C. ha, infatti, più volte affermato che l'intimazione di precetto per somma superiore a quella dovuta non produce la nullità di esso, dando luogo soltanto ad una riduzione della somma domandata, nei limiti di quella dovuta, rettifica validamente operabile nel corso del giudizio di esecuzione, senza che il precetto perda validità.

Come evidenziato dai Giudici di legittimità, se il legislatore non ha previsto, espressamente, la possibilità di sospendere parzialmente, l'esecuzione, la sospensione è prevista in un caso talmente simile a quello in esame (ult. comma dell'art. 624 cit.), che, per l'identità di ratio, può ben essere disposta anche in quest'ultimo (cfr., ad es., Cass. nn. 2938/1992, 1874/1993).

Si tratta d'impostazione chiaramente orientata all'esigenza di evitare che, per assurdo, venga sospesa totalmente l'esecuzione in caso di minimi errori per eccesso, contenuti nell'atto di precetto e giustificata anche dal fatto che, comunque, anche in caso di discrepanze maggiori, sarebbe incongruo addivenire alla sospensione totale, atteso che, fin quando il credito titolato non è semplicemente estinto per capitale, interessi e spese, sussiste ancora, in capo al creditore, il diritto di procedere ad esecuzione forzata (così, ad es., Pret. Torino, ord. 6 marzo 1996, De Benedetti c. Banco Ambrosiano).


P.T.M.

visto l'art. 624 c.p.c.,

sospende l'esecuzione per l'importo eccedente la sorte capitale in precetto, pari complessivamente a £. ……., oltre interessi, se ed in quanto dovuti, dalle varie date indicate per i singoli mutui, sino al soddisfo.

Visti gli artt. 616 e 180 c.p.c., fissa la prima udienza di trattazione, avanti a sé, per il ……….,

Parma, il 7 agosto 2000.

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |