Studio Legale Tidona e Associati

HOME

CONTATTO

CHI SIAMO

 

Magistra Banca e Finanza | Studio Legale Tidona e Associati | Diritto Bancario e Finanziario

Rivista di Diritto Bancario e Finanziario
Per contattarci

CERCA ARTICOLI:

La responsabilità della banca per la "rottura brutale" nella concessione di fido

Di Maurizio Tidona, Avvocato

ottobre 1999

 

E' principio di diritto comunitario che la banca compie un illecito quando, senza avere dato alcun avvertimento o preavviso, chiude il credito che aveva fino a quel momento accordato al cliente.

Il cliente ovviamente non ha diritto ad ottenere credito a tempo indeterminato, né la banca può considerarsi responsabile esclusivamente per il fatto della chiusura del credito. Ma sussistendo una serie di comportamenti della banca tali da indurre il cliente a ritenere che gli sia stato accordato credito con una certa stabilità la banca sarà responsabile per avere "rotto" il rapporto contrattuale (Vasseur, 1981, 66), avendo determinato per l'impresa accreditata un pregiudizio effettivo ed in particolare il suo momentaneo "strangolamento", costringendola improvvisamente - con un recesso ad nutum - a ricercare altrove la liquidità necessaria a sopravvivere (ed a coprire il debito conseguente alla stessa revoca "brutale").

Tale principio è stato peraltro recepito dalla dottrina italiana, la quale ha ipotizzato la responsabilità della banca che interrompa inopinatamente la concessione di fido, attraverso l'applicazione dei principi di correttezza e buona fede (artt. 1175 e 1375 c.c.).

Così anche la giurisprudenza in un caso pratico:  "Non può non convenirsi che il caso Caltagirone è insorto soltanto per l'inatteso comportamento dell'I.c.c.r.i. che dopo avere elargito credito più di ogni altro, ha ritenuto suo interesse revocare in un unico contesto, tale credito, esigendo l'immediato rientro delle centinaia di miliardi erogati senza alcuna cautela" (Tribunale Roma 28.12.83, FI 1984, I, 1986).

Ancora si riconosce, in una più articolata decisione, che il diritto della banca di recedere dall'apertura di credito è legittimo ma deve essere valutato attraverso l'applicazione dei principi di cui agli artt. 1175 e 1375 c.c. (Pretura Torino 31.12.88-2.1.89, BBTC, 1990, II, 805).

Più recentemente la Cassazione: "Resta pur sempre da rispettare il fondamentale principio dell'esecuzione dei contratti secondo buona fede (art. 1375 c.c.), alla stregua del quale non può escludersi che, anche se pattiziamente consentito in difetto di giusta causa, il recesso di una banca dal rapporto di apertura di credito sia da considerare illegittimo, ove in concreto esso assuma connotati del tutto imprevisti ed arbitrari" (Cass. 21.5.97, n. 4538, BBTC, 1997, II, 648).

Illegittimità ed arbitrio vi sarebbero quindi allorchè si riscontrasse la carenza del presupposto di correttezza e buona fede nella revoca "brutale" e tale da porre il cliente in una imprevista oggettiva situazione di grave difficoltà.

Elenco completo degli articoli

 

Si iscriva alla Newsletter per ricevere gli approfondimenti

 

Raccolta di Giurisprudenza in Omaggio:

IL CONTENZIOSO SUL MUTUO BANCARIO

Clicca qui per richiedere la Raccolta in omaggio

 
 
 

© COPYRIGHT TIDONA

Tutti i contenuti sono protetti dal diritto d'autore. Ogni utilizzo non autorizzato sarà perseguito ai sensi di legge.

RIPRODUZIONE VIETATA

 

 

 

Vedi tutti gli articoli
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Magistra Banca e Finanza
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito;  anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Magistra, Banca e Finanza - www.magistra.it - ISSN: 2039-7410, anno
Esempio: CASTIGLIONI M., La securitization in Italia, in Magistra Banca e Finanza - Tidona.com - ISSN: 2039-7410, 2010
Studio Legale Tidona | Diritto Bancario e Finanziario
 
In questo sito web utilizziamo cookies tecnici per migliorare la Sua navigazione. Continuando la navigazione acconsente al loro uso. Maggiori informazioni alla nostra cookie policy.

stampa questa pagina

© copyright 1998-2009 Studio Legale Tidona e Associati | Tidona.com |